Candidata senza or… pelli

Di Pietro Piatti

Fulvio Pelli, già presidente nazionale del partito e tutt’oggi pezzo da novanta del PLR in Ticino, ha prontamente stroncato Laura Sadis: intervistato dalla stampa d’Oltralpe ha usato a proposito espressioni pesanti come “candidata debole” e “candidata socialista”. Letto in chiave politica la scelta è evidente: o Ignazio Cassis o piuttosto nessun/a ticinese in Consiglio federale.

Si è mai visto un partito eliminare a priori qualsiasi “piano B” in questo modo? Tanto più che l’elezione è per definizione una lotteria e nell’Assemblea federale i giochi si decidono quasi sempre sulla base di criteri ben diversi rispetto alle logiche interne dei partiti (chiedere all’UDC, ne sanno qualcosa lì dentro). La questione della rappresentanza femminile sarà anche questa volta decisiva per parecchi membri votanti che potrebbero fare la differenza.

Ma questo è il Ticino, e l’ex partitone non riesce a scrollarsi di dosso vecchie storie neppure quando in gioco vi è un posto nel Governo Federale.

Ti potrebbero interessare: