L’ala barricadera della Lega

Di Calvero

Il gruppo di Boris Bignasca con lo scarno seguito composto dall’ex morosa Aldi e dal tirapiedi Frapolli è stato denominato, perlomeno da legatv, ala barricadera. A parte che più di un’ala si tratta di un’aletta, definirla barricadera, andando a scomodare rivoluzionari latinoamericani, ci sembra un tantino esagerato.

Quell’ala, pardon, aletta, è ancora più destroide di quella istituzionale. Infatti, dimenticati i poveri, i noss gent e i noss vecc, Boris e i suoi hanno bocciato il Preventivo perché secondo loro non faceva abbastanza sgravi fiscali alle aziende e non tagliava a sufficienza nell’amministrazione. A quelli che ce l’hanno su con gli impiegati statali quanto le papere con i cigni ricordiamo che un’amministrazione con meno personale si traduce in un servizio di merda.

Certo il Boris con l’amato Zio sono in una posizione di forza. Sono loro infatti che tengono in piedi, coi loro dobloni, la Lega e il Mattino che ogni domenica dispensa perle grezze come se fosse il califfo di Baghdad. Ora bisogna solo vedere se il pulcino con l’aletta riuscirà a diventare un’aquila o semplicemente finirà come un pollo in fricassea.

Gli altri partiti nel frattempo sono pregati di continuare a lavorare, lo spettacolo va avanti anche senza di loro.

Ti potrebbero interessare: