Gaszebo – 13/19 Aprile

Forza e coraggio. A riportare il sereno ci siam qui noi. Serenamente. Pronti a snocciolarti giorno per giorno, per ognuno dei prossimi sette giorni, cosa offre di bello la Svizzera italiana.

Di

“Piove, senti come piove. Madonna come piove, senti come viene giù. Questa è la primavera sulla porta e piove, madonna come piove. E poi tornerà il sole a farci festa.” Tutto questo lo cantava Jovanotti probabilmente ispirato dalle piogge di primavera. Già. Ma chi l’ha detto che quando piove non ci sia nient’altro da fare che rimanersene in casa sul divano a giocare a “vegeto”? Forza e coraggio. A riportare il sereno ci siam qui noi. Serenamente. Pronti a snocciolarti giorno per giorno, per ognuno dei prossimi sette giorni, cosa offre di bello la Svizzera italiana. E se casomai fossi tu ad avere qualche raggio di sole… puoi illuminarci scrivendoci all’indirizzo email gentecheaccende@gmail.com!

Venerdì 13 aprile 2018 “OtherMovie Lugano Film Festival 2018”

Nell’ambito dell’OtherMovie Art Happening, che si terrà dal 10 al 15 di aprile, a partire dalle 18.30, all’Ex Macello, saranno proiettati 5 cortometraggi iraniani, per buona pace di Donalduccio Trump che di corto c’ha ben altro. Una selezione della recente produzione filmica khomeinista per immergersi appieno nel sangue che zampilla dalle fontane di Teheran. Scherzi a parte, si tratta di grande cinema per tutti, commentato da Seyed Ali Hosseini e Mojgan Mashini, entrambi di origine iraniana e in Svizzera da anni, con cui il pubblico avrà modo di dialogare senza veli dopo la proiezione e durante la bicchierata che sigillerà la serata. Un venerdì 13 un po’ diverso dagli altri, consigliato a chi ha un debole per i gatti neri.

iraniana

www.othermovie.ch

Venerdì 13 aprile 2018 “Luke Howard + Federico Albanese in concerto”

La serata Raclette in programma allo Studio Foce dalle 21.30 avrà due protagonisti: un pianoforte e la musica classica contemporanea. Direttamente dalla terra dei canguri, saltellando da una tastiera all’altra, arriverà a Lugano con la sua musica celestiale il compositore Luke Howard, per il quale una parola è poca e due sono troppe. Difficile da ingabbiare in una definizione, la sua musica è un toccasana per lo spirito e l’intelletto. Pianista fin da piccolo, Luke ha imparato a usare la forza, quella dell’immaginazione e del pentagramma, diventando un potente cavaliere Jedi della musica intergalattica. Inoltre, con lui, ci sarà il pianista milanese Federico Albanese che, per la rima e la precisione, è anche un po’ berlinese visto che nella capitale tedesca ci vive ormai da qualche anno.

www.foce.ch

Sabato 14 aprile 2018 “Open Gallery #15”

Due volte l’anno, quest’iniziativa di Arte Urbana Lugano dà la possibilità a tutte le gallerie, agli spazi d’arte e ai musei della città sul Ceresio di spalancare porte e finestre in contemporanea e gratuitamente. Ma, attenzione, le pulizie di primavera non c’entrano! Dalle 15 alle 20, sarà possibile assistere agli eventi speciali, ai vernissage in presenza degli artisti, alle conferenze, alle visite guidate e agli aperitivi pensati e proposti appositamente per questa grande festa dell’arte e dei suoi derivati. Un’occasione da non perdere per sentirsi un po’ Picasso e un po’ chi vi pare. Inoltre, durante la giornata, si potrà passeggiare per il centro seguendo i piccioni segnaletici che indicheranno le gallerie che hanno aderito al progetto. Attenti al piccione, quindi. Dalle 20.30 all’1.00 sarà poi organizzata una grande festa all’aperto nel sottopassaggio di Besso che sarà molto “by night” per la gioia di Ugo Cancelli.

www.opengallerylugano.ch

Domenica 15 aprile 2018 “Maratona del Teatro Amatoriale della Svizzera Italiana”

Chi non ha mai sognato, in cuor suo, di salire su di un palco per dire, fare, baciare, lettera o testamento? Chi? Se c’è qualcuno, faccia un passo avanti! Questa è la maratona che fa al caso vostro. Di chi il teatro lo fa per amore. Una rassegna, in programma al Teatro di Locarno, nel corso della quale compagnie e attori amatoriali della nostra regione avranno la possibilità di presentarsi al pubblico e, sull’arco di tre giorni, mostrare quanto offre l’arte della recitazione al di fuori del non sempre edificante teatrino della politica ticinese. Fra gli altri, alle 16.45, anche lo spettacolo “Amarincontri” di e con René Fourés e Marco Capodieci. Niente paura, non si tratta affatto di una rivisitazione picaresca della storia senza futuro fra Luigi di Maio e Matteo Salvini.

www.maratona-teatrale-si.ch

Lunedì 16 aprile 2018 “STRANGE DAYS: Un festival sui mitici anni ‘90”

Mai sentito dire “formidabili quegli anni”? Lo si è detto dei Sessanta, dei Settanta e perfino degli Ottanta. E allora perché non dirlo anche dei Novanta dell’ultimo secolo del millennio da poco conclusosi? Un decennio che la rassegna bellinzonese ripercorre attraverso incontri, proiezioni e concerti. Un decennio, fra l’altro, fondamentale per capire la traiettoria dell’economia globale che ci conduce fino ad oggi. Nell’incontro pubblico in programma alla Biblioteca cantonale di Bellinzona alle 20.30, con Sergio Rossi e Fabio Merlini, ci si concentrerà sullo smantellamento dello Stato sociale a protezione delle categorie più deboli e sugli effetti di una trasformazione, inaugurata già fin verso la fine degli anni Settanta, che ha modificato radicalmente la nostra esperienza del tempo e dello spazio. Consigliato a chi si sente pronto per un fantasmagorico ritorno al futuro, grazie al mitico teletrasporto di startrekkiana memoria.

Anni 90

https://www.invisiblelab.ch/

Martedì 17 aprile 2018 “Populismo: attrazione fatale? Amnesty Apéro”

Popul… cosa? Populismo? Vocabolo che è ormai il prezzemolo dei termini usati dai media per condire la realtà degli ultimi anni. Una parolaccia sempre più diffusa come il virus che identifica. I Salvini e le Le Pen di turno detti “populisti” da qualche tempo a questa parte siedono ormai nelle stanze dei bottoni un po’ ovunque sul globo terraqueo. Quindi cosa fare? Emigrare su Marte? O avvinazzarsi una sera sì e l’altra pure per cercare di dimenticare? Forse più la seconda ipotesi che la prima. E l’occasione buona per farlo, in compagnia, magari anche riflettendo sul problema insieme a chi sulla faccenda si è chinato con un certo rigore (Matteo Bellinelli e Leonardo Bianchi), ce la offre lo Spazio 1929 di Lugano a partire dalle 19.00.

www.amnesty.ch

Mercoledì 18 aprile 2018 “Carlo Petrini all’USI”

Alle 17.30, l’Auditorium dell’USI di Lugano, ospita l’incontro pubblico intitolato “Il futuro del settore agroalimentare: il fondatore di Slow Food all’USI”. Un appuntamento con chi, all’impero dei Mc Donald, ha contrapposto i Cicitt delle Valli del Locarnese, la Farina Bona e lo Zincarlin della Valle di Muggio. Ma, volendo guardare alla tavola che verrà, quali saranno le sfide che si troverà di fronte il settore agroalimentare in Svizzera e nell’Universo-mondo? E che ruolo avrà la digitalizzazione nel sostegno alla filiera corta e al lavoro dei produttori locali? Ma soprattutto, quali responsabilità abbiamo noi in questa guerra combattuta a colpi di forchetta? Sono queste le domande alle quali si proverà a rispondere. Perché la rivoluzione non è un pranzo di gala, ma a pranzo si possono fare delle gustose rivoluzioni.

www.usi.ch

Giovedì 19 aprile 2018 “Pueblo di Ascanio Celestini”

Puntuale come le tasse, alle 20.45, torna sul palco del Teatro Sociale di Bellinzona Ascanio Celestini, il contastorie che stavolta ci racconterà quella di Violetta, una giovane donna che fa la cassiera in un supermercato e che non ama davvero quello che fa. Ecco perché immagina di essere una regina e, nella sua immaginazione, anche il mondo che ruota attorno al supermercato diventa un reame, pieno zeppo di uomini e donne straordinarie (Maria De Filippi non c’entra!) che lei incontra e che le raccontano storie. Un’Amelie Poulain un po’ meno sognatrice ma capace ugualmente di vedere la bellezza delle persone che le capitano a tiro. Un mondo fatto di povertà ma anche di genuina bellezza. Un teatro civile raro ma prezioso proprio come l’acqua nel deserto, o una Violetta sbocciata nella sabbia.

Ascanio Celestini

www.teatrosociale.ch

Ti potrebbero interessare: