Caro casse malati

20141109krumira1

di Krumira

Grazie, care concittadine e cari concittadini. Grazie 5’784 volte!

Quest’anno lavorerò due mesi e mezzo per la cassa malati. No, non ho trovato un nuovo impiego. Lavorerò per loro ma non mi pagheranno. Anzi, il contrario. Ma come?

Ecco, vi spiego: l’amato pargolo è cresciuto e ha raggiunto la maggiore età. Evviva! Da adesso in poi non ci dovremo più alzare di notte per recuperarlo al posto di polizia. Potrà finalmente comprarsi sigarette e superalcolici da solo… No, dai, scherzavo. Il ragazzo è un bravo figliolo, studia per diventare assistente ai disabili, è fidanzato, con le droghe ha smesso, le solite cose.

Ma per noi genitori ecco una sgradevole sorpresa: pagheremo, tra assicurazione di base e complementari, 482 franchi al mese, ossia 5’784 all’anno! Sì, lo sappiamo: potremmo aumentare la franchigia, togliere l’assicurazione dentaria, inserire la formula del mago Houdini. Ma…

…ma il ragazzo è sportivo, è spesso via a sciare e a snowboardare, abbiamo la media di un braccio rotto ogni due anni, quindi tutti i vari trucchetti per risparmiare servirebbero a poco. Morale: dato che il mio guadagno è di 2’800 franchi, i primi due mesi e mezzo dell’anno lavorerò per pagare i premi di cassa malati di mio figlio.

“E i tuoi premi! Chi li paga?”, mi chiederete. Per i miei per fortuna c’è un’altra vacca da mungere: il marito. Sennò, visti i risparmi anche sui sussidi, ci si attaccava al tram o si cercava una piazzola libera sotto un lampione, ché se si va avanti così non basterà sbattersi per pagare la Cassa Malati, e toccherà anche battere.

E voi? Come state messi? Siete alla frutta, al caffè o all’ammazzacaffè? Beltrafeliceuncazzo!

Ti potrebbe interessare anche:

Commenti da Facebook

  • m0j0

    Interessante come scritto! Non è che si paga il premio alla cassa malati e i soldi scompaiono nel nulla! Magari pagano anche qualche prestazione sanitaria, no?!…

    Cmq, credo di non sbagliarmi, ma il mio olfatto mi fa intuire che la gentile signora è a favore della cassa malati statale. Infatti, le sarebbe risultato molto comodo scaricare le conseguenze della vita spericolata del suo pargolo sui suoi cari concittadini (e concittadine)!
    Ovviamente, responsabilizzare il pargolo non entra in considerazione! Molto meglio mantenere bassa la franchigia, così da socializzare al massimo le probabili spese di infortunio causate…i concittadini ricambiano e ringraziano.

    Magari vale la pena ricordare che lo stato non è tenuto a garantire la pratica dello sci, non essendo quest’ultima un diritto/bene di prima necessità.
    E magari vale la pena ricordare perché si lavora. Ovvio, per lo stipendio! E a quali bisogni deve sopperire lo stipendio? Beh, sicuramente, la prima priorità sono l’alloggio e il sostentamento. E poi, per la maggior parte di noi, probabilmente la salute. Quindi non mi sembra uno scandalo se queste tre priorità consumano la maggior parte del reddito! Tutto il resto (sci, iphone6 plus, paytv, vacanze al mare, …) non è di prima necessità ed ognuno scegli come spendere quello che rimane…

Leave a Comment

Sei umano? *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Ti è piaciuto l'articolo? Supporta il GAS

Il pagamento avviene tramite PayPal: se vuoi utilizzare altri sistemi, visita la pagina AIUTA IL GAS. Puoi pagare con PayPal anche se non hai un account, segui le istruzioni sulla pagina di destinazione.

Motivo del pagamento: Donazione per il GAS

Importo da donare: Scorri per selezionare

1 10

Inserisci i tuoi dati

Inserisci il risultato (protezione anti-spam)

3 + 9 =

In attesa di collegamento a Paypal: alcuni browser potrebbero bloccare il popup; se non visualizzi la pagina di Paypal, consenti l'apertura dei PopUp per il nostro sito e aggiorna la pagina o ripeti il pagamento.
Validating payment information...
Waiting for PayPal...