Quella scritta sul muro, Igor Righini e le eccellenze

Quella scritta sul muro, Igor Righini e le eccellenze

Dalla finestra del mio ufficio si vede un muro con una scritta epocale: “Irlanda libera”. Non dice da chi, Libera e basta. Meraviglioso. È una scritta bruttina, fatta con mano tremolante con un azzurro un po’ titubante, ripassata più volte per dare maggiore spessore ai caratteri. Ma il concetto è bellissimo. Lo esprime Igor Righini in un suo status su Facebook, con cui richiama alle responsabilità senza però usare il pennello partitico per scrivere sui…

Leggi tutto

Gobbi, vuoi vedere che se la cava con un audit?

Gobbi, vuoi vedere che se la cava con un audit?

Lunedì sera stavo parlando con amici ticinesi e, tra una chiacchiera e l’altra, è uscita quella che sembrava una boutade: “vuoi vedere che ora se la cava con un audit?”. Impossibile, mi sono detta, anche perché l’audit in sé, nel dizionario economico, è una verifica di un bilancio o delle procedure di un’azienda e, in quest’ultima ipotesi, viene lanciata quando gli alti ranghi di un’impresa non hanno più fiducia nei quadri direttivi. Anzi, in molti…

Leggi tutto

La disonestà intellettuale di Quadri

La disonestà intellettuale di Quadri

Tutto è perfettibile, anche il concetto di democrazia secondo cui ognuno può dire ciò che desidera nei limiti imposti dalle leggi. Una definizione da passacarte prussiano, che oggi andrebbe rivista, tenendo conto non solo dei codici ma anche del bon ton e della decenza. Quadri ha pubblicato sul proprio blog (qui il link) un decalogo che – a suo dire – dovrebbe fare chiarezza in quella che lui stesso definisce “la storiaccia dei permessi corrotti”….

Leggi tutto

Gobbi deve dimettersi (se davvero ama il Ticino)

Gobbi deve dimettersi (se davvero ama il Ticino)

Il caso è chiaro a tutti. Alcuni funzionari cantonali corrotti hanno rilasciato permessi aggirando le norme. Sui social, fabbrica e spaccio di pensieri e derive sconclusionate, si è letto di tutto un po’: c’è chi sostiene con fermezza che Gobbi non debba dimettersi perché altrimenti i docenti pedofili dovrebbero portare alle dimissioni di Bertoli. A parte il fatto che due cose sbagliate non ne fanno una giusta, è opportuno considerare che quando emergono storie di…

Leggi tutto

Tim Cook, Elon Musk e Jack Dorsey? Ometti a caccia di pubblicità

Tim Cook, Elon Musk e Jack Dorsey? Ometti a caccia di pubblicità

Le politiche restrittive di Trump sono qualcosa di diverso da ciò che sembrano, sono anticamera delle leggi razziali. Ognuno è libero di assumersi il dovere di trarre le proprie conclusioni. Ciò che resta inconfutabile è la capacità del neo-presidente di spaccare l’America in due, con ripercussioni che vanno al di là delle manifestazioni a suon di mouse. Lo scorso fine settimana l’aeroporto JFK di New York è stato teatro di una massiccia dimostrazione in favore…

Leggi tutto

Ministro Gobbi, giù la maschera

Ministro Gobbi, giù la maschera

È passata in sordina la notizia secondo cui il direttore del Dipartimento delle istituzioni ha istituito una task force per tutelare i dipendenti pubblici dal crescente numero di minacce a cui sarebbero sottoposti dalle utenze. Fino a qui assolutamente nulla da eccepire. I dipendenti pubblici vanno tutelati, al pari di qualsiasi altra persona. La violenza, anche quella verbale, è esecrabile. Su questo siamo tutti d’accordo. Le eccezioni nascono a iosa quando si pensa al modo…

Leggi tutto

Progetto del Civico, “Prima i nostri” e Le Corbusier

Progetto del Civico, “Prima i nostri” e Le Corbusier

Il recente caso dell’Ospedale Civico di Lugano, trasformato in caos dai soliti noti, dimostra ancora una volta (e senza che ce ne fosse bisogno) quanto la falsa idea di falso populismo diffusa da falsi movimenti falsamente politici sia riuscita a colpire, con tanto di foro d’uscita, gli equilibri di chi, del concorso vinto da uno studio di architettura di Firenze, non ha visto più in là del proprio naso. Immaginate quanto sarebbe ridimensionato Le Corbusier…

Leggi tutto

L’umiltà unico muro contro il populismo (parola di Stephen Hawking)

L’umiltà unico muro contro il populismo (parola di Stephen Hawking)

Le élite del mondo devono farsi un bagno di umiltà, pena l’avanzata dei populismi. Questo, in estrema sintesi, il pensiero che Stephen Hawking ha condiviso coi lettori del The Guardian. Brexit (ma non solo), l’elezione di Trump (ma non solo) sono due degli esempi a cui fa riferimento il fisico teorico, declassandoli però da cicloni devastanti a poco più di forti venti, a patto che le élite del mondo siano in grado, compatte, di non…

Leggi tutto

E se creassimo impiego, invece di piangerci addosso?

E se creassimo impiego, invece di piangerci addosso?

Credo sia giunto il momento di guardare avanti, perché la politica ticinese non sta sfornando soluzioni valide né, tanto meno, è in grado di pianificare il futuro. Non ho nessuna intenzione di rispolverare i numeri sull’impiego, sul sottoimpiego e sulla disoccupazione. Sono numeri che, in Ticino, hanno pochissimo valore perché oltre ad essere imbellettati come puttane, gli ammortizzatori sociali aggiungono lustrini capaci di brillare al buio. Una volta tolti trucco e paillettes, resta soltanto il…

Leggi tutto

Il rottamaio del giornalismo e le idiozie di Trump

Il rottamaio del giornalismo e le idiozie di Trump

Ci risiamo. Ed è grave per almeno tre motivi: il primo è l’indottrinamento astratto dei fedelissimi, quelli che, fosse possibile, lascerebbero istruzioni per votare Lega anche dopo la morte. Quelli che leggono il mattinonline e la domenica corrono verso la cassetta verde (quelli che ne prendono qualche copia in più per portarle ai vicini, credendo di fargli un favore e, magari, invece le usano come lettiere per i gatti). Il secondo motivo è lo svuotamento…

Leggi tutto
1 2