Il rigurgito fascista e ignorante dei no vax

Di Jacopo Scarinci

Anni e anni passati a gridare del pericolo rappresentato da Silvio Berlusconi, Gianfranco Fini, Umberto Bossi e – per meno tempo causa motivi anagrafici – Matteo Salvini per poi scoprire che il vero fascismo, quello reazionario, di pancia, ignorante e contro le istituzioni è plasticamente definito dai sedicenti “no vax”, coltivato in vitro dai social network e con la sponda politica del Movimento 5 Stelle. Questo è il paradosso italiano.

Non si può che definire fascismo l’aggressione di casalinghe diventate d’incanto immunologhe e altri laureati all’università della vita a tre deputati del PD che ha avuto luogo questo pomeriggio a Roma. La colpa di questi tre deputati? Aver votato a favore della reintroduzione dell’obbligo vaccinale. Gli autori di questa aggressione? Gente che a chilometri di letteratura medica, dati, statistiche e trattati preferisce un link su Facebook. Gente che avrà sicuramente dei talenti nella propria vita, tutti ne abbiamo almeno uno, ma che forse prima di discettare di immunologia sulla pelle dei propri figli dovrebbe pensarci bene. E magari studiare.

Quello a cui stiamo assistendo oggi, grazie al tana liberi tutti e al via libera a ogni indecenza portate da social network attenti solo a incassare somme stratosferiche grazie alla pubblicità, è la reazione pura, l’attacco continuato e costante all’autorità politica, alle istituzioni democratiche, alla decenza. Tutto è attratto verso un gorgo allucinante, nichilista e terribile, che rende il parere di un immunologo carta straccia perché orde di neo tuttologi su Facebook hanno letto questo o quel link. E a coprire, legittimare e fomentare questo degrado c’è un Movimento 5 Stelle che proprio lì ha il suo bacino elettorale, e proprio per questo continua a giocare col fuoco.

L’ignoranza fa paura. Difatti la si è sempre combattuta con scuole, università, informazione, letteratura. L’accesso al sapere, qualsiasi tipo di sapere, è stata la più grande conquista dell’umanità. Se oggi siamo arrivati alle aggressioni parafasciste verso chi tutela la salute dei bambini evidentemente, negli ultimi anni, qualcosa non è andato per il verso giusto.

PS: sì, ho fatto tutti i vaccini. No, non ho figli. Sì, quando e se ne avrò li vaccinerò come sarà indicato da medici parecchio più esperti di me.

Ti potrebbero interessare: