È un massacro

È un massacro

3’600 miliardi di dollari da tagliare nel sociale; 800 miliardi di dollari da tagliare nel solo Medicaid, il programma sanitario a tutela di persone e famiglie a basso reddito; 192 miliardi da tagliare alla voce del sostegno alla nutrizione, sempre dei meno abbienti; 272 saranno i miliardi cui dovrà fare a meno il welfare nel suo insieme; 72 miliardi, invece, saranno quelli tolti per i disabili. “Un livello di crudeltà inimmaginabile”, così Hillary Clinton –…

Leggi tutto

Resistere

Resistere

Questo articolo non dovrebbe essere sotto i vostri occhi. Cos’altro bisogna aggiungere, dopo quello che è successo stanotte a Manchester? Il primo pensiero è stato niente, niente d’aggiungere. Che senso avrebbe avuto fare un po’ di maquillage, taglia e cuci ad articoli scritti in questi anni mettendo “Manchester” al posto di Parigi, Bruxelles, Nizza, Tolosa, Londra, Mosca, Ankara, Istanbul, Tunisi, Copenhagen, Stoccolma, Berlino. Nichilista, sì. Lo ammetto. Una forte, fortissima tentazione di cedere alla decadenza…

Leggi tutto

Come vengono moderati i post su Facebook?

Come vengono moderati i post su Facebook?

Il Guardian oggi ha pubblicato le principali regole che i moderatori di Facebook sono tenuti a seguire, e c’è da ridere per non piangere. Iniziamo dai pezzi grossi. Auspicare la morte di Donald Trump, Theresa May o Emmanuel Macron non si può: i capi di Stato risultano essere una categoria protetta da Facebook. Minacciare un Obama o un Renzi, non più in servizio da pochi mesi? Boh, non è dato sapersi. Se invece è un…

Leggi tutto

Meglio destra, sinistra o… competenza?

Meglio destra, sinistra o… competenza?

“Macron ‘en marche’ verso il centro destra”, titola il conservatore Figaro. “Soprattutto di destra” è invece l’apertura di Libération, che prende in giro il “ni droite ni gauche” che ha accompagnato tutta la campagna di Macron. Un’oretta fa è uscito Le Monde e anche il quotidiano parigino ha messo in prima un titolo molto chiaro: “Macron, la sfida del pluralismo” I giornali oggi in edicola in Francia hanno scritto molto sul nuovo governo. Un buon…

Leggi tutto

“Urli di dolore, ti senti cadere, e poi ricomincia”

“Urli di dolore, ti senti cadere, e poi ricomincia”

Esistono battaglie che non dovrebbero esistere. Lascia una strana sensazione scrivere, o leggere, qualcosa tipo “battaglia per i diritti”. I diritti sono diritti, tutti. E in un mondo non dico bello, ma quantomeno decente, non si dovrebbe lottare per vederli riconosciuti: dovrebbero essere un dato di fatto, come l’acqua che bagna e il sole che scalda. Invece no. Oggi è la Giornata internazionale contro l’omofobia e la transfobia: il 17 maggio 1990 l’Organizzazione Mondiale della…

Leggi tutto

Cannabis, servono regolamentazione e informazione

Cannabis, servono regolamentazione e informazione

Nell’interessante dibattito a “60 minuti” di ieri sera sulla regolamentazione della cannabis c’era un convitato di pietra, al di là degli ospiti e delle rispettive posizioni: il paternalismo. Questo convitato di pietra è stato protagonista a più riprese delle argomentazioni di Ugo Cancelli e Paolo Peduzzi, con una morale francamente esagerata a farla da protagonista. Abbiamo assistito a un paternalismo da salviamo i nostri ragazzi dall’incubo della cannetta, un paternalismo da “prima la cannabis, poi…

Leggi tutto

Chi è Édouard Philippe, Primo ministro di Macron

Chi è Édouard Philippe, Primo ministro di Macron

Da pochi minuti il neo presidente francese, Emmanuel Macron, ha ufficialmente nominato suo Primo ministro – e quindi incaricato di formare il governo – Édouard Philippe. Sconosciuto ai più fuori dalla Francia, è comunque una persona che ben si iscrive nel nuovo corso macronista. Durante i suoi studi a SciencesPo ha militato nel Partito Socialista, ispirato da Michel Rocard, che ai tempi rappresentò il faro anche di Manuel Valls e, appunto, Macron. Dopo essersi avvicinato…

Leggi tutto

“I Grigioni non possono rinnegare la propria natura”

“I Grigioni non possono rinnegare la propria natura”

Della sentenza con cui il Tribunale federale ha rigettato il ricorso contro l’iniziativa che, in canton Grigioni, porterebbe se approvata a insegnare solo una lingua straniera nelle scuole primarie – quindi altamente penalizzante per i grigioni italofoni –, ci siamo già occupati raccogliendo l’opinione del segretario della Pro Grigioni Italiano, Giuseppe Falbo. Vista l’importanza del tema, abbiamo raggiunto anche Alessandro Della Vedova, Podestà di Poschiavo e gran consigliere. Signor Della Vedova, il Grigioni è un…

Leggi tutto

L’errore di Bertini

L’errore di Bertini

L’onestà intellettuale obbliga a concordare con quanto detto da Norman Gobbi ai microfoni della RSI: la decisione di annullare la serata di Bello Figo è sbagliata, perché crea un precedente. È opinione diffusa, e conforta sia anche opinione del direttore delle Istituzioni, che ieri si sia messa la pericolosissima prima pietra di un nuovo modo di gestire certe situazioni. Come ci si comporterà la prossima volta che qualche buontempone o disadattato affiggerà due volantini dal…

Leggi tutto

La rivoluzione oggi no, domani forse, ma dopodomani sicuramente

La rivoluzione oggi no, domani forse, ma dopodomani sicuramente

Finché è chiacchiericcio da social network è un conto, ma quando certe cose le scrive una persona competente e intelligente come Alfonso Tuor la riflessione è d’obbligo. Tuor è da un pezzo che ce l’ha con élites, establishment e tutto ciò che è vagamente riconducibile a quello che – penso – vorrebbe chiamare ancien régime. Nel suo ultimo pezzo, un’analisi sulla vittoria di Macron, proprio riguardo al neo presidente francese Tuor scrive: “È quindi prevedibile…

Leggi tutto
1 2 3 41