Recensione. “Halloween – The Beginning”

Il film racconta gli anni che hanno preceduto la nascita del mito e risponde ad interrogativi quali: chi era il protagonista prima di diventare quello che tutti hanno imparato a conoscere? Che infanzia ha trascorso e quali eventi hanno formato la sua personalità? In questo caso il “mito” è il serial killer della notte di Halloween, portato sullo schermo alla fine degli anni ‘70 dal leggendario maestro dell’horror John Carpenter. Anche se si parla di un serial killer, anche se si descrive la vita dannata di un essere immondo, anche se in definitiva “Halloween” è un film dell’orrore e nulla più, Rob Zombie posiziona la sua storia all’interno di paesaggi suggestivi e ambientazioni persino poetiche, in un paio d’occasioni. Tutto di guadagnato per gli amanti del cinema; per i puristi dell’horror non saprei. La scelta di Rob Zombie potrebbe essere letta come un’apertura del regista verso territori cinematografici ben più ampi, dal punto di vista estetico e non solo.

Dunque, dopo “La casa del Diavolo”, dallo stesso regista, ecco “Halloween – The Beginning”… Fa paura? Fa impressione? Ma no dai. E’ un po’ come la vista di un taglietto sul dito dopo aver assistito dal vivo ad un intervento chirurgico a cuore aperto. Ecco l’effetto che ha “Halloween – the beginning” su chi ha guardato il film precedente del musicista barra regista Rob Zombie. E’ tutto decisamente più morbido… Sempre di un film dell’orrore si parla, chiaro, ma con differenze sostanziali rispetto a “La casa del diavolo”: c’è meno sangue, meno splatter e più storia.

La casa del Diavolo” è un susseguirsi di scene truci, senza respiro. In ogni inquadratura c’è sempre qualche macchia di sangue; sulla strada, sui vestiti, sui capelli. C’è sempre qualcosa di terrificante. Il film serba un feroce livello di tensione persino quando l’assassino di turno ha sfogato il raptus e deposto le sue armi; persino quando la trama passa da un momento di azione ad una fase meno concitata che dovrebbe fungere da “decompressore” per il pubblico. Niente da fare: l’inquietudine non ti molla. Si resta immersi nell’orrore dall’inizio alla fine senza via di fuga.

In “Halloween”, invece, la tregua tra una scena mozzafiato e l’altra è una vera tregua; gli aspetti psicologici vengono curati meglio ma soprattutto viene maggiormente curata l’estetica cinematografica: inquadrature semplicemente belle, location semplicemente belle, luci e ambienti semplicemente belli. In fondo il cinema è un’arte visiva, l’estetica non è un fatto superficiale.

Nei film precedenti gli ambienti soggiacciono completamente alla storia… L’impressione è che oggi Rob Zombie non si accontenti più di rendere efficace una sceneggiatura; oggi il regista cerca maggiormente di confezionarla in un abito cinematografico bello e curato.

Meno sangue e più cinema, insomma, in questo lavoro del leader dei White Zombie, la cui lunga militanza nel mondo della musica giova senza dubbio alla sua attività di regista per quanto riguarda i ritmi che conferisce sapientemente ai suoi film, gli aumenti e i cali di tensione, i colpi di scena.

Il Mystico Giudizio: non mi sorprenderei se tra qualche anno, trovandoci a parlare del nuovo film di Zombie, anziché ad un nuovo horror saremo di fronte ad un film di diverso spessore, che so io, un film drammatico o d’altro genere. D’altronde, nel frattempo Zombie ha già firmato un episodio di CSI Miami…

Ti potrebbe interessare anche:

Leave a Comment

Sei umano? *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Ti è piaciuto l'articolo? Supporta il GAS

Il pagamento avviene tramite PayPal: se vuoi utilizzare altri sistemi, visita la pagina AIUTA IL GAS. Puoi pagare con PayPal anche se non hai un account, segui le istruzioni sulla pagina di destinazione.

Motivo del pagamento: Donazione per il GAS

Importo da donare: Scorri per selezionare

1 10

Inserisci i tuoi dati

Inserisci il risultato (protezione anti-spam)

7 + 7 =

In attesa di collegamento a Paypal: alcuni browser potrebbero bloccare il popup; se non visualizzi la pagina di Paypal, consenti l'apertura dei PopUp per il nostro sito e aggiorna la pagina o ripeti il pagamento.
Validating payment information...
Waiting for PayPal...