“Un viaggio da ricordare”

Sono le 5 del mattino e in stazione ci siamo solo io, dei tossici e un signore che avrà 70 anni, o forse solo 50 portati malissimo.

Mi guarda e mi fa cenno con la testa, io mi giro per vedere se dietro di me c’è qualcuno ma niente, saluta me. “Ciao…” “Ciao, sfegliata preshto o antata a tormire tarti?” Caro, gli manca la metà dei denti ma in compenso ha una chioma così bianca da fare invidia a Babbo Natale. Ah, si, dimenticavo, dall’accento deve essere schwiizerdütsch. Non ho mai capito il suo nome, ma l’ho ribattezzato White Oleander, perchè quei capelli si meritano un nome. Ah, dovete sapere una cosa: io amo viaggiare sola. No figli, no fidanzati, no cani, no spaccaminchia… solo io e la musica nelle orecchie. E sapete cosa anche? Non ci sono mai riuscita. Io attiro gente strana, ogni volta uno nuovo decide sia una buona idea fare il viaggio con me e io non ho scelta, questa volta è il turno di White.

“Dofe fai?” “Salonicco…” “Dofe si trofa? Nella falle del riccio…” e scoppia in una risata inquietante. “Guarda che Salonicco e riccio non fanno rima…” “Sì ma fa ridere… ho qui una cosa buona buona.” Aiuto. Apre la valigia e tira fuori 4 bottiglie di vino…’sticazzi’ è l’unica cosa che mi viene in mente. “Sono le 5.15 di mattina….” “Jawohl.” Ora capisco tante cose, caro White. “Pefi solo un gocciolino…” Eh, ma se poi lo chiami gocciolino come faccio a dirti di no? Ottimo, White con me fino a Zurigo, io ho già il singhiozzo e non siamo nemmeno a Bellinzona. “Perché vai nella tana del riccio?” “Ma che ne so…. Tu devi capire che in realtà quello che faccio io non serve a un cazzo, capisci?” “Dovresti andare da uno psicologo..” Capito? Un alcolizzato mai visto prima mi dice che dovrei andare dallo psicologo.

“Ho fatto anni di psicoterapia e non sono serviti a niente.” Grande lui, che ad una certa mi ha preso la mano e mi ha detto: “non rinunciaren mai.” Grazie, ora mi sento una psicotica con i fiocchi amico. “Mi fai una foto da mettere in Facebook? ”

Certo!!! Uno, tue, tre…. formacciooooooo!

Barbara Ferrari

Ti potrebbe interessare anche:

Commenti da Facebook

Leave a Comment

Sei umano? *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud