La tragedia dei frutti di bosco

La tragedia di questo celebre dolce è ormai chiara a tutti. Ognuno di noi non può che rabbrividire al pensiero di essere adagiato mollemente in un piatto ricoperto di mirtilli e lamponi caramellati in attesa dell’affilato cucchiaino del goloso di turno.

Di

Non giriamoci in giro, siamo schietti e maturi nel renderci conto degli orrori che spesso ci propina la Rete o ci sbattono in facci i social. Perciò ben venga il filtro di Facebook che oscura foto spaventose, orribili o sanguinarie.

Siamo felici che Zucky abbia deciso di porre un freno agli orrori della cucina, che troppo spesso danno una scossa ai nostri fragili nervi di buongustai.

Ecco perché non possiamo che applaudire alla coraggiosa scelta di oscurare una panna cotta ai frutti di bosco. Noi per dovere di cronaca, pubblichiamo sia la versione oscurata che l’orribile realismo dell’immagine nella sua nudità. Lo facciamo con amarezza e malcelata angoscia, convinti che l’informazione abbia però la precedenza.

La tragedia di questo celebre dolce è ormai chiara a tutti. Ognuno di noi non può che rabbrividire al pensiero di essere adagiato mollemente in un piatto ricoperto di mirtilli e lamponi caramellati in attesa dell’affilato cucchiaino del goloso di turno.

Immedesimarsi nella panna cotta non è difficile, essa, come noi, è dolce, languida, inoffensiva, bianca e un po’ molliccia. Si ammanta, un po’ vergognosa, di uno strato di frutti di bosco, che vanno cosi a celare vergogne non espresse e segreti da svelare.

Mangiare la panna cotta è dunque uno degli atti più disgustosi e crudeli che possiamo commettere.

Grazie Facebook, grazie Zuckerberg, grazie per avere risparmiato alle nostre anime tutto l’orrore che un’immagine del genere comporta. E se siete golosi fatevi un Tam Tam. È marrone, in barattolo e industriale. Oppure una merenda brioche Ciliegiotto, che è talmente orribile e piena di conservanti da non avere più nulla di umano.

Dunque riscopriamo l’amore e solidarizziamo con la panna cotta! Un altro mondo è possibile.

frutti

 

Ti potrebbero interessare: