Tv svizzera, la migliore in Europa

Chris Hanretty, docente di Scienze Politiche all’Università di Londra, in un suo studio piazza la Svizzera al primo posto in Europa per indipendenza dei media

Di

Chris Hanretty, docente di Scienze Politiche all’Università di Londra, ha pubblicato uno studio sull’ indipendenza nel servizio pubblico radiotelevisivo di tutta Europa. Il risultato è interessante e dovrebbe inorgoglire tutti coloro che hanno seri rimpianti sulle eccellenze elvetiche che però ancora esistono.

Una di queste è la democrazia, invidiataci in molti paesi, e l’indipendenza della nostra radiotelevisione. Hanretty intraprende studi su due vaste aree legate alle interconnessioni politiche. La prima si occupa delle interazioni e influenze tra politica e magistratura, la seconda riguarda il legame che hanno gli elettori coi loro rappresentanti in Parlamento e sviluppa metodologie di stima e statistica per avvicinarsi il più possibile alle reali motivazioni degli elettori. Insomma, una roba complicata che non fa nè per me nè per molti di voi.

Un suo grafico interessante è quello in merito all’indipendenza, appunto, dei servizi radiotelevisivi in Europa. Se lo schema di Henretty è oggettivamente datato di qualche anno, più recente è il tema dell’indipendenza dei media in Europa, tenuto a fine 2016 dalla Commissione Europea. Da statistiche, infatti, i cittadini europei si dicono inquieti per l’indipendenza dei mezzi di comunicazione, hanno poca fiducia nei media e sono preoccupati per l’impatto dell’incitamento all’odio online. Al punto che il vice presidente della Commissione, Timmermans, dichiarava all’apertura del convegno:

“La libertà e il pluralismo dei media sono il fondamento delle nostre società democratiche. Senza mezzi d’informazione di qualità, il dibattito pubblico non può svilupparsi. Per questo dobbiamo garantire che i giornalisti possano esercitare il loro mestiere in totale libertà. Perché le nostre democrazie funzionino correttamente, i cittadini europei devono avere fiducia nell’indipendenza della stampa.”

E secondo Henretty la Svizzera è la migliore di tutti, situandosi al primo posto in Europa, con un punteggio di 0.96 su 100. Basti pensare che il Paese peggiore è ritenuto la Bulgaria, con lo 0,27.

Anche l’Italia, e qui vediamo il dato interessante, posizionata allo 0,81 fino al 1993, col ventennio Berlusconi vede un crollo allo 0,42. L’esempio italiano ci insegna cosa voglia dire e che valore abbia l’indipendenza del settore radiotelevisivo in un Paese democratico.

La SSR non è solo una televisione che trasmette sport e  film, ma è la nostra storia e la garanzia di un futuro pluralista e democratico.

classifica

Ti potrebbero interessare: