Gobbi restituisce il maltolto

A seguito dell’accettazione dei ricorsi, Gobbi è costretto a restituire ai ticinesi le tasse di circolazione pagate in eccesso a seguito dell’aumento da lui deciso nel 2017.

Di

La notizia come riportata ieri dai media sembrerebbe un po’ fuorviante. Perché, come diceva Moretti, “le parole sono importanti”. Una parola non detta, cambiata o aggiunta può cambiare di molto la percezione del pubblico, soprattutto in una società che va di fretta e che spesso si ferma solo ai titoli o alle didascalie.

Ma di che articolo e di che notizia parliamo? Sentiamo i media.

LiberaTv: “Imposte di circolazione: Norman Gobbi vuole restituire gli 8 milioni pagati in eccesso nel 2017 a tutti i cittadini che hanno avuto un aumento del balzello”

TIO: “Imposta di circolazione, Gobbi intende riversare ai cittadini gli 8 milioni pagati in eccesso”

La Regione: “Gobbi intende riversare 8 milioni ai ticinesi”

Allora, sentendola così, viene di nuovo di gridare al SuperNorman, che, novello Robin Hood, restituisce ai cittadini il maltolto. Facciamo però alcune doverose considerazioni. Nel 2017, Norman Gobbi, aumentava le tasse di circolazione e al contempo abbassava i bonus per autoveicoli poco inquinanti, creando un notevole malcontento tra gli automobilisti. Alcuni si erano visti addirittura raddoppiare l’importo. Il Fat (Fronte Automobilisti Ticinesi), a nome del suo presidente, il leghista Andrea Censi, prometteva fuoco e fiamme e ricorsi, ritenendo illegale l’aumento perché: “…inizialmente ha incentivato l’acquisto di veicoli più ecologici, concedendo sconti, salvo poi annullare tali ribassi nel giro di pochissimo tempo.”

Gobbi allora usava il solito escamotage dei ministri leghisti, “è una tassa ma non chiamatela tassa”, definendo la misura non un aumento delle imposte, ma una riduzione dello sconto per coprire il disavanzo. Chiamala come vuoi, Norman, ma siamo noi alla fine che c’abbiamo meno copechi nel borsello.

Oggi, Gobbi “propone” al Governo di ridare i soldi ai cittadini, in seguito ai ricorsi accettati dalla Camera di diritto tributario del Tribunale di appello. No, Norman, tu non proponi, tu DEVI farlo in seguito alla sentenza. Per cui il titolo corretto sarebbe dovuto essere:

Imposte di circolazione: Norman Gobbi DEVE restituire gli 8 milioni pagati in eccesso nel 2017 a tutti i cittadini che hanno avuto un aumento del balzello”

Un riassunto in breve? Gobbi crea una tassa (anche se rappresenta il partito che odia i balzelli), lo fa male (perdendo i ricorsi), e poi in vista delle elezioni, restituisce il maltolto. Morale: un sacco di carta e giramento di palle per nulla. Non vi ricordano un po’ la LIA e la tassa per i fungiatt?

Ti potrebbero interessare: