Cosa c’entra Mattia Sacchi col giornalismo?

Cosa c’entra Mattia Sacchi col giornalismo?

Ci eravamo già occupati di Mattia Sacchi, il garzone di bottega e portaborracce di via Monte Boglia, e lo avevamo fatto perché aveva rimediato una figuraccia nell’analizzare (o fingere di) un documento del World Economic Forum. Il fatto è che il ragazzo non ha fatto tesoro della lezione piovutagli addosso da deontologia professionale e buonsenso, anzi, persevera. Ieri mattina, infatti, in un suo post su Facebook sulla vicenda del torinese assunto dal Centro di dialettologia,…

Leggi tutto

Caro Pontiggia, speriamo che Foa sia in vacanza

Caro Pontiggia, speriamo che Foa sia in vacanza

Bello l’editoriale di Fabio Pontiggia di oggi sull’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca: argomentato, serio. Sì, anche un po’ gigione nel suo cerchiobottismo, ma quella è la storia del Corriere, che può farci il direttore. Bello, si diceva, non perché per una volta possiamo concordare con lui e la cosa già di per sé è catalogabile come evento, ma per il tono e proprio per quanto scritto. Pur chiarendo che la gazzarra post elettorale…

Leggi tutto

Al mattinonline ci sono o ci fanno?

Al mattinonline ci sono o ci fanno?

In via Monte Boglia stavolta si son davvero superati, sfondando per l’ennesima volta il livello di guardia della decenza e insultando ancor di più la deontologia professionale. Con il vecchissimo e tristissimo stratagemma della “lettera firmata”, il mattinonline ha pubblicato, infatti, quanto segue: “Sui sociali network gira questa foto in cui si vede uno convoglio di un treno svizzero imbrattato con un graffito politico “Kosovo is Albania”, ossia “Kosovo è Albania”. La cosa che mi fa…

Leggi tutto

Foa metta da parte i sentimenti e si legga la vita di Agostino Soldati

Foa metta da parte i sentimenti e si legga la vita di Agostino Soldati

Marcello Foa anche oggi ci assicura che Cristo è morto dal freddo e che Donald Trump è un sant’uomo, il mondo pieno di fregnacce sul povero presidente eletto americano e che meno male a contrastare il 99,9% delle testate cartacee e online mondiali ci sono lui e il sito del Corriere del Ticino. Che meno male c’è qualcuno a restituire onore a uno statista così acculturato, elevato e preparato a governare. Mentre sul Guardian in…

Leggi tutto

Perché, oltre il bavaglio, al Caffè tocca pure Quadri?

Perché, oltre il bavaglio, al Caffè tocca pure Quadri?

Alla faccia dell’”a Natale si è tutti più buoni”, Quadri ha passato le vacanze a covare odio e produrre bile che si è riversata, domenica, su quei poveri cristi del Caffè. Non solo sono stati denunciati per aver fatto il loro lavoro; non solo non gli sono state mosse critiche nel merito; non solo per la prima volta dei giornalisti si sono visti accusare di far concorrenza sleale perché, pensate, osano far domande su quanto è…

Leggi tutto

Il cuore ha le sue ragioni, che la ragione non conosce

Il cuore ha le sue ragioni, che la ragione non conosce

La storia d’amore tra Marcello Foa e Donald Trump si compone di un nuovo, struggente capitolo. Con un ritardo notevole, Foa si è infatti reso conto di quanto scritto da Jacopo Scarinci su questo portale la settimana scorsa: un gruppo di Grandi elettori, rinominatosi Hamilton Electors, non ritiene Donald Trump adatto alla presidenza e non lo voterà. Il problema è che Marcello Foa non la racconta giusta. Partendo dal ridicolo “Attenzione: stanno tentando di rovesciare…

Leggi tutto

Finitela coi giochini e governate (se ne siete capaci)

Finitela coi giochini e governate (se ne siete capaci)

La Lega dei Ticinesi ha rotto le balle. Non ci interessa essere diplomatici, perché davanti al continuo teatrino, davanti al farsi beffe dei reali bisogni dei ticinesi, davanti al pressapochismo e all’incompetenza diventati norma politica la pazienza inizia a scarseggiare. Lega di lotta e di governo, poliziotto cattivo e poliziotto buono, artificioso e costante bisticcio tra le due “anime” sono stati protagonisti in questi ultimi tempi. Basti pensare alle legnate piovute addosso dal proprio partito…

Leggi tutto

Storia (tragicomica) del fallimento dell’UDC

Storia (tragicomica) del fallimento dell’UDC

È l’ora di cena di ieri quando, durante il Tagesschau della SRF, il presidente dell’UDC Albert Rösti alza bandiera bianca: i democentristi non lanceranno un referendum contro l’applicazione del 9 febbraio da parte del Parlamento. Passate le vertigini, e prima che qualcuno osi dare degli statisti ai dirigenti del partito di Blocher, riflettiamo sul perché. Non c’è bisogno di scomodare politologi ed eminenti studiosi, bastano Pierre Rusconi e il suo mitologico “L’UDC ha sempre saputo…

Leggi tutto

Ticinesi, abbiamo più o meno di 596’000 franchi a testa?

Ticinesi, abbiamo più o meno di 596’000 franchi a testa?

Gente, siamo ricchi! Il Global Wealth Report del Credit Suisse lo afferma a chiare lettere: gli svizzeri sono i più benestanti al mondo con un patrimonio medio (medio, eh) di 596 mila franchi a testa. A-testa. Caro ticinese, caro lettore, sei sopra o sotto questa media? In un cantone dove la destra in ogni sua sfaccettatura ha una maggioranza schiacciante, in teoria, dovremmo star tutti benissimo, essere ricchi grazie a un’economia florida, alla disoccupazione bassa…

Leggi tutto

L’abbiamo noi una domanda per Tuto Rossi

L’abbiamo noi una domanda per Tuto Rossi

Tuto Rossi, estensore dell’iniziativa “Prima i nostri”, si è preso il lusso di porre 15 domande a Stefano Rizzi e Lorenza Rossetti riguardo all’applicazione della stessa. Noi non abbiamo 15 domande, ne abbiamo solo una: che c’entrano Tuto Rossi e il suo curriculum con un argomento così delicato e di difficile realizzazione? Sì, lo abbiamo già scritto: è l’estensore dell’iniziativa. Bene. Motivo in più per storcere il naso e rimanere allibiti: Rossi si è dimostrato…

Leggi tutto
1 2 3