Chi comanda davvero

Di Jacopo Scarinci

20150815scarinci1

di Jacopo Scarinci

faccinaGASscarinciEsistono poche certezze nel mondo di oggi. Una di queste è che gli Stati nazionali presi singolarmente non contano più niente: comandano i mercati, le organizzazioni sovranazionali, il capitalismo sfrenato, il profitto a tutti i costi e le disuguaglianze.

In questi ultimi giorni abbiamo avuto due pesantissime prove del nove. Da una parte, in Europa, il comunista Alexis Tsipras si è appoggiato ai parlamentari di Destra per votare l’accettazione del piano di salvataggio imposto dalla Troika, spaccando il proprio partito e dimostrando ancora una volta lo strapotere di istituzioni sovranazionali non elette ma che hanno in mano il bastone del comando. Dall’altra parte, in Cina, il governo ha deciso una tripla svalutazione dello yuan, con gravissime conseguenze per le esportazioni di ogni zona del pianeta: Stati Uniti, Europa, Asia e sì, pure la Svizzera. A farne le spese saranno i marchi di lusso, soprattutto. In Svizzera non ci sarà il mare, come notato da un affranto Pierre Rusconi, ma di marchi di lusso che esportano in Cina siamo pieni.

Alla luce di tutto questo, siamo costretti a guardare ancora più teneramente chi da Destra come da Sinistra pontifica su cancellazione di Bilaterali, addio alla libera circolazione, isolazionismo integrale. E chiedergli se sia più o meno a conoscenza di quali siano le dinamiche che governano, in tutti gli angoli del mondo, questa nostra società.

Tranquilli, è una domanda retorica.

Ti potrebbero interessare: