Wermuth, il digestivo indigesto

Di Calvero

Ce l’abbiamo con Cédric Wermuth. Così non si fa. Che approssimazione, che indelicatezza, ma si rende conto del vespaio che ha tirato in piedi? Il Serbo e il Croato lingue nazionali?

Ma scherziamo? Il deputato del PS è veramente scivolato su una cacca con la sua proposta.

No perché… lo spagnolo dove lo mettiamo? Gli iberici sono figli della serva? E i portoghesi? Ma deliriamo? Che sono i più numerosi dopo francesi e tedeschi? Allora piuttosto facciamo lingua nazionale il portoghese, scusate, che poi serve. È parlato anche in Brasile che è bello grande. E anche in Angola. E in Mozambico e in un po’ di sputazzi di isolette asiatiche.

E il pashtun? E l’urdu? E il tibetano? Per non parlare del nepalese, siamo sicuri di trovare un fervente sostenitore del nepalese quale lingua nazionale in Fiorenzo Dadò. Insomma, lasciare fuori gli altri è ingiusto e crudele. Se vogliamo veramente essere carini e inclusivi dobbiamo far si che la nostra lingua sia la lingua di tutti i popoli del mondo.

Ecco! L’esperanto, e non se ne parla più, tutti felici e contenti: salutojn al ĉiuj kaj bonan tagon.*

 

*Saluti a tutti e buona giornata.

Ti potrebbero interessare: