Un’altra cultura è possibile

Di Redazione

20150324fontana1

di Daniele Fontana

La testa un attimo sopra le polemiche quotidiane. Sopra le nubi grigie, sopra il frastuono. Per dire che l’evento primaverile del Festival del film Locarno “L’immagine e la parola” è una gran bella cosa.

I quattro giorni appena conclusi, vissuti tutti nell’impronta di Emmanuel Carrère, sono stati una sorpresa grande, una ventata di aria fresca, una luce continua. A cominciare dall’uomo Carrère, che si è speso senza riserve a titolo gratuito. Certo, stava promuovendo il suo ultimo libro, “Le Royaume”. Ma chi gliel’ha fatto fare di dedicare giornate intere non solo a parlare di sé e del suo lavoro o a presentare i film scelti, ma anche ad animare atelier et workshop, mettendo sul tavolo tutto il suo sapere? Senza filtri, senza mitizzazioni, senza snobismi. E poi la gente, accorsa in un numero che ha superato ogni più rosea aspettativa, premiando il coraggio e l’intelligenza degli organizzatori.

I libri di Carrère li può leggere praticamente chiunque sappia arrivare alla fine di una frase. Valeria Golino, presente come lettrice di pagine dello scrittore francese e come regista del film “Miele”, è star arcinota.

Ecco come si può fare anche cultura “popolare”, senza imboccare i facili e tristi sentieri di chi vede negli altri soltanto delle… capre.

Ti potrebbero interessare: