Reddito, Ticino sempre fanalino di coda

L’evoluzione del reddito disponibile delle economie domestiche in Svizzera e in Ticino

Di

Reddito-disponibile_01Ogni tanto è interessante dare un’occhiata alle statistiche. Non sono le letture più appassionanti ma in periodi di fake news, è opportuno ricordarci che esistono dati elaborati con criteri scientifici e non i base agli interessi del momento.

Vediamo quindi l’evoluzione del reddito disponibile delle economie domestiche in Svizzera e in Ticino dal 2007. I dati sono particolarmente interessanti e possiamo così riassumerli:

  1. In Ticino il reddito delle famiglie è sempre inferiore alla media svizzera, ma è anche il più basso delle macroregioni considerate dall’Ufficio federale di statistica.
  2. Tra il 2007 e il 2009 il divario si è ridotto raggiungendo il punto più basso con soli 1038 franchi di differenza.
  3. Dal 2011 il divario è tornato a crescere rapidamente raggiungendo 8844 nel 2016.

Fonte: Ufficio federale di statistica.

Un altro dato interessante che emerge da questa statistica è il rapporto tra 20% dei redditi più bassi e il 20% più alti (un indice sintetico della distribuzione del reddito). A livello nazionale (2016) questo rapporto era di 4,2 mentre in Ticino era di 5,2. Pur essendo nel nostro Cantone sempre superiore al dato nazionale (salvo tra il 2009 e il 210), ha subito un’accelerazione negli ultimi anni.

Interpretare questi dati non è semplice senza ulteriori e approfondite analisi, ma alcune cose si possono dire. In primo luogo, che la struttura economica del Ticino appare più debole rispetto al resto della Svizzera perché genera meno valore aggiunto per addetto. Il fatto che a cavallo tra il 2008 il 2010 il divario si sia ridotto conferma questo dato: se in un periodo di crisi acuta licenzio un ingegnere (esempio CH) o un magazziniere (esempio TI), le conseguenze sul reddito sono evidentemente diverse poiché il primo genera un valore aggiunto circa 4 volte superiore e quindi ha pure uno stipendio chiaramente più elevato, come confermano i dati sulle differenze salariali tra Svizzera e Ticino, il cui divario tende ad accentuarsi. Naturalmente altri fattori possono entrare in gioco come la presenza di contratti collettivi, la pressione dei lavoratori frontalieri, la pressione fiscale o i trasferimenti, ma il fatto che fatto che il reddito disponibile ticinese appare più instabile di quello nazionale, sembra principalmente imputabile alla struttura produttiva cantonale.

Reddito-disponibile_03_03

Altro dato interessante è quello del differenziale tra i redditi alti e quelli bassi. Il grafico mostra le differenze tra il decile inferiore (il 10% delle economie domestiche con il reddito disponibile più basso) e il nono decile (il 10% delle economie domestiche con il reddito disponibile più alto). Interessante notare come durante gli anni più acuti della crisi i redditi ticinesi del primo decile si siano avvicinati a quelli nazionali, mentre quelli del nono decile si sono allontanati per poi riprendersi velocemente dopo il 2011. Anche in questo caso è difficile spiegare questo andamento senza ulteriori analisi ma possiamo perlomeno affermare che i redditi elevati non sono fuggiti dal Ticino a causa di una tassazione troppo elevata!

Ti potrebbero interessare: