Conoscere tutto per scegliere bene il Procuratore generale

La presa di posizione del deputato Carlo Lepori sulla decisione dell’Ufficio di Presidenza del Gran Consiglio di non trasmettere ai deputati i risultati della valutazione della ZHAW riguardo l’esame dei candidati a Procuratore Generale

Di

In una delle prossime sedute del Gran Consiglio, i miei colleghi, le mie colleghe e io saremo chiamati a nominare il nuovo Procuratore generale. Finora le informazioni rilevanti le abbiamo ricevute dai media, come tutte le  cittadine e i cittadini. Poi il mio gruppo ha invitato i quattro candidati per un «colloquio di assunzione», per conoscere da vicino le loro idee, i loro programmi e la loro personalità. Poco prima della seduta di Gran Consiglio, nella quale la nomina sarà all’ordine del giorno, riceveremo il rapporto dell’Ufficio presidenziale, il rapporto (confidenziale) della Commissione di esperti indipendenti per l’elezione dei magistrati e quanto presentato dai candidati stessi (lettera di presentazione e curriculum vitae).

Il rapporto della Commissione di esperti, per legge tenuta a esprimere un preavviso sull’idoneità dei candidati, consiste di solito (quello sui candidati alla Procura generale non l’abbiamo ancora ricevuto) in un breve riassunto del curriculum vitae e di una breve valutazione sull’idoneità. A volte, come pare in questo caso, c’è una valutazione di «particolare idoneità», senza per altro un chiarimento sui criteri adottati.

Per questo la decisione dell’Ufficio presidenziale di chiedere ai candidati di sottoporsi a una valutazione («assessment») da parte dell’Istituto di psicologia applicata della SUP di Zurigo (Zürcher Hochschule für Angewandte Wissenschaften, ZHAW) mi ha fatto molto piacere. Questo istituto è già stato chiamato a esaminare magistrati per altri Cantoni e per la Confederazione e una valutazione oltre le competenze tecniche e giuridiche, per conoscere meglio la motivazione, il programma e le qualità attitudinali dei candidati, mi è sembrata un’ottima idea.

La valutazione della ZHAW ha avuto luogo e l’Ufficio presidenziale è in possesso dei risultati. Ma, leggo sui media, lo stesso ha deciso di non comunicarli ai deputati e alle deputate, le persone che hanno il compito di scegliere il prossimo Procuratore generale! Siamo così privati di elementi, forse importanti, per poter decidere.

Ogni deputata e ogni deputato vota per il candidato che ha liberamente scelto, senza istruzioni, sulla base della documentazione ricevuta e delle discussioni nel suo gruppo parlamentare, senza essere tenuto a rispettare eventuali graduatorie presentate dalla Commissione di esperti o dall’Istituto di Psicologia di Zurigo. Graduatorie che i media hanno già riportato. Ma, come detto, mi interessano di più gli esami a cui i candidati sono stati sottoposti e le risultanze proposte dagli esperti e dagli psicologi.

Per questo, con alcune colleghe e colleghi ho scritto all’Ufficio presidenziale, affinché la valutazione della ZHAW sia messa a nostra disposizione, nella forma ritenuta più opportuna, senza violare il diritto alla sfera privata dei candidati. Dobbiamo poter scegliere secondo coscienza e conoscenza, una conoscenza completa, senza censure.

Ti potrebbero interessare: