Costernati dalla morte di George Michael

E anche noi rimaniamo “costernati” o affranti, addolorati o prostrati. Certo per la morte di George Michael, che tra alti e bassi ha allietato la nostra vita con le sue liriche, ma anche per l’utilizzo disinvolto dei vocaboli da parte dei social. Ragazzi, con tutto il bene che vi vogliamo, controllate prima di premere il tasto enter e consegnare alla storia e al pubblico ludibrio errori da manuale.

Lo strafalcione di Tio, sicuramente dovuto alla fretta (vero?), sostituisce con grande disinvoltura il vocabolo “costellata” con “costernata”. La frase precisa? “Che hanno costernato la sua carriera”. Costernare la carriera non si può, a meno che non si voglia dire, usando una licenza moooolto poetica, che la carriera di Michael sia stata triste al punto da costernarsi, ammesso che una carriera possa farlo.

Insomma, correggere almeno gli strafalcioni più evidenti ci starebbe, soprattutto in strutture professionali.

Ti potrebbe interessare anche:

Commenti da Facebook

Leave a Comment

Sei umano? *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud