Dialetto o Marioletto?

Di Corrado Mordasini

Marioli ci aveva provato sul foglio domenicale della Lega, ma dopo qualche decina di strampalati tentativi di scrivere articoli in dialetto, neppure il periodico di Via Monte Boglia ha resistito ai maltrattamenti della lingua dei “noss vecc” e ha interrotto lo strazio.

Non avendo il Marioli alcuna possibilità di nobilitare la lingua in sedi più consone, siccome la kultura è notoriamente un feudo rosso che discrimina i giovani talenti di destra, a Nicolas non resta che tentare la carte dei doposcuola gratuiti a Lugano.

Il dialetto è purtroppo in crisi da parecchi anni, in particolare tra le nuove generazioni che lo parlano sempre meno” (e pure male aggiungiamo noi), si lamenta il Marioli, che viene supportato dai fedeli amici di merende che hanno grosse difficoltà ad attivare i neuroni anche in dialetto.

“Diversi movimenti popolari stanno lottando affinché il dialetto venga rivalorizzato” prosegue l’eroe delle nostre tradizioni. E supponiamo anche che molti movimenti farebbero pure a meno delle boiate in dialetto di Marioli, con neologismi agghiaccianti che gridano vendetta al cielo e farebbero rigirare i nostri nonni nella tomba come dei girarrosti.

“In tale ambito (scolastico, NdR) deve essere data la possibilità agli allievi anche di frequentare corsi di conversazione di dialetto. Volutamente si pone l’accento sulla conversazione, perché il dialetto è un idioma che non ha, per il momento, una vera tradizione scritta.” Insiste imperterrito il paffuto Nicolas, senza rendersi conto che quello che faceva lui sul Mattino era proprio scrivere in una lingua che è del popolo proprio in quanto vulgata prettamenente lessicale e non scritta. Insomma, codificare il dialetto non salverà le nostre tradizioni, però magari aiuterebbe a chiamare i figli Pietro e Tarcisio al posto di Nicolas o Norman.

Qui di seguito le perle mariolesche, oppure, come potremmo meglio definirlo, in “Marioletto”. Una lingua arcaica violentata per piegarla alla moderna bisogna. Ecco allora fiorire lemmi come: “designada” (designata), l’iter bürocratic (…viene da piangere), reladù (relatori), conform (conforme). E tanti altri disastri che troverete nelle immagini sottostanti.

Ecco, adesso mi viene proprio voglia di dargli uno sganassone, perché qualcuno dei suoi dovrebbe spiegare che il dialetto non è l’italiano tradotto in improbabili vocaboli inesistenti, ma una lingua con una sua dignità, un suo lessico e delle sue costruzioni semantiche ben precise. E che non basta togliere la vocale finale di una parola italiana per renderla dialettale. Ecco che perciò l’imbuto non sarà l”imbut” ma “al pidriöö” e la lucertola si trasformerà da “lucertol” a “losora”.

Speriamo che se i corsi di dialetto (quale dialetto?) saranno impartite, non sarà Marioli a farlo. Ha già distrutto a sufficienza la nostra cultura.

___________________________

Ecco le perle del Marioli:

1. Legge sul bürqa. Marioli ala Micocci: “Chi che vö mia rispectà la volontà popolar, al sa faga da paart

La commission designada par applicà legalment la volontà popolar dala votazion anti-burqa (vutada ul 22 settembru 2013, quindi iè già passat quasi dü ann…), sembra mia intenziunada a velocizzà l’iter bürocratic… anzi!

I dü reladù dal rapport sü l’iniziativa, i granconsiglier Micocci e Ducry, i sembran mia intenziunat a vürè rend pussibil chesta növa proibizion, nonostant sia ul Cunsili Naziunal e ul Cunsili di Stààt i’an decretà che la volontà ticinesa l’è confòrm ai legg federai.

Personalment capisi mia in dua stà ul prublema; ul popol l’è suvran e quindi quant la gent l’à decidü da vutà a favùr la tegnü in considerazion tücc i’element cuntrari… e ne è scatürit ul verdett.

La gent la vö mia che calum i bragh anca ammò, la gent la ciapà ul curagg di propri decision e la politica def agì da conseguenza; altriment sa g’abia la decenza da fàas da paart.

2. La disciplina, ul rispect e l’ümiltà, una ciaf vincenta par la scöra: riflettum sull’iniziativa Giappunesa. L’immagin da na scöra Giappunesa cun ti fiöö che i neta l’aula l’è drè a cunquistà ul web, specialmente ul famùs Feisbuck. Tri parol d’or par la nosa istrüzion: rispect, respunsabilità e ügualianza, da quant temp l’è che i sentum pü? Purtrop ul nos sisctema sculastich l’è ala deriva, chel che rimàn l’è dumà l’anarchia e l’autorità sa sà nianca pü seca l’è! Multi ütent iè drè ad apprezzà l’approcc asiatich, speri dumà che i sarà mia i medesim person che quant ta pretendat…

3. Ul Festivàl da Locarno ul dismet mia da fa discùt… Dopu la question riguardant ul pagament di albergh par i pulitich invidat, dopu la censüra par un film inerent ala situazion cultürala in Iraq, adess approda una nuvità che l’à già cuminciat a fà discüt… Ul vincidù dal Premi par ul Cinema in Tesìn Teco Celio, dananz a 8 mila person, al sé lasà nà ad una prupaganda cuntra i cuntingent appruvaat ul scurs 9 da febbrar dal 2014 e iè mia n’ammò stai applicat (campa cavall che l’erba la crees…). Evidentement ga vò di bei pell sül stomich par dach testualment di intollerant a dü terz dala popolazion. Ma…

Ti potrebbero interessare: