Attilio ci fa rimpiangere Razzi

Chi di voi non conosce il deputato al Parlamento italiano Antonio Razzi? Quello dei “non creto” o dei “fatti li cazzi tua” reso icona comica dalle strepitose imitazioni di Maurizio Crozza? Razzi  la macchietta, quello che ora vuole andare in Corea del Nord per “salvare il mondo” sicuro di convincere il suo amico Kim Jong Un?

Ecco, oggi un’intervista ad Attilio Bignasca ci fa perlomeno dubitare dei picchi di comicità involontaria raggiunti da Razzi. Attilio Bignasca, in un pezzo firmato Righinetti, lascia perplessi e col sorriso sulle labbra noi poveri $ini$tri, che finiamo per non capirci più una cippa. Ma non era la Lega quella dei “frontalieri raus”? O quella del Prima i Nostri? O quella a favore dei ticinesi? Ora Attilio, facendo un inusuale bagno di realpolitik, ribalta un po’ tutto il minestrone. Ma ascoltiamo direttamente il Conte Zio:

Signori, c’è poco da raccontare balle: se in Ticino fissiamo il salario minimo a 4.000 franchi il ticinese magari riuscirà a sopravvivere, mentre per il frontaliere resterà una paga da “sciur”.”

Se passa il salario minimo, Attilio e i suoi dovranno pagare di più anche i frontalieri. Ovviamente si avvantaggerebbero anche i ticinesi, ma ad Attilio frega più dei soldi che dovrà sborsare lui coi suoi amichetti di merende Pinoja e Siccardi. Perciò additiamo di nuovo i frontalieri, che così guadagnerebbero troppo. Righinetti domanda all’Attilio se su Prima i Nostri sta dalla parte del Consiglio di Stato, che dice no:

«Ma certo, non poteva rispondere diversamente. Vediamo i problemi che ci sono sulla storia del salario minimo, e che su Prima i Nostri il corridoio fosse molto stretto non occorreva essere scienziati per affermarlo. Chi valuta la parità di competenza ed esperienza per applicare Prima i Nostri? Forse le singole aziende? Bene, si sappia che, a parità, queste ultime preferiranno sempre un frontaliere a un ticinese perché è più flessibile».

Fermi tutti. Attilio dice che i ticinesi sono meno flessibili dei frontalieri. In poche parole i frontalieri sono meglio. Ecco perché le aziende e lui stesso li assumono. Giusto? O mi sono perso qualcosa?

Righinetti, stranamente in forma, incalza il conducator ad interim: L’UDC ha esultato per la comunicazione di Berna. È esclusivamente una vittoria dei Democratici di Centro o anche della Lega?

“I nostri amici Piero Marchesi e Marco Chiesa possono esultare, ma la realtà è che non ci sono vittorie da celebrare. (…)”

Incredibile. Allora ha ragione la Sinistra quando dice che quella che l’UDC vedeva come un “via libera” per Prima i Nostri, era in realtà solo una specificazione legale che non diceva nulla se non che Prima i Nostri è applicabile ma a certe condizioni, condizioni che in realtà sono praticamente insormontabili.

Facciamola facile: certo, puoi posteggiare la macchina lì, ma se lo fai ti multo, capito?

Bravo Attilio, continua così e rischiate di sembrare un partito.

Ti potrebbe interessare anche:

Leave a Comment

Sei umano? *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud