web analytics

Diamo man forte alla scuola laica

sauditidi Corrado Mordasini

Dice Abu l-Qasim at-Tabarani, un dotto islamico: “È meglio che uno di voi sia trafitto al capo da un pungolo in ferro piuttosto di toccare una donna che non si ha il permesso di toccare”.

Ecco, alla base di questo concetto del decimo secolo, dunque di cinque secoli posteriore a Maometto, in alcune culture islamiche i maschi non stringono la mano a donne che non appartengano alla proppria famiglia. Il Corano non dice esplicitamente nulla a riguardo.

Ecco, qui bisogna proprio dissentire. I recenti fatti alla scuola di Therwil, a Basilea Campagna, lasciano perplessi non tanto per l’atteggiamento di due ragazzi musulmani, quanto per quello della direzione scolastica.

I fatti sono conosciuti ai più. Due allievi di fede musulmana, hanno deciso, di propria iniziativa, di non stringere più la mano alle docenti femmine. Pare che i genitori non c’entrino nella loro decisione. La stretta di mano è una pratica consolidata, quasi una tradizione a Therwil: un esercizio di rispetto e condivisione a cui da tempo si sottopongono tutti gli allievi e docenti.

Il problema c’è e andava risolto. Era anche facile. Non capiamo, sinceramente perché Christine Akeret, direttrice dell’istituto scolastico abbia dichiarato al Blick di non sapere cosa fare.

Qua non c’entrano l’integrazione e nemmeno il “buonismo” tanto sbandierato dai leghisti. La scuola è laica e, essendo pubblica, chi la frequenta deve ottemperare alle regole a cui tutti gli allievi si adeguano. C’è nuoto? Te ci vai, me ne frego se sei buddista, avventista del settimo giorno o musulmano. Se poi vuoi metterti un costume da bagno in pelo di cammello o in fibre di acacia sono fatti tuoi, ma nell’acqua ci entri. Così per tutto il resto. In mensa c’è quello che c’è, se non vuoi mangiare il maiale chiedi un pezzo di formaggio, se ti schifa l’aragosta salta il pasto, mica muori. E poi al limite c’è sempre l’insalata.

La stretta di mano in questione non è una questione religiosa. Le donne hanno non per cultura, ma per diritto, le pari opportunità. Permettere a un ragazzo di non salutare la maestra come fanno tutti, sancisce di per sé una supremazia inesistente del maschio, vidimandone anche in futuro l’atteggiamento sessista. Proprio quello che la nostra scuola non dovrebbe fare. In realtà le cose sono davvero semplici. Un programma comune, delle regole comuni che si legano al rispetto, alla convivenza e alla collaborazione. Permettere delle deroghe incrina solamente questo concetto che sarà alla base, anche in futuro, delle convivenze tra culture diverse.

Non dare la mano non è una concessione, è un pessimo insegnamento. È un pessimo insegnamento per quei due ragazzi e lo è anche per i compagni di classe, che non capirebbero il perché di quello che sarebbe visto inevitabilmente come un favoritismo, acuendo magari l’astio nei confronti dell’islam e di quelle pratiche che culturalmente per noi non sono tollerabili.

La scuola laica nasce per evitare influenze religiose nell’insegnamento. Tutte le influenze. Il fatto che oggi ci sia qualche allievo di confessione islamica non cambia le cose. Addirittura l’islam moderato ci viene in aiuto, con le parole di Saïda Keller-Messahli, presidente del Forum per un’Islam progressista: “Cedere a queste richieste vuol dire aprire le porte all’islam politico. Ciò non lo possiamo permettere. Noi viviamo qui, non in Arabia Saudita”.

Ti potrebbe interessare anche:

Commenti da Facebook

  • Alessandro

    In Egitto la regola del galateo locale, che vale per tutti, cristiani e musulmani, e’ quello di dare la mano se e’ la donna a porgerla. Altrimenti non si costringe la donna di essere toccata da un uomo. Cio’ che hanno applicato quei due studenti e’ una versione estrema di questa regola che non andrebbe applicata, specialmente in un paese straniero.
    D’altronde lo dice lo stesso Profeta dell’Islam, che un musulmano deve essere saggio e accettare le regole del paese che visita. Vi sono dei punti fermi che definiscono un musulmano, i famosi 5 pilastri, per il resto si segue la Sunna, ossia le regole di applicazione del Corano nella vita quotidiana dettate dal Profeta stesso. La Sunna da molti esempi, dimostrando che c’e’ molta flessibilita’ e liberta’ personale nell’applicarla. Per esempio, se uno ti invita a cena in Emilia e ti serve i tortellini, non chiedi quali sono gli ingredienti per assicurarti che non ci sia carne di maiale, li mangi e basta per non offendere il tuo amico. Magari davanti ad una fetta di prosciutto declini perche’ e’ evidente cosa si mangia e l’amico in quel caso dovrebbe capire il perche’.
    Pertanto, quanto fatto dai due ragazzi non e’ saggio ed e’ un atto di mancanza di rispetto che, per cio’ che concerne la Sunna, e’ peggio che il toccare la mano di una donna che ti porge la sua mano per una stretta di mano formale. Questa e’ l’opnione di un laureato dell’Azhar, cioe’ una persona dotta nell’insegnamento islamico, che ho interpellato in merito.

Leave a Comment

Sei umano? *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Ti è piaciuto l'articolo? Supporta il GAS

Il pagamento avviene tramite PayPal: se vuoi utilizzare altri sistemi, visita la pagina AIUTA IL GAS. Puoi pagare con PayPal anche se non hai un account, segui le istruzioni sulla pagina di destinazione.

Motivo del pagamento: Donazione per il GAS

Importo da donare: Scorri per selezionare

1 10

Inserisci i tuoi dati

Inserisci il risultato (protezione anti-spam)

9 - 1 =

In attesa di collegamento a Paypal: alcuni browser potrebbero bloccare il popup; se non visualizzi la pagina di Paypal, consenti l'apertura dei PopUp per il nostro sito e aggiorna la pagina o ripeti il pagamento.
Validating payment information...
Waiting for PayPal...