Al mattinonline ci sono o ci fanno?

Di

In via Monte Boglia stavolta si son davvero superati, sfondando per l’ennesima volta il livello di guardia della decenza e insultando ancor di più la deontologia professionale. Con il vecchissimo e tristissimo stratagemma della “lettera firmata”, il mattinonline ha pubblicato, infatti, quanto segue:

Sui sociali network gira questa foto in cui si vede uno convoglio di un treno svizzero imbrattato con un graffito politico “Kosovo is Albania”, ossia “Kosovo è Albania”. La cosa che mi fa veramente incavolare non è tanto il messaggio politico, bensì il fatto che gli autori di quel messaggio politico , che non ha niente a che fare con il nostro paese, hanno imbrattato un servizio pubblico Svizzero! Io non voglio che i problemi degli stranieri vengano portati anche nella tranquilla e amata Svizzera, dove già abbiamo le nostre problematiche! Se gli stranieri (in questo caso specifico serbi e kosovari) vogliono provocarsi, insultarsi e prendersi a botte su questioni straniere che lo facciano fuori dalla Svizzera!”

Allora, siamo invasi? Vittima di guerre politiche, etniche o vattelapesca? No, siamo di fronte a gente che prende in giro ‘sto cantone da decenni e non sa nemmeno riconoscere un fotomontaggio. Infatti, sono le stesse FFS per bocca del portavoce Jean-Philippe Schmidt a rimettere la chiesa al centro del villaggio: “Si tratta solo di un volgare fotomontaggio, realizzato al computer da qualche sconosciuto”. Tradotto per leghisti e loro lettori, con parole semplici semplici: un buontempone ha preso l’immagine reale del treno con la scritta “Kosovo is Albania” e l’ha sovrapposta a un treno svizzero. Complimentoni a ‘sto perditempo, sì, ma la frequenza con la quale in via Monte Boglia credono a ‘ste bufale porta a una sola domanda: sono davvero così in malafede o proprio non ci arrivano? Insomma: ci sono o ci fanno?

Ti potrebbero interessare: