Vuoi vivere bene? Vota rossoverde!

La statistica stilata dalla società Mercer di New York sulla vivibilità delle città del mondo premia inequivocabilmente le amministrazioni a guida rosso-verde

Di

Lo sappiamo che giochiamo per vincere facile. D’altronde quando certe realtà saltano all’occhio è anche buona cosa portarle alla ribalta. Di cosa stiamo parlando? Del recente e annuale rapporto sulla vivibilità di città e Paesi nel mondo.

Se la Svizzera si rivela da anni il Paese dove è più bello vivere (nonostante le nostre lamentele), tra le città il primato va a Vienna, seguita però immediatamente da Zurigo.

Ogni anno la società Mercer di New York stila una classifica e pubblica un rapporto sulla qualità della vita nelle maggiori città del mondo, è il “Mercer Quality of Living Survey”.

Quali sono i parametri? Abbastanza ovvio: sicurezza pubblica, livello di educazione ed igiene, stabilità politico-economica, efficienza dei trasporti pubblici e livello di soluzioni intrattenitive.

Avevamo già parlato, in un precedente articolo delle maggiori città svizzere, praticamente tutte a guida rossoverde (leggi qui) . Bene, questa classifica comunica qualcosa che a molti apparirà ovvio. Le prime 5 citta al mondo per vivibilità sono tutte a guida di centro sinistra-sinistra-verde.

Alcuni spocchiosi ribadiranno il fatto che tra socialdemocrazia e centro-destra non c’è differenza, invece questa statistica ci dice proprio il contrario: una guida di centro-sinistra permette di vivere meglio.

Partiamo dalla prima, Vienna, il sindaco è Michael Häupl  della SPÖ (socialdemocrazia austriaca), l’amministrazione ha una maggioranza di sinistra divisa tra SPÖ e Verdi.

Zurigo è a guida socialista e verde, con maggioranza assoluta sia in municipio che in consiglio comunale.

Ad Auckland governa  Len Brown, laburista, socialdemocratico e progressista.

A Monaco è l’SPD (socialdemocrazia tedesca) Dieter Reiter a detenere il sindacato, il consiglio comunale è a maggioranza socialdemocratica e Verde.

A Vancouver, governa Gregor Robertson della NPD, la  socialdemocrazia canadese, un partito progressista, sostenitore dello Stato sociale e, come tutti gli altri membro, dell’Internazionale socialista.

Dobbiamo essere fieri che nella nella top 20 figurino altre tre città svizzere, purtroppo per gli amici UDC e liberali, anche queste tutte a guida rosso-verde.

Basilea, con sindaca Elisabeth Ackermann, dei Verdi, vede la maggioranza rosso-verde anche in municipio, anche in consiglio comunale il 48% dei deputati sono rosso-verdi.

A Berna, la capitale,  il sindaco è Alexander Von Graffenried, dei Verdi, che alle ultime elezioni ha sostituito il consigliere nazionale socialista Alexander Tschäppät, che aveva lasciato per concentrarsi sul mandato nazionale.

La terza è la cosmopolita Ginevra  dove sindaco è Remy Pagani di Ensemble à Gauche.

Eh, direte voi, dai…vuoi fregarci, di sicuro la sesta città è di destra. Ti fermi alla quinta perché così suffraghi la tua tesi.

No, mi spiace: la sesta, la settima, l’ottava, la nona, la decima, tutte a guida socialdemocratica. Non lo dicono i ro$$i spalancatori di frontiere, lo dicono le statistiche, lo dice la storia.

Ti potrebbero interessare: