I diritti umani contano ancora qualcosa?

I diritti umani contano ancora qualcosa?

Il leader cinese Xi Qinping è sbarcato in Svizzera e una commossa Doris Leuthard l’ha ricevuto con tutti gli onori. Meritati? I virgolettati riportati dai giornali oggi in edicola riportano intense discussioni, in attesa dell’inizio dei lavori del Forum internazionale di Davos, sulla cooperazione tra Svizzera e Cina. Xi “auspica in particolare che l’accordo di libero scambio firmato da Svizzera e Cina nel 2013 venga completato”, ci dice il CdT. Leuthard, dal canto suo, felicissima…

Leggi tutto

Il pagliaccio che rischiò di entrare all’Eliseo (non è Marine Le Pen)

Il pagliaccio che rischiò di entrare all’Eliseo (non è Marine Le Pen)

Ben prima di quel fenomeno da circo che è Beppe Grillo, un Paese europeo ha corso il rischio di vedersi governato da un attore comico. Questa è la storia di un favoloso italofrancese, di un meraviglioso cazzaro di professione, della campagna elettorale francese del 1981 e di come signora mia, quanto ci si divertiva una volta quando anche i cazzari erano gente tosta. Era la Francia cristiano-sociale di Giscard d’Estaing, figlia dell’era De Gaulle e…

Leggi tutto

Che gigantesco fake che è Trump

Che gigantesco fake che è Trump

Un po’ spiace per il popolino, anche nostrano, che tutto festante giubilò per la vittoria di Trump contro le élites, inneggiando alla pancia del Paese, all’America profonda, contro Hillary “che non era di sinistra”, contro la globalizzazione madre di ogni male e disoccupato. Spiace perché siamo di fronte a un miliardario che ha riempito la propria squadra di governo di altri miliardari ed ex petrolieri: di élites, insomma. Spiace perché siamo davanti a un presidente…

Leggi tutto

È morto un intellettuale

È morto un intellettuale

Si potrebbe star qui fino a domattina – e lo si farebbe ben volentieri – a scrivere dei concetti, delle analisi, delle riflessioni di Zygmunt Bauman, morto ieri a Leeds. Si potrebbe parlare della crisi degli ultimi vent’anni (ma facciamo anche trenta) che nessuno come lui ha saputo descrivere e analizzare, del suo vedere sempre più in pericolo la sfera pubblica e di cittadinanza, la crisi della democrazia e di una rappresentanza sempre più scissa…

Leggi tutto

Le balle sui migranti smentite dai numeri

Le balle sui migranti smentite dai numeri

Si è parlato ieri di post verità, social network e della percezione che, raramente, ha a che fare con la realtà dei fatti. Un caso di scuola è quello dei migranti, e ce lo conferma il Corriere di oggi. A sentire Norman Gobbi, Ueli Maurer – al netto delle sue giravolte –, il Mattino e varia umanità (soprattutto losonese) sui social network il Ticino sarebbe vittima di un’autentica invasione di migranti. Questa percezione – errata,…

Leggi tutto

La baldanza della post verità e il suicidio dell’informazione

La baldanza della post verità e il suicidio dell’informazione

Essere entrati alla velocità di una palla di cannone nell’era della post verità e della vittoria schiacciante delle fake news dà la misura di molte cose. In primis, del fallimento di chi si occupa d’informazione. Avrà anche ragione Fabio Pontiggia nel suo editoriale di ieri a dire che “le falsità o post-verità sono moneta corrente tanto a destra quanto a sinistra”, ma se guardiamo al 2016 appena concluso notiamo con semplicità quanto questo sconvolgimento della…

Leggi tutto

C’è luce in fondo al tunnel. Ma è un treno

C’è luce in fondo al tunnel. Ma è un treno

Il 2017 è iniziato da un pugno di ore e già contiamo una quarantina di morti a Istanbul, il ministro della Sicurezza inglese che afferma al Sunday Times che l’ISIS sta preparando attacchi chimici nel Regno Unito, un pacco bomba di matrice anarchica che a Firenze quasi ammazza un artificiere. Ma l’agenda è ricca. Il 20 gennaio inizierà ufficialmente l’era Trump, e a tremare saremo un po’ tutti. L’Accordo sul clima di Parigi, il rapporto col…

Leggi tutto

I 5 libri più belli del 2016

I 5 libri più belli del 2016

1. Jonathan Franzen, Purity, Einaudi Una guida al mondo di oggi, al delirio dei social network, alla follia che porta al dramma della solitudine, a tutto quello che i nostri occhi non hanno voluto vedere nel tempo e che si è mostrato lo sfascio che è l’oggi. Questo è Franzen, questo è Purity. Idealisti che si scontrano con la realtà, il Grande fratello orwelliano pompato dalla tecnologia e dalla modernità, il Muro di Berlino che…

Leggi tutto

Chi è che difende la sovranità popolare?

Chi è che difende la sovranità popolare?

Cosa sono gli Accordi bilaterali? Quante volte sono stati già accolti dal popolo? Perché l’UDC gioca col fuoco? Proviamo a spiegarlo. Innanzitutto non è vero che gli Accordi bilaterali sono stati sottoscritti a partire dal rifiuto della Svizzera di entrare nello Spazio economico europeo il 6 dicembre 1992. O meglio, quella fu una spinta a continuare una strada già battuta. La via bilaterale la Svizzera la sperimentò, con successo, già nel 1972 con il libero…

Leggi tutto

Cagnolini, gioia per dei morti, Madonne e odio razziale

Cagnolini, gioia per dei morti, Madonne e odio razziale

Su Facebook si è venuta sempre più a creare una costante che, vuoi per voyerismo vuoi per masochismo brutale, capita venga notata anche da chi, come il sottoscritto, ha la fortuna di fare un uso dei social quantomeno da persona normale. La costante è l’incredibile rapporto che lega gli auguri di morte a chi ha la pelle scura e le immagini natalizie, i “Bosia Mirra criminale” e gli elogi a Putin, le feste per ogni barcone…

Leggi tutto
1 2 3 8