Attilio e i ricatti

bignasca 3della Redazione

Diciamolo chiaro, sicuramente anche alcuni leghisti hanno storto il naso. Di sicuro molti socialisti, da voci che ricorrono, non sono più così convinti di sostenere la tassa di collegamento a causa delle esternazioni di Attilio Bignasca. Le minacce del coordinatore ad interim, oltre a sapere poco di democrazia risultano anche irritanti, avendo un effetto contrario, e cioè spostando voti verso il fronte del no. Ecco le sue dichiarazioni:

“…se la tassa di collegamento cade in vo­tazione popolare a causa delle ambi­guità e dei doppiogiochismi di chi in Parlamento l’ha sostenuta, il PLR si di­mentica il sostegno della Lega alla ma­novra da 180 milioni del suo ministro delle finanze. Va bene questa come vi­sione o occorre un disegnino?”

Molti, in conflitto se sostenere un’iniziativa leghista ma decisi a farlo per amore dell’ecologia e della propria terra, oggi si fanno più insofferenti e alcuni si spingono addirittura a dire: no, a queste condizioni non ci sto.

Sarebbe forse meglio che il ministro Zali mettesse la museruola al suo capoccia, se vuole fare passare questa benedetta tassa. Le minacce non piacciono a nessuno, e men che meno a quelli che fanno della libertà di pensiero il proprio credo.

Ti potrebbe interessare anche:

Leave a Comment

Sei umano? *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud