Foa e la m***a giornalistica

Il CEO del Corriere, dopo le bufale diffuse, dà lezioni di accuratezza giornalistica

Di

Affascinante la faccia di bronzo di Marcello Foa, amministratore delegato del Corriere del Ticino che tutti conosciamo. Che Foa, editorialista del Corriere e blogger, avesse un pessimo rapporto con le fake news era risaputo, ricordiamo se ce ne fosse bisogno quella del documento della BKA tedesca dove un presunto scoop del Corriere si è rivelato una notizia totalmente campata in aria (leggi qui) o come quella dei 150’000 riservisti USA che sarebbero dovuti intervenire in Siria ma di cui non è mai stata trovata traccia (leggi qui).

La comica si ingigantiva quando Foa partecipava come relatore all’USI a un simposio: “Fake news di persuasione”. Nel frattempo, dal suo Blog, Foa continuava serenamente a condividere notizie complottistiche e di dubbia origine. Oggi l’esperto di fake news ci delizia ulteriormente, dandoci una lezione di accuratezza e imparzialità pubblicando un tweet che alleghiamo qui sotto.

26731690_560416597644216_481487394444284638_n

 

Certo che se Marcello Foa può parlare di imparzialità giornalistica, allora Matteo Caratti è autorizzato a darci lezioni di Fisica nucleare. Complimenti comunque all’amministratore delegato per l’eleganza del post da lui condiviso e veicolato dove si parla di merda giornalistica.

Ti potrebbero interessare: