Digitalizzazione: nuvole e robot (parte 2)

Di

Come anticipato nell’articolo introduttivo (Digitalizzazione: parliamone) partiamo alla scoperta delle tecnologie legate alla trasformazione digitale.

Automazione, digitalizzazione

Con automazione intendiamo la tecnologia che permette di eseguire operazioni e/o processi controllati da sistemi senza (o quasi) intervento umano: per esempio le catene di montaggio con robot Kuka dell’industria automobilistica. Un’evoluzione iniziata decenni orsono con la meccanizzazione.

La digitalizzazione comprende la trasformazione di informazioni da formato analogico a digitale, per esempio musica in mp3 o documenti in pdf.

In inglese per indicare la digitalizzazione si utilizza il termine digitization, che viene spesso intercalato con digitalization (digitalizzazione), che però non ha lo stesso significato.

Con digitalization si indica l’utilizzo di tecnologie e dati digitali per rendere la propria attività più produttiva ed efficiente.

In italiano sembra comunque esistere unicamente il termine digitalizzazione, quindi è più difficile differenziare.

I due concetti sono alla base dello sviluppo attuale. Di fatto nel ramo dell’automazione si applica la digitalizzazione da molto tempo per aumentare la produzione e per ridurre l’intervento umano.

L’automazione nel frattempo ha preso piede anche nella digitalizzazione, prima come digitization (scan automatico di documenti) e quindi nella digitalization (formulari web o una fatture elettroniche).

Cloud e virtualizzazione

Il Cloud (la “nuvola”) è ormai diventato uno slogan. I fornitori di smartphone includono il proprio cloud nei sistemi operativi normalmente per il backup. Android usa Google Drive, Samsung e HTC hanno il proprio cloud. Sono servizi di cui usufruiamo per le copie di sicurezza delle foto, musica o dati e per poter accedervi in qualsiasi momento da qualsiasi luogo.

Sempre nell’ambito end-user alcune ditte offrono applicativi come servizio cloud. Penso a Microsoft con la suite Office online o Adobe Photoshop con abbonamento su base mensile. Servizi on demand che ci risparmiano l’acquisto e l’installazione di software sul PC.

Anche a livello nazionale ci sono delle offerte interessanti, come Docsafe di Swisscom per lo stoccaggio di dati sensibili e un servizio di registrazione di password.

Il cloud computing è quindi composto da servizi informatici su domanda, e generalmente pay-per-use (o pay-as-you-go), offerti via internet.

I servizi che ho citato sono per uso privato, quindi un B2C business.

Più interessante è il B2B business. Tra i pesi massimi del mercato ci sono Amazon Web Services (AWS) e Microsoft Azure.

Questi due giganti del settore hanno costruito una serie di centri di calcolo enormi distribuiti su diversi continenti e offrono una miriade di servizi informatici per i loro clienti.  

Per il cloud è necessario un alto grado di virtualizzazione di server e reti. Chiaramente viene ancora impiegato hardware, ma come base abbiamo un cosiddetto hypervisor: un software in grado di creare macchine virtuali (virtual machines).

Queste macchine virtuali sostituiscono i computer fisici e danno un grande flessibilità.

La virtualizzazione rende possibile l’astrazione della propria infrastruttura informatica trasferendola nei centri di calcolo di questi fornitori di servizi (provider), magari distribuendo i propri sistemi su diversi provider in base al prezzo più vantaggioso per il rispettivo servizio.

Si tratta di servizi professionali che vanno dagli applicativi, a server web, a banche dati o intere reti di network.

Le ditte non devono più avere un centro di calcolo (datacenter) con la relativa (cara) infrastruttura. Possono quindi anche ridurre il numero dei loro informatici e possono utilizzare i sistemi solo quando ne hanno bisogno (per esempio tre giorni per la chiusura contabile trimestrale). 

L’innovazione è garantita dalla concorrenza tra provider che sviluppando nuovi servizi a ritmo forsennato (continous integration and continous delivery).

 Microsoft Azure e AWS hanno milioni di sistemi. Mentre i fatturati si calcolano in miliardi di dollari.

Fonti:

https://www.gartner.com/smarterwithgartner/digitalization-or-automation-is-there-a-difference/

https://www.i-scoop.eu/digitization-digitalization-digital-transformation-disruption/

https://betanews.com/2017/04/14/automation-next-level-digitization/

https://www.i-scoop.eu/cloud-computing/

http://www.zdnet.com/article/what-is-cloud-computing-everything-you-need-to-know-from-public-and-private-cloud-to-software-as-a/

https://azure.microsoft.com/en-in/overview/what-is-cloud-computing/

https://aws.amazon.com/what-is-cloud-computing/

https://www.redpixie.com/blog/microsoft-azure-aws-guide

Ti potrebbero interessare: