Ruggero Pantani degno di stima?

Di Antonia Boschetti

Antonia Boschetti ci invia la sua interpellanza al comune di Chiasso, in merito alla boutade di Ruggero Pantani, fratello della Consigliera Nazionale Roberta e impiegato presso il comune.

Lunedì 20 marzo, il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri pubblicò sul suo profilo Facebook la notizia bufala di una protesta inscenata da migranti in Italia, i quali avrebbero minacciato di provocare disordini nel loro centro di accoglienza se non avessero ottenuto camere singole e cibo africano. Senza porsi domande sull’effettiva veridicità dell’avvenimento, il dipendente del comune di Chiasso Ruggero Pantani, commentando la notizia, si è espresso nei seguenti termini: “Tutti sul Tilo”, facendo evidentemente riferimento agli ultimi tragici fatti avvenuti tra Como e Chiasso sui tetti dei treni Tilo: la morte e il ferimento grave di due ragazzi saliti sopra i vagoni nel tentativo di varcare il confine.

Citando l’articolo 25 del Regolamento Organico dei Dipendenti, si scopre che: “Il dipendente deve mostrarsi degno della stima e della fiducia richieste dalla sua funzione pubblica”.

Dichiarare l’augurio di ulteriori morti e feriti è un atteggiamento degno di quella stima e fiducia enunciati dal suddetto articolo?

Si tratta di una domanda retorica essendo la risposta, ovviamente, negativa. Pertanto, consegue un’ulteriore domanda: come intende procedere il Municipio di Chiasso nei confronti del dipendente comunale che, malgrado la sua funzione pubblica, ha avanzato un commento tanto aggressivo quanto crudele rivolto ad un intero gruppo etnico?

Quest’ultima è una domanda aperta che merita urgente risposta.”

Ti potrebbero interessare: