“Quelle di Quadri spero siano solo esternazioni elettorali”

Di

frontalieri 2della Redazione

Come prevedibile, la boutade di Quadri sulla questione degli organi di cui abbiamo reso conto stamattina ha avuto strascichi.

“Quelle sulla questione degli organi spero che siano solo le solite esternazioni elettorali di Lorenzo Quadri”, afferma Carlo Maderna, membro della segreteria della FeLSA CISL da noi contattato. “Esternazioni che comunque danno sempre fastidio e creano ad arte un clima contro l’incolpevole frontaliere, che è un lavoratore come lo è un lavoratore ticinese. Un lavoratore la cui unica colpa è quella di lavorare in uno stato estero.”

Alla fine con la Lega si finisce sempre a parlare di frontalierato, anche quando non c’entra nulla. L’assurdità sparata da Lorenzo Quadri sul fatto che frontalieri e domiciliati saranno equiparati in caso di bisogno di organi dimostra come quella della Lega sia un’autentica ossessione, che si fa di giorno in giorno più ridicola: chi ha la maggioranza relativa in Consiglio di Stato? Chi ha un esercito in Gran Consiglio? Chi ci metterebbe meno di un minuto a favorire la manodopera locale senza urlare sempre e comunque contro qualsiasi straniero? Sono domande retoriche, ma che non ci stancheremo mai di porre.

E su questo punto Maderna ci va giù ancora più duro, dicendoci come “è la normativa svizzera che permette ai datori di lavoro di applicare salari più bassi e approfittare delle condizioni più svantaggiate in cui si trova il frontaliere. La smettano di dare la colpa ad altri e introducano norme che favoriscano la sottoscrizione di CCL, allora si che sì potrà arginare il dumping salariale.”

E riguardo alla minaccia di attuare uno sciopero dei frontalieri? – gli chiediamo. “La mia era ed una risposta provocatoria alle affermazioni di Lorenzo Quadri nulla di più” E c’è da capirlo, avere quotidianamente a che fare con gente così non dev’essere la cosa più semplice del mondo.

Ti potrebbero interessare: