Concato, la rivoluzione dei fiori

Di

Sabato 19 novembre, alle 20.30, al Palazzetto Fevi a Locarno arriverà Fabio Concato.

È sufficiente parlare di “Una domenica bestiale”, di “Rosalina” o di “051/222525“, (il numero del telefono azzurro) per ricordare Fabio Concato, ma sarebbe ingiusto e riduttivo relegare la sua musicalità e la sua delicatezza ai successi di cassetta che, seppur godibili, non raccontano appieno la sua grande carica emotiva.

Partito alla fine degli anni ’70 con una formula musicale fortemente influenzata dal suo grande amore per il cabaret, nel corso degli anni il cantautore milanese ha saputo ritagliarsi uno spazio importante per le sue canzoni, raccontando in modo molto personale le piccole grandi storie della quotidianità. Nostalgia, ricordi, speranze, confessioni appena accennate, sprazzi di allegria contagiosa popolano il mondo delle sue canzoni, simili a un libro di illustrazioni che ha sempre saputo fare breccia sin da subito nell’immaginario del pubblico.

Sabato 19 novembre potrete immergervi nelle sue sonorità e nelle sue dolci e strascicate parole, nei suoi pensieri attenti e gentili, che hanno sempre avuto un occhio attento per i meno fortunati. Un rivoluzionario fiorito, un ribelle cortese, uno che alle parole dure preferisce evocative immagini malinconiche.

I proventi del concerto andranno a supportare associazioni che si occupano dell’infanzia e che agiscono sul territorio.

GAS vi offre 10 biglietti per il concerto. Un biglietto per persona e non più di uno per nucleo familiare. Telefonare in orari d’ufficio al seguente numero: 079 840 10 55

Il concerto è promosso da:

L’Arte della Solidarietà, l’Associazione Pro Juventute Svizzera italiana, l’Associazione famiglie diurne del Mendrisiotto (AFDM), l’Associazione Ticinese Famiglie Affidatarie (ATFA), l’Associazione Progetto genitori (APG) e il Gruppo 20 novembre.

Ti potrebbero interessare: