A proposito di Pinochet

Di

Pinochet è morto il 10 dicembre del 2006 con 400 procedure penali a suo carico. Per le spaventose violenze compiute contro il suo popolo? No: in prevalenza per reati patrimoniali. Nei 17 anni (1973-1990) della sua feroce dittatura aveva dirottato dai fondi statali nelle proprie tasche un immenso tesoro. Nove tonnellate di oro, del valore di 130 milioni di euro depositate dal dittatore – con undici identità false – in conti segreti del Banco Riggs negli Stati Uniti.

A dieci anni dalla sua morte le indagini tornano a coinvolgere anche la vedova 94enne Lucia Hiriart che dopo il golpe aveva assunto la presidenza del CEMA (Centro de Madres) fondato per migliorare la condizione delle madri dei quartieri poveri.

Negli anni del terrore il dittatore aveva donato alla Fondazione 236 appezzamenti di terreno. 137 furono venduti nel corso degli anni. Nel 1999 – Pinochet era stato arrestato a Londra – sua moglie vendette altri 17 fondi. E i soldi ? Spariti.

Nell’agosto di quest’anno con la prosecuzione delle indagini la vedova di Pinochet ha rassegnato le dimissioni e seguendo l’esempio di suo marito si è rifugiata in un ospedale militare adducendo problemi respiratori. La signora accusata di appropriazione indebita di fondi pubblici e di truffa per scopi privati.

Bei campioni di democrazia, nevvero Pamini?

Ti potrebbero interessare: