Sergio Rossi insegna a Tettamanti

Ci sono persone come Sergio Rossi e persone come Tito Tettamanti. Persone che masticano di finanza, uno perché economista e professore all’università di Friburgo, l’altro perché squalo dell’alta finanza e multimilionario.

Di

Ci sono persone come Sergio Rossi e persone come Tito Tettamanti. Persone che masticano di finanza, uno perché economista e professore all’università di Friburgo, l’altro perché squalo dell’alta finanza e multimilionario.

Sergio Rossi ha appena perso un riscorso perché voleva pagare le tasse in Ticino, anche se gli sarebbe costato di più.

Di solito paghiamo le tasse nel Cantone dove c’è il centro dei nostri interessi, e Rossi rivendicava il diritto di pagare le tasse nel suo Ticino, perché seppur insegnante a Friburgo, passava tutti i week end, le ferie e parte del tempo lavorativo nel nostro Cantone. Gli è andata male, il tribunale gli ha risposto picche.

Non possiamo però fare a meno di apprezzare e stimare una persona che è coerente con le sue idee, Rossi si è sempre profilato per un’economia etica e corretta, si cimenta in una “battaglia” del genere. Una battaglia in cui se avesse vinto sarebbe comunque uscito perdente, poiché avrebbe pagato di più.

Lo sappiamo che per gente che fa del denaro l’unico motivo di vita, quest’atteggiamento non è comprensibile. E lo è di sicuro per Tito Tettamanti, ottuagenario milionario, sponsor di Marcello Foa e amico di Steve Bannon ( consigliere di Trump coinvolto nello scandalo di Facebook). Tito Tettamanti, ex Consigliere di Stato rimosso per questioni fiscali. Tettamanti, che spesso pontifica dalle colonne del giornale di Pontiggia e che spiega ai ticinesi dove sbagliano e cosa dovrebbero fare, le tasse invece le ha pagate per anni a Montecarlo, scippando al fisco ticinese belle paccate di milioni. Insomma, uno che col cambio ci ha guadagnato un bel po’.

Due visioni del mondo contrapposte, due concetti profondamente diversi di vedere il futuro. Rossi, per assurdo, col suo agire, investe sul futuro del Ticino, insegna ad altri che un’economia sociale e umana è possibile, un’economia che non calpesta le persone ma le vede come una risorsa.

Tettamanti, le risorse al Ticino le sottrae e spinge per quella disastrosa economia liberista che ci ha portati oggi a questo punto. Rossi ha un’etica anche in economia, Tettamanti frequenta la cricca trumpiana-berlusconista, in cui schiere di farabutti sguazzano impunemente.

La conclusione? Non c’è. C’è solo da chiedersi che mondo vogliamo e poi votare di conseguenza per cercare di cambiare le carte in tavola. C’è il nostro impegno, Rossi ci insegna: possiamo magari perdere qualcosa sul breve termine, ma seminiamo la terra per un raccolto futuro, che sarà ricco solo se non sottraiamo risorse per farlo crescere.

Ti potrebbero interessare: