Lucignolo è triste: “Uscite i soldi”

Di Recondit

La pacchia è finita, neanche il Natale è più quello di una volta: i ticinesi non hanno più un ghello in saccoccia e non hanno comprato abbastanza Barbie.

L’altro giorno Enzo Lucignolo, Gran Visir della DISTI (Dateci I Soldi Ticinesi Imbecilli) si è lamentato a gran voce col Gatto e la Volpe: “cazzarola ‘sti stronzi non hanno speso abbastanza, Mangiafuoco non può cambiare il Cayenne e sta con le palle girate: dice che se questi non cacciano la grana va a finire che delocalizza e mette i burattini in mezzo alla strada”. Il problema pare essere che tra franco forte, occupazione debole e prezzi fantasmagorici, la gente non arriva alla fine del mese e compra quel che può dalla concorrenza transfrontaliera.

Si mormora che Pinocchio oltre alle bucce e ai torsoli delle pere si sia mangiato pure il Grillo Parlante, Geppetto sia sbronzo da mattina a sera e la Fata Turchina si sia venduta anche le mutande, che infatti girano sui social, stese davanti a fabbriche e uffici.

Urge una soluzione rapida ed efficace, o il Paese dei Balocchi entrerà in una crisi irreversibile e tutti lo vedranno per quello che è sempre stato: il Paese degli Allocchi.

Ti potrebbero interessare: