Nella tana del leone!

Di Corrado Mordasini

20141220mordasini

di Corrado Mordasini

faccinaGASmordasiniÈ notizia di ieri che 7 mamme ticinesi temerarie con i loro 14 frugoli hanno deciso di organizzare una merenda presso il centro asilanti di Losone. Il loro scopo era far capire alla popolazione che gli asilanti, avendo la nomea di bestie feroci e infettatori di bambini, sono in realtà docili e mansueti se debitamente addestrati.

Alcuni potrebbero pensare a una follia, dopo le notizie (che per ortuna il mattinonline ci fornisce giornalmente) di asilanti che indulgono sulle panchine bevendo birra e sputando per terra oppure tossendo per strada diffondendo sicuramente pericolosi virus dell’ebola.
Ma le coraggiose mamme nostrane sapevano come comportarsi.

In effetti, all’interno del centro asilanti era stata allestita una gabbia per leoni gentilmente offerta dal circo Knie, dentro la quale, attraverso l’apposita galleria ferrata, sono entrate le famigliole. Inoltre un cordone di granatieri prendeva debitamente a manganellate ogni immigrato che mostrava segni di nervosismo o cercava di ringhiare alla volta delle ospiti.

Quando la calma è stata ripristinata, con gli asilanti accucciati ordinatamente sui loro sgabelli variopinti, le mamme e i ragazzini hanno provveduto a distribuire il cibo, gettandolo oltre le sbarre. I granatieri hanno dovuto faticare non poco a sedare le zuffe che si accendevano intorno a una Saint-Honoré o a un pugno di muffin al pistacchio, ma alla fine tutti erano satolli.
Una volta ben pasciuti, gli ospiti del centro si sono riuniti in branco sotto una quercia del parco per la siesta, sdraiandosi gli uni sopra gli altri.

Le mamme felici hanno dichiarato: “Ok, non saranno esseri umani, ma quando li vedi sdraiati uno sopra l’altro fanno proprio tenerezza!”.

Ti potrebbero interessare: