Gaszebo – Gli eventi in Ticino dal 18 al 24 Maggio

Il nostro antidoto alla noia e al nervosismo si chiama GASzebo, cura efficace che calma l’ansia e vi restituisce serenità e pace. Pronti per fare i conti con voi stessi? Eccovi sette pilloline sette, tra conferenze, musica, cinema e teatro che fanno assolutamente al caso vostro.

Di

 

“Datemi un martello. Che cosa ne vuoi fare? Lo voglio dare in testa a chi non mi va! A tutti le coppie che stano appiccicate, che vogliono le luci spente e le canzoni lente. Che noia mi dà!” Ecco. Il nostro antidoto alla noia e al nervosismo si chiama GASzebo, cura efficace che calma l’ansia e vi restituisce serenità e pace. Pronti per fare i conti con voi stessi? Eccovi sette pilloline sette, tra conferenze, musica, cinema e teatro che fanno assolutamente al caso vostro. Senza correre il rischio di dover assumere farmaci inutili perché noi del GAS all’omeopatica affianchiamo la simpatia e l’empatia! Preparatevi a vivere felici grazie alle nostre segnalazioni d’agenda. E se casomai vi venisse voglia di consigliarci voi una cura… fatelo inviandoci la vostra ricetta all’indirizzo email gentecheaccende@gmail.com!

Venerdì 18 maggio 2018 “Improfilm + tiKINÒ allo Studio Foce”

Un doppio appuntamento per una serata tutta dedicata “al cinema fatto in casa” quello in programma, a partire dalle 18.30, allo Studio Foce di Lugano. Per cominciare, in prima visione assoluta, verrà proiettato il film “Prigione dolce prigione” nel quale un innocente, in seguito a un caso di omonimia, viene ingiustamente arrestato e portato in prigione. E pur di stare per un po’ di tempo lontano da sua moglie, il furbetto si fa passare per colpevole. Sessanta minuti da ridere e da non perdere. A seguire poi la sfida tutta ticinese dei cortometraggi no budget promossa dalla storica associazione tiKINÒ. Perché la fantasia condita col niente a volte si fa piccolo grande cinema. Vedere per credere.

www.improfilm.net

www.tikino.ch

Sabato 19 maggio 2018 “la 25esima edizione di Palco ai Giovani”

Palco ai giovani

Che siano Falesya o Von Zippen, Alex Benga o Ale Roy, Arendal o Dirty Panda, Drunky Funk o Bumblebees, i nomi partoriti per esibirsi sullo storico palco allestito in Piazza della Riforma a Lugano, non mancano mai di originalità, la stessa che si ritrova nella musica proposta dai singoli artisti o dalle band. Sono 17 quelli selezionati quest’anno, che si sfideranno fra il 18, il 19 e il 29 maggio per vincere quello che è il concorso musicale più importante del Ticino, avendo la possibilità di suonare davanti a migliaia di persone. Una preziosa occasione per farsi conoscere, un trampolino, ma anche una tappa in cui bisogna pedalare. Hai voluto la bici… pardon… la chitarra? E allora suonala! Col volume al massimo!

www.palcoaigiovani.ch

Domenica 20 maggio 2018 “I Segni dei Sogni al Monte Verità”

“I Segni dei Sogni” è uno spettacolo teatrale interattivo che si svolge tutto all’interno del parco del Monte Verità di Ascona. Un’esperienza da vivere all’aria aperta – a partire dalle 16 e ovviamente tempo permettendo – grazie alla quale sarà possibile scoprire la storia del magico monte ma anche quella dei personaggi che lo hanno abitato, che hanno animato le sue colline, sotto lo sguardo incuriosito della gente del luogo. Comunque, niente paura, interattivo sì ma fino a un certo punto. Non sarete affatto costretti a zompettare per il parco asconese biotti come rane. Il percorso, adatto a tutti, è stato curato dall’attrice Stefania Mariani in collaborazione con la Casa del Tè del Monte Verità. Per la serie “namasté a tutti!”.

www.monteverita.org

Lunedì 21 maggio 2018 “15° Festival Artisti di Strada di Ascona”

Artista di strada

Si chiude oggi il tradizionale appuntamento asconese dedicato all’arte di strada. Durante i quattro giorni del festival che anima le vie del borgo sulle rive del Verbano, ad esibirsi, si avvicenderanno sia singoli artisti che gruppi provenienti dalle piazze di tutto il mondo. Mimica, teatro, danza, giocoleria ed equilibrismo sono gli ingredienti. Musicisti, clown, sputafuoco e tanti altri ancora gli chef di questa ricetta ormai più che collaudata, per un’offerta complessiva di cento e più spettacoli gratuiti. O quasi. Perché al termine di ogni esibizione gli artisti porgeranno il loro cappello al generoso pubblico che potrà così contribuire, al di là degli applausi, con un’offerta. Dunque, tirchi e deboli di cuore, sono stati avvisati.

www.artistidistrada.ch

Martedì 22 maggio 2018 “Filippo Grandi, Alto Commissario dell’ UNHCR”

Alle ore 18, l’Auditorio Stelio Molo della RSI a Lugano Besso, ospita un incontro pubblico intitolato “Emergenza umanitaria” che vede la presenza di Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati. Un’emergenza epocale che riguarda ben 65 milioni di persone tra sfollati e profughi di ogni angolo del pianeta: dall’Europa al Medio Oriente, dall’Africa all’America Latina. Molti i fronti sui quali l’UNHCR è attivo. Eritrea, Afghanistan, Siria e Myanmar. E impressionante è anche il numero di persone assistite, 22 milioni, di cui la metà ha meno di 18 anni. Dunque questa è davvero una di quelle occasione più uniche che rare per poter ascoltare e confrontarsi con colui che, dal 2016, è stato incaricato dalla Comunità internazionale di gestire uno dei problemi più drammatici e urgenti del nostro tempo. Quello dei rifugiati. Per la serie “non sono pericoloso, ma sono in pericolo”.

www.rsi.ch

Mercoledì 23 maggio 2018 “L’armatura giapponese al Museo delle Culture”

Armatura giapponese Samurai

Banzai! Fino al prossimo 26 di agosto, il Giappone è di casa allo Spazio Cielo del Museo delle Culture di Lugano. In via Riva Caccia, è infatti possibile visitare la mostra “Il samurai. Da guerriero a icona”, un mirabolante viaggio a ritroso nel tempo alla scoperta di questo valoroso guerriero dai mille volti, ma soprattutto delle loro stilosissime armature, in mostra per la prima volta dopo essere state di recente donate al museo luganese. A corredo del tutto, c’è pure una selezione di opere scelte per illustrare l’immagine, attraverso i secoli, dei celeberrimi samurai. Infine per tutti coloro che volessero cimentarsi nella realizzazione di un’armatura fai da te consigliamo “Le sete e le lacche vanno in battaglia: un’introduzione all’armatura giapponese”, l’imperdibile incontro previsto alle 18 con Francesco Civita, già curatore delle collezioni orientali del Museo Stibbert di Firenze. Unica avvertenza: tutte le katane vanno lasciate nell’apposita rastrelliera presente all’interno del guardaroba.

www.mcl.lugano.ch

Giovedì 24 maggio 2018 “Le attività della Fondazione Diamante”

A rendere prezioso un diamante, oltre alla purezza e alla brillantezza della pietra, è il suo taglio. La linea. Quella della Fondazione Diamante – la sua filosofia – ci è ben nota. Ma è comunque il caso di non dare mai nulla per scontato. Ecco perché con “Le molteplici sfaccettature di un Diamante”, l’incontro al Canvetto Luganese di Molino Nuovo in programma alle 18, ci si soffermerà sul percorso fin qui fatto grazie alle esperienze di tutte le persone che in periodi, ruoli e funzioni diverse, hanno permesso a questa pietra preziosa incastonata nel nostro territorio di brillare di luce propria. “Le molteplici sfaccettature di un Diamante” è anche il titolo di un volume che racconta l’avventura umana della fondazione, del dinamismo e della sua vitalità. E lo fa attraverso un testo redatto a quattro mani da Francesco Vanetta e Roberto Trosi e dalle fotografie di sei fotografi svizzeri i cui scatti ci illustrano la ricchezza delle esperienze e dei percorsi, individuali e collettivi, che costituiscono quest’impresa sociale – va sottolineato ancora una volta – davvero preziosa. Perché un diamante è per sempre.

www.f-diamante.ch

Ti potrebbero interessare: