Nessun dorma

Di Corrado Mordasini

20150928mordasini1

di Corrado Mordasini

4’000 persone in attesa di partire. 4’000 persone che scalpitano sotto il sole. 4’000 persone che macineranno decine di chilometri aspettano scaldandosi i muscoli. E lì, di fronte a loro, a cantare l’inno svizzero, mister baritono, alias Alessandro Veletta. Difficile immaginare una persona più simpatica, gentile, umile ed eclettica di Alessandro. Mi faceva morire dal ridere tempo fa quando a Rete Tre interpretava il personaggio di “‘O Professore”.

“Da italiano per me è stata una vittoria, integrazione al Top”, mi dice Alessandro. Perché lui è uno di quelli che il Leghista medio fatica a capire. Alessandro è di origini siciliane: “Mio padre migrò qui 55 anni fa circa”. E lo dice con fierezza, come è fiero di essere svizzero di adozione. E, cosa strana, questi due amori, uniti a quello per la sua bella famiglia, non lo fanno esplodere. Perché certo, signori, si può essere sia italiani sia svizzeri e amare entrambi i Paesi.

“Allora diciamo che cantare in un contesto fuori dal teatro non è semplice, ma sopratutto cantare davanti a 4’000 mila persone è stato emozionante. Mi tremava la voce… eppure il salmo svizzero non è un inno difficile come le opere di Verdi e di Puccini… ma era il valore”, racconta Alessandro.

Il valore. Per lui, italiano figlio di migranti, il nostro inno ha un valore. E non è il valore xenofobo e patriotticamente fine a sé stesso che gli danno tanti. Il valore di Alessandro è quello delle genti, della solidarietà e dell’amicizia. Lui è tutto e niente, cantante lirico con anni di Conservatorio alle spalle, collaboratore di Rete Tre, impiegato, padre felice, nuotatore fondista e pazzo a tempo perso. Per lui quell’inno è stato “un ringraziamento per quello che la Svizzera, o meglio il Canton Ticino, ha fatto per me”.

Non si lamenta, il figlio di migranti siciliani, il figlio della terra dei capperi e dei cannoli. Lui è gentile. Non odia nemmeno gli immigrati, guarda te che strano. Anzi, li capisce e soffre perché altri soffrono.

Perché scrivo di lui? Perché è un uomo di talento, anche se il suo vero talento non è nella voce, ma nel cuore. Un cuore che insegna, a chi vede nell’inno solo una chiusura dei propri confini, che la forza di un popolo è nella sua capacità di accogliere. Quando guardo Alessandro che fa le sue smorfie da pagliaccio, mi viene da sorridere, perché questa è la mia Svizzera.

Un pezzo famoso della Turandot di Puccini è il mio augurio per Alessandro: nessun dorma, nessuno di noi si assopisca. Non dormire mai, Alessandro, ricordaci ogni giorno i nostri veri valori, quelli per cui l’umanità può essere grande e non gretta. Più vicina agli dei e meno al vile suolo.

Ti potrebbero interessare: