Casse malate “spione”?

Di

A sfruttare sul web gli interessi degli utenti dei motori di ricerca con pubblicità mirate rese possibili da software chiamati “tracker” che memorizzano e utilizzano a fini commerciali proprio le nostre ricerche sul web, stando a quanto riportava ieri il Blick, ora ci sarebbero perfino le casse malati. Ma a che pro? E soprattutto in che modo? Consigliando una pomata nel caso la ricerca fosse “emorroidi”?

#lasaluteèmiaemelagestiscoio

Ti potrebbero interessare: