UPC Cablecom risponde dall’Africa

L’azienda che foraggia Lorenzo Quadri con pagine e pagine di pubblicità da decine di migliaia di franchi sul Mattino risponde dal Marocco.

Di

Vi stupite? Io no. Ormai l’outsourcing di grosse aziende con pochi scrupoli, più attente al profitto che a qualsiasi altra cosa dovrebbe averci abituati.

UPC Cablecom, l’azienda che tra le altre sta cercando di fare le scarpe alla nostra RSI foraggiando Lorenzo Quadri con pagine e pagine di pubblicità da decine di migliaia di franchi sul Mattino risponde dal Marocco.

Dal Marocco? Ed è normale? Certo, se vuoi pagare pochi copechi degli schiavi al telefono che rispondano ai tuoi clienti. È una telespettatrice a rivelarlo a Patti chiari:

“Dopo avere stipulato con UPC un contratto per un pacchetto casa internet, tv e telefono, con mio grande rammarico ho scoperto che gli operatori telefonici rispondono dal Marocco!

Sono pentita di aver scelto UPC: io ho acquistato un prodotto in Svizzera, lo uso in Svizzera e inconsapevolmente dò lavoro in Marocco. Non ho nulla contro questo Paese, ma mi chiedo: e i nostri giovani? Parlano tutte le lingue nazionali, hanno una buona formazione e nonostante tutto molti faticano a trovare lavoro! Il fatto che grandi ditte come UPC abbiano i call-center in Marocco o in altri Paesi di certo non aiuta! (…)  Io non ci sto: appena posso darò la disdetta e tornerò con il mio precedente operatore che opera in Ticino, con impiegati che rispondono dal Canton Ticino.”

UPC, interpellata risponde serenamente Sì. Lo fa soprattutto neglio orari di punta. I marocchini però non sono soli, sono coadiuvati da allegri telefonisti da prezzo stracciato in Slovacchia e Portogallo.

Forse in questi frangenti si capisce cosa voglia dire la Svizzera, le sue realtà culturali, le opportunità di lavoro prezioso che un ente come SSR mette sul piatto della bilancia e si capisce che significato abbia un servizio pubblico di fronte a questi avvoltoi del mercato globale.

Ti potrebbero interessare: