Risolviamo con Smartvote

Di

20151027mordasini2

di Corrado Mordasini

faccinaGASmordasiniUn recente studio sui votanti svizzeri ci dice a sorpresa che gli elettori votano più a Sinistra che a Destra. Prendendo in considerazione l’ultimo quadriennio, gli svizzeri avrebbero ascoltato più i consigli di voto della Sinistra che della Destra. Il Centro resta lì col naso in mezzo alla faccia come in una partita di tennis. Un altro studio del 2014 ci dice che i naturalizzati tendono a votare per il PS.

Non si capisce allora perché siamo sempre al palo. Una cosa che fa irritare è che poi domina la pancia. Gli elettori seguono i consigli della Sinistra, ma quando si arriva alle elezioni politiche votano a Destra, premiando i Lombardi e i Ghiggia, che poi in Parlamento non li difendono manco per il cappero. Anzi, nelle statistiche si piazzano agli ultimi posti con leghisti e democentristi.

Una soluzione ci sarebbe: Smartvote. Un nuovo concetto di democrazia. Una democrazia inconsapevole e pilotata. Perché lasciare alla pancia, ai sorrisi e agli ammiccamenti il voto per il Parlamento o il Consiglio di Stato? Spesso si finisce per votare quella col bel sorriso o quello che aveva fatto il militare col papà, senza sapere in realtà come si comporta costui nel gremio in cui siede. Troppo complicato e faticoso. Molto più semplice Smartvote.

Rispondi esaustivamente allo Smartvote: come pensi, quali sono le ture priorità, quali sono le tue paure. Smartvote ti dice qual è il candidato o la candidata a cui sei più affine e il partito che ti rappresenta di più. A quel punto tu esci di scena e il tuo smartvote fila dritto attraverso le fibre ottiche fino al Governo. Gli eletti non saranno i più filoni, guasconi e furbacchioni, ma quelli che davvero rappresentano la fetta di popolo che li ha eletti. Sono convinto che allora sì, ci sarebbe un bello stravolgimento!

Ti potrebbero interessare: