Mauer ci prende per il sedere?

Il consuntivo federale si chiude con 5 miliardi di franchi di avanzo. E ciò nonostante, si continua a tagliare sul sociale paventando preventivi catastrofici, poi smentiti regolarmente

Di

200 milioni in meno previsti a preventivo, 5 miliardi che saltano fuori a consuntivo. E questa è la solita solfa da anni. Ragazzi, questi sono i tagli occulti. Ve li fanno sul groppone senza nemmeno che ve ne accorgiate. Lo fanno i partiti borghesi e l’UDC. Lo fa anche Vitta. (leggi qui)

Tutti a piangere lacrime di sangue. Tutti a parlare di rigore e di risparmi spaventando l’elettorato con la teoria che lo Stato è ormai sull’orlo del baratro. Questo fa in modo che i tagli, che avvengono puntualmente alla scuola, al sociale, alle famiglie, vengano tollerati. Poi per miracolo, l’anno dopo saltano fuori i soldini. Questa volta addirittura 5 miliardi, e due di questi, erano stati “occultati” con trucchetti contabili. I ricavi generali sono aumentati del 4% mentre quelli dovuti all’imposta preventiva sono saliti addirittura del 32%!

Stessa cosa in Ticino. Tutti a piangere e poi saltano fuori centinaia di milioni in seguito alla mini amnistia fiscale federale (e grazie ai socialisti), arrivano i milioni della Banca Nazionale (leggi qui), che per l’anno scorso ha versato alla Confederazione 1,2 miliardi. E tutto d’un colpo siamo felici, ma i tagli è meglio continuare a farli, che non si sa mai.

Solo negli ultimi otto anni, la Cconfederazione ha incassato numerosi miliardi in più rispetto ai preventivi. Se è giusto che i preventivi siano più prudenziali, è una porcheria giocare sulla pelle della gente continuando a perpetrare tagli in settori sensibili con 5 miliardi di avanzo. Miliardi in più che seguono un trend in attivo da tempo, erano infatti 800 i milioni in più nel 2016 e 900 nel 2015.

In questo bailamme, in Ticino la Lega della gente aveva chiesto ulteriori 20 milioni di tagli, senza specificare chi avrebbe dovuto soffrirne. Sono stati tagliati anche gli assegni AFI/API  per la prima infanzia alle famiglie meno abbienti e oggi ci sono in previsione altre riforme fiscali a favore delle aziende.

Avanti così ragazzi, tanto i pezzenti votano meno dei ricchi.

Ti potrebbero interessare: