Gay pride? Di nicchia mica tanto

Gay pride? Di nicchia mica tanto

Un probabile afflusso di 6’000 persone che parteciperebbero alla manifestazione (la media delle ultime due edizioni, svoltesi in Svizzera romanda), altre persone attratte dalla sfilata solo per curiosità, esercizi pubblici, commerci e turismo che ci guadagnano di sicuro. Questa la prima cosa che mi viene in mente se penso a un Gay pride, o a una festa delle camelie, o a una sfilata di bikers. D’altronde il Ticino ha una lunga tradizione di manifestazioni che,…

Leggi tutto

Quadri alla GISO: ühhh pagüra!

Quadri alla GISO: ühhh pagüra!

Lorenzo Quadri con il suo livore perenne è uno spasso. Un fenomeno sociologico da studiare. Per difendersi dalla richiesta di dimissioni della GISO, Quadri riesce a scrivere, tra una k una $ e una farcitura dei soliti luoghi comuni leghisti, un prontuario a sua difesa. Eccolo: 1) può anche darsi che la famosa notizia condivisa su facebook non fosse nemmeno una bufala, visto che si è poi scoperto che è stata ripresa da varie testate…

Leggi tutto

Pronzini a Gobbi: “mandati diretti agli amici?”

Pronzini a Gobbi: “mandati diretti agli amici?”

Secondo Matteo Pronzini è dubbio, anzi, molto dubbio un mandato diretto di Norman Gobbi in merito alla stampa delle cartelle per le tombole, che vengono fornite agli organizzatori delle stesse dal cantone. Poche migliaia di franchi, penserete voi, no? Quanto costerà stampare qualche migliaio di cartelle per giochi societari? Teniamo poi presente che la carta, la fornisce l’economato dello stato. No. 231’656 franchi. In due anni. Precisamente, mica pinzellacchere. Nel 2016, secondo Pronzini (ma la…

Leggi tutto

Dadò sotto attacco come Bertoli

Dadò sotto attacco come Bertoli

Ecco, è bastata una svolta un po’ più muscolare e un atteggiamento più critico nei confronti della Lega, per fare diventare Fiorenzo Dadò un bersaglio. Non che sia solo lui: quando si parla di lettere anonime è in buona compagnia. Recentemente, però, e grazie anche alla questione degli scandali Argo 1 e permessi facili, la questione si è fatta più pesante. Come dicevamo, Dadò è in buona compagnia. Spesso coloro che sono invisi alla Lega…

Leggi tutto

Caprara, già ridicolo all’inizio

Caprara, già ridicolo all’inizio

Speravamo aspettasse un po’ a coprirsi di ridicolo Bixio “centrosportivo” Caprara. Invece no, fedeli alla linea, i liberali ricominciano con le loro tiritere inventate basate unicamente sui pregiudizi. E con un ministro come Vitta fossimo in loro staremmo zitti, visto che è uno che sembra il contabilino della ditta, quello che tutti prendono in giro appena si volta, il ministro dei tagli alla gente, degli sgravi alle aziende nel miglior stile liberale. Titola Ticinolibero: “Dai…

Leggi tutto

Pantani, ma ci prendi per il culo?

Pantani, ma ci prendi per il culo?

Ruggero Pantani dovrebbe tacere, si farebbe meno male. Il fratello di Roberta, Consigliera nazionale che a onor del vero ha un’altra caratura e non si è mai permessa uscite del genere, si difende dopo l’interrogazione di Antonia Boschetti al Municipio di Chiasso. Boschetti, giustamente, si alterava per la frase postata da Pantani sotto un post di Quadri. E il Pantani, che farebbe disperatamente meglio a tacere, si impelaga in una spiegazione che nemmeno un bambino…

Leggi tutto

Socialisti sgobboni ma il merito va alla Lega

Socialisti sgobboni ma il merito va alla Lega

Il voto anomalo dei due leghisti al Nazionale, Pantani e Quadri, ha tristemente messo in secondo piano tutto il lavoro fatto dai socialisti per fare passare questa riforma pensionistica. Una botta di fortuna (essendo due voti decisivi) ha portato i duo leghista alla ribalta, lasciando gli altri nell’ombra. Scrive infatti Marina Carobbio: “Siamo riusciti a fermare il tentativo della destra di smantellare l’AVS e bloccare la volontà di PLR e UDC di aumentare l’età di…

Leggi tutto

Papà

Papà

Perché siamo i papà. Quelli che vi detergono il sugo dalla bocca e vi imboccano con le pappine. Quelli che puliscono, tristemente consapevoli della parità, dei cacconi tremendi con l’odore di un cadavere putrefatto. Perché siamo quelli che vi asciugano le lacrime e abbracciano la mamma quando è giù di corda e vi chiamiamo tutti per fare altrettanto creando un grappolo umano d’amore. Perché siamo quelli che vi spiamo da lontano quando andate all’asilo, quelli…

Leggi tutto

Un altro folgorato sul treno della speranza

Un altro folgorato sul treno della speranza

Ma la polizia ferroviaria, e la polizia in genere, quella che fa controlli a tappeto e verifica l’identità di ogni povero disgraziato con una tonalità di pelle più scura del beige, non riesce a evitare che questi disperati si folgorino sui tetti dei Tilo? Oggi, alle 17:00, un altro uomo è rimasto folgorato dalla corrente dei cavi sul tetto del Tilo che attraversa la frontiera tra Milano e Chiasso. Ora è all’ospedale che combatte tra…

Leggi tutto

Il padre di Tamagni, una lezione di civiltà

Il padre di Tamagni, una lezione di civiltà

Ieri  sui social, grazie anche a un post di Jessica Bottinelli dei Verdi del Mendrisiotto, si è aperta un interessante discussione su uno degli aggressori di Damiano Tamagni, il povero ragazzo ucciso a carnevale una decina di anni fa. Scontata la sua pena, ora l’uomo lavora presso l’EOC come assistente di cura. Ma sentiamo cosa dice Jessica: “Da ieri ne sto leggendo di tutti i colori su Facebok per l’assunzione di uno degli aggressori di…

Leggi tutto
1 2 3 53