web analytics

I Cinque Stelle e Virginia Raggi sempre più smarriti

È un pomeriggio di inizio anno a Roma. Il clima è mite e le strade sono quasi vuote, non ancora pervase dal solito caos nel quale la città ripiomberà al termine delle vacanze natalizie. L’atmosfera è festosa e invita a uscire di casa per godere delle meraviglie del centro storico. E proprio lì, in via della Scrofa, storica strada a due passi da piazza Navona che si snoda tra la Chiesa di San Luigi dei Francesi, scrigno di dipinti del Caravaggio, e l’Ara Pacis Augustae, un uomo guida tranquillo il suo scooter.

A un tratto nota qualcosa tagliargli la strada rapidamente. È un animale. L’uomo rallenta, prende il suo smartphone e inizia a riprendere l’insolita scena. Non si tratta infatti di uno dei tanti gatti che sonnecchiano tranquilli sui monumenti di Roma e vengono nutriti da premurose “gattare”, e neppure di un cane smarrito in cerca del padrone. È una volpe. Un piccolo e grazioso canide che corre velocissimo lungo via della Scrofa cercando di sfuggire alla telecamera dell’improvvisato reporter in motorino. Un animaletto in cerca di cibo, che si nasconde sotto le auto in sosta e sparisce poi per i vicoli stretti del centro, in un habitat che non è esattamente il suo.

Una volpe a Roma non si era mai vista. In una città abituata a tutto, ogni giorno sembra accadere qualcosa di ancora più incredibile. Il cambiamento è costante e non necessariamente in meglio. Già, il cambiamento: questa la parola chiave della campagna elettorale di Virginia Raggi, giovane avvocato sul quale il Movimento Cinque Stelle ha puntato tutto. Il “vento” nuovo che avrebbe dovuto spazzare via gli scandali di Mafia Capitale e la gestione controversa della destra di Alemanno e del PD di Marino. Una folata di onestà e trasparenza, che prometteva di far risorgere Roma dalle sue ceneri e renderla pari alle altre capitali europee. E alla fine Virginia ce l’ha fatta: ha vinto le elezioni comunali con percentuali plebiscitarie.

Acclamata come salvatrice della città, il sindaco si è però fin da subito trovato in difficoltà, quasi come se l’onestà, brandita come vessillo, non fosse sufficiente a supplire la competenza e l’esperienza. Ecco allora le scelte sbagliate dei collaboratori: dall’assessore all’ambiente Muraro, scelta per risolvere il cronico problema dei rifiuti e ora indagata, al braccio destro Marra, da Virginia fortemente voluto in barba alle indicazioni di Beppe Grillo, e addirittura recentemente arrestato. Non solo la giunta zoppicante, colpo assai grave per chi aveva fatto dell’onestà il suo cavallo di battaglia ed elemento di distinzione dalle giunte precedenti, ma anche una gestione di Roma incerta. In una città soffocata dal traffico, in appena sei mesi sono state cancellate circa tremila corse di autobus e interrotto il prolungamento della metropolitana, un’opera fondamentale per lo sviluppo urbanistico della città. Tanto per intenderci, Roma avrà solamente tre linee di metropolitane, di cui una incompleta, contro le 5 di Milano, le 11 di Londra e Madrid, le 15 di Parigi e le 4 di Lisbona. La rete tramviaria conta solo 6 linee e non vi è ancora un piano per migliorarla. Il sindaco, tuttavia, punta sulla costruzione di una funivia, opera bizzarra, ma soprattutto non utile, se si considera che questa dovrebbe collegare una zona collinare piuttosto periferica della città. e che non è di certo adatta a risolvere il problema dei trasporti di massa.

Anche il controverso no alla candidatura per le Olimpiadi di Roma del 2024 è apparso a molti una mossa azzardata. Oltre a un’occasione per dare lustro alla città, ospitare i Giochi avrebbe incentivato la costruzione di impianti sportivi, metropolitane e ulteriori infrastrutture. Che dire poi dei rifiuti e dello stato del manto stradale? Beppe Grillo ha dichiarato che Roma è più pulita da quando la Raggi è sindaco, ma basta fare un giro per le periferie e per il centro per accorgersi che non è affatto cosi… E le buche abbondano, come ha avuto modo di accorgersi lo stesso Grillo, caduto rovinosamente in una di esse durante una recente manifestazione in città.

Infine, lo spinoso nodo del bilancio. La carica dell’assessore al bilancio è stata vacante per molti mesi, a causa delle spaccature interne al Movimento 5 Stelle. Una volta poi trovato l’assessore e presentato il bilancio, questo è stato bocciato dell’OREF, organo di revisione indipendente, invocato più volte in passato dalla stessa Raggi come strumento imparziale utile a bacchettare la mala gestione di Marino.

Eppure Virginia, sebbene provata dagli avvenimenti finora avversi, va avanti. Beppe Grillo, che tutto vede e decide, la supporta, arrivando addirittura a modificare in senso garantista il Codice Etico del Movimento nella parte in cui prevedeva l’obbligo di dimissioni per il politico indagato. Una virata di portata storica, che induce a ritenere che sia stata pensata ad hoc per il sindaco di Roma, nell’eventualità fosse in futuro destinataria di una informazione di garanzia. D’altronde mantenere il controllo di Roma è essenziale per il Movimento che punta a governare l’Italia.

Intanto continuano i malumori e si acuiscono le spaccature all’interno del Movimento, ma il sindaco non si arrende. Aggrappata al sogno di portare un nuovo vento, è convinta che il dialogo diretto con i cittadini sui social network e i continui “no” a qualsiasi progetto, in quanto espressione del pentastellato concetto di onestà e trasparenza possano essere sufficienti al risanamento della città. Tuttavia, Roma non dà segni di miglioramento e il divario con altre città italiane ed europee è sempre più netto. Senza un progetto concreto, un piano per il futuro che si discosti dallo “stiamo lavorando” che la Raggi e il suo staff ripetono come un mantra. Sempre più smarrita, proprio come la volpe di via della Scrofa

Ti potrebbe interessare anche:

Commenti da Facebook

  • difficile immaginare un’analisi più superficiale…
    (però l’immagine della volpe è suggestiva)

  • Analisi?Patetisc!Allora su questo portale si puo’ proprio pubblicare di tutto! Tristezza infinita!
    A riveder le stelle!

    • Si può avere un’opinione diversa dal sacro blog senza essere patetici. Comunque può dirci la sua opinione su Roma, visto che ci abita. O no?

    • “Patetisc” starebbe per? Anziché starnazzare, porti degli argomenti, per favore. Possibilmente con educazione, questo non è il sacro blog.

    • ” Patetisc “: dal dialetto ticinese, in questo caso per commentare un articolo “che ta fa nii ul lacc ai ginocc”.

    • La mia opinione su Roma? Splendida come la sua luce. 🙂

    • Non ha risposto. Deduco che la sua conoscenza di Roma non sia al livello di quella del dialetto ticinese.

    • Cara Roberta, se pubblichi un articolo lo possono commentare solo quelli che vivono a Roma? Deduco che a Roma non ci vivi piu’ e che non ti sei impegnata a cambiarla. A riveder le stelle 🙂

    • No, possono commentarlo tutti ovviamente. Ma, di certo, chi non ci abita non può dirsi certo che tutto vada benissimo. Immagino che lei non prenda mai la metropolitana la mattina alle 7 o non attenda mai un autobus in periferia per oltre 45 minuti perché le corse sono state soppresse.
      Io sono nata e cresciuta a Roma e ci torno molto frequentemente. Quanto basta per constatare che il cambiamento atteso ancora non si vede.

    • Luana Zanetti Attendo la sua forbitissima analisi, Dott.ssa Zanetti.

    • Caro signor Soldiers, non ho conseguito dottorati le invio quindi la forbita analisi del Primario. Buona domenica ed a riveder le stelle 😉

      RICONOSCIUTI IN GIUNTA 97,6 MLN DI DEBITI FUORI BILANCIO, OLTRE 58 PER ATAC E ACEA. NON SI FERMA LAVORO DI GIUNTA, COMMISSIONE E ASSEMBLEA

      È proseguito anche oggi il lavoro di giunta, commissione bilancio e Assemblea capitolina per il riconoscimento, entro la fine dell’anno, del maggior numero possibile dei debiti fuori bilancio che ci hanno lasciato le precedenti amministrazioni.

      Con gli assessori ci siamo riuniti anche oggi, sia al mattino che nel pomeriggio. Tra quelle già approvate dall’aula e quelle pronte ad approdarvi finora abbiamo oltre 130 delibere per un totale di 97,6 milioni di euro di debiti fuori bilancio: soldi che finiranno a imprese e fornitori che da troppi anni aspettano i pagamenti per i servizi resi all’amministrazione.

      Tra questi abbiamo trovato i pagamenti dovuti ad Acea per le utenze comunali che, dal 2009 al 2014, sono state sottostimate: ogni anno venivano iscritti a bilancio importi inferiori di circa 20 milioni rispetto ai consumi reali, che generavano debiti fuori bilancio che oggi ammontano complessivamente a 160 milioni di euro, solo perché le precedenti amministrazioni dovevano “far tornare i conti”.

      In questi giorni la giunta è già riuscita a riconoscere 18 milioni per Acea. Mentre nei confronti di un’altra società partecipata, Atac, sono stati approvati debiti per 40,5 milioni: la gran parte deriva principalmente dalla necessità del Comune di sopperire al mancato stanziamento di fondi regionali.

      Il nostro lavoro proseguirà nei prossimi giorni, per restituire trasparenza e rigore ai conti del Campidoglio.

    • Siamo tornati tra le strade della Capitale: questa volta lo #Spazzatour lo abbiamo fatto nel quartiere di Torpignattara caratterizzato da un’altissima densità abitativa. Abbiamo riscontrato alcune criticità riguardo sia la raccolta che il conferimento dei rifiuti.

      Per quanto ci riguarda siamo già impegnati affinché l’Ama garantisca un sistema di raccolta più efficiente e aderente alle esigenze del territorio, allo stesso tempo chiediamo ai cittadini di contribuire alla pulizia della città rispettando tutte le indicazioni per il corretto conferimento dei rifiuti.

      Tra i problemi riscontrati, infatti, c’è quello relativo alle utenze non domestiche e per questo a febbraio partirà in via sperimentale nel I e nell’XI Municipio il progetto per implementare di differenziata per bar, negozi, ristoranti e gli altri esercizi commerciali.

      Inoltre crediamo che realizzare una comunicazione multilingue sulle buone pratiche possa rispondere alle necessità di un quartiere multiculturale dove convivono cittadini di oltre 30 nazionalità diverse. Aiuteremo tutti a rendere la nostra città più vivibile.

    • Luana Zanetti Dott. Soldiers, prego. Ah, quindi quella di Travaglio sarebbe un’analisi completa e oggettiva. La politica non si limita all’onestà e al non rubare: non è che un mero punto di partenza.

    • Che diciamo delle 3000 linee di bus cancellate? Della costruzione della linea C bloccata per sempre? Della B a rischio chiusura? Lo spazzatour forse non ha coperto tutte le zone. Qualche giorno fa qualcuno ha fotografato la stazione di Pietralata (su Roma fa schifo ci sono le foto): coperta di rifiuti. Forse è il caso che, oltre a “riveder le stelle”, lei si faccia un giro per Roma.

    • Cara hai scritto un articolo per esprimere la tua delusione. In giro per Roma prima della Raggi cosa si poteva trovare? Mafia Capitale ti dice qualcosa? Questa era Roma. E ora con calma onesta’ e rispetto dei cittadini vedrai che sara’ molto piu’ efficente e bella e a riveder le stelle a Roma ci andro’ ancora piu’ volentieri. Auguri a Roma e a tutti i suoi abitanti. Passo e chiudo 🙂

    • Scusami, un’ ultima cosa…a proposito dei tagli…mia nonna mi ha detto di dirti che le corse tagliate sono 3800. Facevano credere ai cittadini che passasse un bus ogni 5 minuti! Mia nonna non so dove abbia saputo questo perche’ non legge o giornali ne vede la televisione, pero’ vive a Roma. Magari riesci a verificare 🙂

    • Perdonami, Luana.
      Ma al di là dei copia e incolla di Travaglio e degli slogan del Sacro Blog e dei racconti di tua nonna, hai una tua opinione in merito?

      Poi perdonami, ma ho una domanda. Quando sei stata a Roma l’ultima volta e quanto spesso ci vai?

    • Certamente ho una mia opinione:
      “A riveder le stelle…” e per la seconda domanda, perdonami tu, se ci tieni tanto, l’ultima volta a Capodanno e per l’ ultima e quanto spesso…piu’ di quanto tu possa immaginare! Ti consiglio di farlo spesso anche tu! Cari saluti e A riveder le stelle 😉

  • no dai, va bene tutto ma questo è troppo davvero, cose del genere si possono scrivere solo se si è in completa malafede oppure se si è completamente rincoglioniti…fate voi, ciao cara Roberta Condemi

    • Non credo di essere né l’uno né l’altro. Sicuramente sono educata, a differenza sua. Lei abita a Roma?

    • ok, mi perdoni Roberta, lei non è rincoglionita e nemmeno in malafede, sicuramente vive a Roma, allora perché scrive che le Raggi e i 5 stelle hanno rinunciato alle olimpiadi? dovrebbe sapere che non è cosi, hanno rinunciato a candidare Roma alle olimpiadi, avendo la concorrenza di citta come Parigi non crede che al CIO manco se la cagavano di striscio Roma? a proposito di impianti sportivi lei che vive a Roma sicuramente conosce quelli dei mondiali di nuoto dove ci nuota al limite qualche Rana, o al limite Rospo? sulla Volpe non mi esprimo nemmeno, ma quello che non capisco è : perché lo sport nazionale in Italia è diventato il Tiro a Virginia Raggi?

    • Non esiste alcun tiro a Virginia Raggi. Prima di lei, anche altri sindaci sono stati criticati duramente. Marino è stato indotto a dimettersi per molto meno, ad esempio. La volpe era una note di colore. Gli impianti di nuoto sono incompleti, spero che la giunta intervenga. Per il resto, la situazione dei mezzi pubblici è a dir poco disastrosa e ci sono tante, troppe cose che ancora vanno messe a posto. Mi auguro, per il bene della città, che il sindaco ci riesca.

    • La Roma di oggi è il risultato del malgoverno di diverse giunte protrattosi per decenni: ma la giunta Raggi avrebbe dovuto miracolosamente risolvere in pochi mesi tutti i disastri creati da altri nel corso di decenni … Mah …

  • Tommy

    Eversivi e incompetenti, grazie Roberta per il bel ritratto che (credo vivendo a Roma) hai fatto di cose che conosci molto meglio di chi vive su un computer senza sapere niente.

  • la storiella sulla volpe poi mai me la sarei aspettata , nemmeno dalle menti più contorte….mo se dobbiamo accusare la Raggi e i 5 stelle pure della presenza della prima volpe a Roma siamo davvero alla frutta, e per fortuna era una volpe e non una Lupa, altrimenti avrebbe tirato in ballo Romolo e Remo….ma dai non se può più davvero….Roberta , daiiiiiii

  • Ma cosa c’entra la volpe, è una nota di colore, mica nessuno ha dato al colpa alla Raggi per la volpe!

  • ho capito Corrado, ma davvero non se può più, sinceramente anche io ( Grillino della prima ora ) mi sarei aspettato di più dalla giunta 5 stelle, uno dei grandi motivi fondanti del movimento è sempre stato il coinvolgimento della popolazione nella amministrazione pubblica , vedendo ( da lontano ) quello che è successo finora mi sembra si siano un po chiusi invece, avranno sbagliato molte cose… nell’articolo si parla anche di olimpiadi mancate senza dire che comunque al massimo Roma si poteva “candidare” per le olimpiadi e non è detto che sarebbe stata scelta viste le altre citta in corsa, impianti sportivi a Roma iniziati e mai finiti ne hanno da vendere, anche senza rubare nulla ( cosa molto difficile in Italia ) Roma si sarebbe indebitata ulteriormente…ma questo non lo dice mai nessuno….ormai è diventato lo sport nazionale sparare contro la Raggi, però Corrado da voi non capisco perché, non siamo abbastanza antisistema?

  • Il grillino dall’italiano stentato che pubblica link di pagine complottiste e che dà lezioni sul sindaco di Roma a una che a Roma ci vive è l’affresco perfetto di cosa sia il Movimento 5 Stelle.

  • Finora ho letto solo commenti critici di persone che non abitano a Roma e che probabilmente non ci hanno mai vissuto. Purtroppo uno dei grandi difetti del M5S, e dei suoi elettori evidentemente, è di credersi migliori degli altri, di potersi permettere di insultare ma non sopportare che siano loro rivolte critiche.

    • Critica stantia, sono piuttosto i partiti tradizionali – PD in testa – e i giornali che li sostengono che cercano ogni appiglio, peraltro forzando sistematicamente le cose, per poter dire “Vedete che siete come tutti gli altri?”! E lasci stare la menata del vivere a Roma (non ci vive nemmeno lei, vero?): se si potesse parlare solo di realtà toccate con mano non si potrebbe più parlare di molte cose …

    • In questo caso, è necessario verificare come stanno esattamente le cose a Roma. Vale a dire, muoversi con i mezzi pubblici, guidare e imbattersi nelle buche, constatare lo stato della raccolta dei rifiuti. E questo sì, lo faccio e l’ho sempre fatto. Non so lei. Anche la polemica del PD è stantia comunque.

    • Roberta Condemi mi hai convinto, ora che ho scoperto che il m5s NON HA la bacchetta magica non ci credo più , non voterò mai più per loro…

    • Roberto Gaiani lungi da me voler convincere qualcuno. Continua a votare il M5S se lo ritieni opportuno.

    • Roberta Condemi no davvero, dammi una alternativa valida ti prego, prima o poi si voterà anche per il rinnovo del parlamento, dammi una alternativa che ci faccia sperare , qualcuno che abbia un programma serio che vada oltre domani mattina, qualcuno che metta il popolo al centro del progetto e non il proprio gruppo di sodali, ti prego illuminami perché io davvero non riesco a vedere qualcosa di simile….tu cosa proponi per esempio? e lo dico senza livore o sarcasmo davvero….

    • Roberto Gaiani io non propongo niente, il mio intento non era dare indicazioni di voto.

  • Fossero solo le volpi (animale che si adatta bene alle zone urbane) a girare per Roma, ci sono anche i cinghiali, le pantegane e un a miriade di faccendieri corrotti, ma non credo che sia colpa della Raggi, perlomeno non ancora. E comunque la “sinistra” renziana (mica scemo Fonzie) ha candidato Roberto Giachetti, profilo di altissimo livello, sicura di perdere le elezioni. Le uniche elezioni dove si è corso per perdere, Raggi a parte. Penso francamente che misurare l’operato dell’M5s in base alla situazione di Roma sia un esercizio più che inutile, direi fazioso, tipo Repubblica che fa scorrere fiumi di inchiostro per spiegare agli elettori del Pd quanto sia cattivo Grillo, anche a giusta ragione, salvo poi toccare l’apice della critica politica attaccando violentemente il governo Gentiloni con titoli corrosivi tipo: “Gentiloni in montagna ‘ripassa’ il tedesco”. Voilà, lo avevo detto anche a Jacopo, scrivere che Grillo è ‘na merda omettendo il fatto che anche tutti gli altri lo sono (Berlusconi, Renzi, Salvini) è manicheismo non giornalismo.

    Per ciò che riguarda la mancata candidatura, per alcuni controversa, alle olimpiadi c’è solamente da rallegrarsi, conoscendo un poco le vicende italiane non vedo alcun motivo valido per cui un romano debba essere favorevole alla solita opera di doping economico che non serve a un cazzo (nessuno ha ancora fornito i dati definitivi sull’Expo, tra l’altro), se non ai soliti faccendieri e speculatori. Definire il ‘no’ una mossa azzardata è da Premio internazionale Post-verità 2017. Sbaglierò, ma il ‘sì’ alle olimpiadi è la mossa più azzardata dell’universo consciuto e voglio vedere chi ha il coraggio di sostenere il contrario, e su che basi.

    A Roma neanche Gesù Cristo in persona, né Superman, né Batman, riuscirebbe in 6 mesi, un anno, due anni, a mettere a posto la metà dei problemi… forse i rettiliani in un anno ce la farebbero.

    Infine, sostenere che Grillo sia ‘sto genio del male che modifica il codice etico del movimento per salvare la Raggi in vista di un indagine e sticazzi e sti stracazzi… Sono proprio curioso di vedere dove vanno a finire i voti grillini dovesse cambiare il partito da giustizialista a garantista. Un suicidio politico che favorirebbe Salvini, Berlusconi e il pupo della Ruota della fortuna. Cazzo che genio stratega.

    • Tommaso

      Meno male che è anche oggi è arrivato James Cole a, come gli ha ordinato il dottore, spiegare costantemente al mondo come funzionino le cose perché lui sì che è intelligente. Meno male!

      • Eddai, piano con gli elogi Tommaso, mi fai arrossire. Posso sapere su cosa non sei d’accordo? Così per curiosità. Se non vuoi non c’è problema, possiamo fare come Fabrizio Rondolino su Twitter, tirare fuori i bandieroni, gli striscioni i fumogeni e insultarci gratis. No problem, l’importante è sapere a quale livello menare le dita sulla tastiera.

        • Tommaso

          Cordialmente, e valido per tutte le volte che hai fatto sbadigliare coi tuoi pipponi: machittesencula.

          • Ostia, mi aspettavo qualche critica, invece solo complimenti. Grazie per incularti tutti, minchia TUTTI maperdavero?, i miei pipponi. Daje fratè, a ‘sto punto di elevo a mio pesce pilota preferito. Un abbraccio.

            James Dormicum Cole 🙂

        • Pat

          Grande James come sempre, invece.

  • Tristezza infinita! Patetisc! Chi si crede migliore degli altri? Ma quali critiche? Ma quale articolo? Uno sfogo forse di chi preferisce criticare che impegnarsi politicanente. A riveder le stelle 🙂

  • Perché se si esprime un’opinione, peraltro pacata, su qualche esponente M5S non si ha nient’altro di meglio da fare? Chiamasi libertà di espressione.

  • Ottimo articolo per sintassi, metafore e analisi. Grazie.

  • Articolo patetico, né basta dire “io vivo a Roma, e voi?” per giustificare un’infilata di mezze verità e palesi forzature che sembrano il bignamino della peggior Repubblica. A dir poco temeraria poi l’intemerata sulla bocciatura delle olimpiadi!
    P.S.: di volpi ne ho viste più di una vicino al mio ufficio nel centro della pulitissima e lindissima Zurigo …

    • Perché mezze verità? La dica Lei la verità se ne è il custode. E mi spieghi perché non è possibile muovere una critica al M5S senza essere insultati.

      • Alberto

        Perche’ i penta stellati sono i portatori della verita’ assoluta in quanto espressione del popolo. Ogni tanto mi chiedo se il suffragio universale abbia realmente senso nel 2017.

    • una critica è una critica giusta quando si critica qualcosa di CONCRETAMENTE ascrivibile a chi o a cosa si sta criticando, se lei scrive che il Colosseo ha delle crepe nei muri portanti e da la colpa alla Raggi e ai 5 stelle questa NON è una critica, bensì una cazzata….

    • Roberto Gaiani no. Io dico che il vento finora non sta cambiando. Ma lei sa che sono state soppresse tremila corse di autobus? Che la metro C non sarà MAI completata? Che agli autisti dell’ATAC, lei conosce bene Roma e quindi sa di chi parlo, è stato risparmiato l’obbligo di timbare il cartellino e sono state ridotte le ore di lavoro? Che,se non si interviene a sbloccare dei finanziamenti previsti per la manutenzione della metro B, l’INTERA linea rischia di chiudere?

    • Roberto Gaiani, anche tu però, o porti dei ragionamenti o non puoi affidarti al fatto che ritieni patetico un articolo. Discutine con intelligenza, i populismi lasciamo li fuori da qui

    • Roberta Condemi le risulta che io l’abbia insultata? Io ho scritto, e lo ribadisco, che il suo articolo è patetico. Vede, senza nemmeno rendersene conto lei reagisce esattamente come i tanto esecrati grillini! Per il resto: non sono custode di un bel niente, e per mostrarle quali siano le sue mezze verità mi toccherebbe di fatto scrivere un articolo almeno lungo quanto il suo: ma qui la giornalista (sic!) è lei, non io, giusto? Allora la rimando agli editoriali di una persona molto più informata di me e infinitamente più informata di lei, e cioè Marco Travaglio, che ha già inoppugnabilmente smontato tutti i suoi – chiamiamoli così – argomenti. Tra l’altro, visto che lei vive a Roma, faccia un salto all’edicola sotto casa e compri il Fatto di oggi, dove Travaglio le terrà per la modica cifra del prezzo del quotidiano, una lezioncina sull’affidabilità dell’informazione di cui lei si nutre e si riempie la bocca!

    • Le posto il link del Giornale, non esattamente di sinistra, nel quale si riporta che Travaglio è leggermente di parte: http://m.ilgiornale.it/news/2016/12/18/se-nelle-intercettazioni-di-marra-spunta-pure-travaglio/1343885/

    • E, per inciso, io non mi nutro di un bel niente. Sono anni che vivo la città e mi sposto solo con i mezzi pubblici: credo di poter esprimere il mio giudizio.

    • Roberta Condemi wow, Il Giornale, questo sì che è giornalismo!

    • Roberta Condemi come no, ci mancherebbe altro!

    • Oscar Sacchetti ho preso la fonte più schierata e più lontana dal PD. Ovvio che nemmeno io lo leggerei mai. La invito comunque a prendere la metropolitana alla 7 del mattino alla fermata di Anagnina. O un autobus a San Basilio. Vediamo che ne pensa.

    • Roberta Condemi probabilmente penserei che è uno schifo, ma penserei anche che incolpare la Raggi per un simile schifo sarebbe un pelino ingeneroso …

    • Oscar Sacchetti eppure la signora Raggi ha cancellato tremila corse di autobus, esonerato gli autisti dall’usare il badge e bloccato il completamento della metropolitana C. E anche la B è a rischio chiusura. Se questo vuol dire risolvere…

    • Roberta Condemi questo vuol dire provare a prendere in mano una situazione totalmente fuori controllo: poi fra qualche mese si tireranno le somme, non ora!

    • Oscar Sacchetti me lo auguro.

    • Corrado Mordasini ho cercato di portare degli argomenti mi sembra, e lasciamo perdere il populismo perché pure di questo non se può più, ho detto delle olimpiadi, degli impianti sportivi iniziati e mai finiti, sulla volpe ok era una nota di colore, Roma ha ( dicono ) 15 MILIARDI di debiti, la metro C mi risulta al momento un pochino in stand by perché vogliono capire come mai un km di metro a Roma costa come 10 in un altra citta ( al di la dei reperti archeologici )sulla B ho sentito l’assessore Berdini dire che se non interviene il Governo non riescono neppure a fare la manutenzione ordinaria figuriamoci la straordinaria, ma cosa devono fare Batman??? io avrei preso a calci in culo la Raggi perché non ha cercato di ridimensionare uno come Marra ( con quella faccia manco un caffè ci prenderei) ma mi ricordo che comunque era già un dirigente del comune e sapete che mica si possono licenziare ad ogni cambio di giunta, secondo me peccano di buona comunicazione e ripeto che lo spirito che anima ( o dovrebbe ) il movimento dovrebbe essere il coinvolgimento della popolazione ( tutta ) spero ci si arrivi

  • Roberta Condemi sì, ma vede, godere di libertà d’espressione non vuol dire essere obbligati ad esprimersi…

  • Oscar Sacchetti questo vale anche per lei. Nemmeno lei è obbligato:

  • Th3on

    Ha una bella faccia tosta, ci propina il suo articolo retorico e superficiale sulla (sua) realtà di Roma e poi se qualcuno la critica non puo’ perché non vive a Roma! 😀
    Sinceramente non ho neanche voglia di stare a controbattere a ogni cavolata che ha scritto, ma visto che lei si vanta tanto di abitarci faccia cosi’, vada a Tor Vergata a buttare un’occhio al cantiere delle vele di Calatrava, si informi un po’ meglio e poi si faccia un pensiero sul perché Monti prima (mai contestato) e la Raggi adesso (Roma nel caos!!!) hanno rinunciato alle Olimpiadi.

  • Luca Bustini se la mettiamo così, anche il grillino medio reagisce esattamente come voi. Avreste potuto risparmiarcelo.

  • Luca Bustini, con che criterio ritieni che Roberta avrebbe dovuto risparmiarci la sua opinione? Il pensiero di Roberta è perlomeno pacato e più circostanziato del tuo, che lascia allora il tempo che trova. Anche tu dunque potresti risparmaiacelo, ma sei qui a discutere. prova a essere più logico e di parlare meno a slogan, magari riusciamo a discutere. e poi scusa, tu da che parte stai?

  • Roberta Condemi uhh, che risposta piccata, degna del peggior grillino … Però vede, se lei avesse qualcosa di originale da pubblicare saremmo tutti felici di leggerla, mentre se lei pubblica il riassuntino delle accuse più pretestuose mai pubblicate dai grandi giornali italiani nei confronti della Raggi, beh, allora la sua libertà d’espressione finisce con lo scontrarsi con la mia libertà di dirle che poteva anche risparmiarci le sue articolesse.

  • Oscar Sacchetti non credo. Io sono libera di scrivere e lei di commentare. Almeno la libertà la intendo così. A me poi la sua sembra una reazione grillina: appena si dice qualcosa su di loro vi inalberate.

  • Roberta Condemi ecco, questa mancava, la lezioncina sulle libertà! E comunque mi spiace deluderla: non sono affatto grillino, solo che questo dare addosso alla Raggi perché non ha ancora risolto i guai di Roma in pochi mesi mi lascia molto perplesso! La Raggi ha commesso errori, ma questo zelo nel far rimarcare che il vento a Roma non è cambiato mi pare assai peloso…

  • Oscar Sacchetti ah non è grillino?

  • Roberta Condemi no, purtroppo per lei no …

  • Oscar Sacchetti a me sembra di sì, ma non è questo il punto. Ognuno è libero di votare ciò che vuole.

  • Roberta Condemi mi permetta di credermi abbastanza presuntoso da sapere ciò che sono almeno sotto il profilo politico e ideologico, OK? E poi finalmente su una cosa siamo d’accordo: non è questo il punto!

  • Incredibile il livore che alcuni articoli riescono a tirar fuori. Come se alcuni argomenti non si possano nemmeno sfiorare perché si rischia il linciaggio.

  • Scusa, Luca Bustini, vuoi entrare a far parte del GAS per decidere chi può esprimere un’ opinione e chi invece non deve perchè è inutile?
    Mandaci un curriculum, magari lo valuteremo 🙂

  • video di PresaDiretta. domani sera alle 21.00 il sacco di Roma, poi magari si riparla di quanto sono inetti la Raggi e sopratutto i 5 stelle…

  • Brava Roberta. Non sono d’accordo su tutto ma avere smosso i coscienziosi palati dei benpensanti di ogni area è un ottimo risultato.

Leave a Comment

Sei umano? *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud

Ti è piaciuto l'articolo? Supporta il GAS

Il pagamento avviene tramite PayPal: se vuoi utilizzare altri sistemi, visita la pagina AIUTA IL GAS. Puoi pagare con PayPal anche se non hai un account, segui le istruzioni sulla pagina di destinazione.

Motivo del pagamento: Donazione per il GAS

Importo da donare: Scorri per selezionare

1 10

Inserisci i tuoi dati

Inserisci il risultato (protezione anti-spam)

6 - 1 =

In attesa di collegamento a Paypal: alcuni browser potrebbero bloccare il popup; se non visualizzi la pagina di Paypal, consenti l'apertura dei PopUp per il nostro sito e aggiorna la pagina o ripeti il pagamento.
Validating payment information...
Waiting for PayPal...