L’atteggiamento sbagliato di Ghiringhelli

L’atteggiamento sbagliato di Ghiringhelli

Dopo aver assistito alla proiezione del film documentario “The Poetess”, durante la discussione alla presenza della poetessa saudita Hissa Hilal (la protagonista del film documentario proiettato al Festival del Film di Locarno) Giorgio Ghiringhelli del Guastafeste è intervenuto, sollevando una domanda e scatenando la reazione del pubblico, che lo ha fischiato. Ghiringhelli, prendendo la parola, ha dapprima accennato al coraggio della Hilal per poi rimarcare che si è presentata, nel nostro Paese, non rispettando il…

Leggi tutto

Il “guagliò” del leopardo, c’è o non c’è?

Il “guagliò” del leopardo, c’è o non c’è?

Come inizia il Festival del film di Locarno entra in scena il videoclip del leopardo, che se ne esce, con passo felpato, muovendosi tra i colori del Pardo, congedandosi con un guagliò, pronunciato alla napoletana. Sarà che il ruggito della belva ha un richiamo onomatopeico, e un certo suono gutturale, che si avvicina alla parlata napoletana, ma sta di fatto che il gattone, dal manto fulvo e dorato, costellato di rosette, con il suo incedere…

Leggi tutto

L’amore per la Sardegna, amore per la natura

L’amore per la Sardegna, amore per la natura

Quando Corrado Mordasini mi ha chiesto di fare delle riflessioni per il Gas gli ho fatto subito  presente che non sarebbe stata mia intenzione alzare barricate o trattare tematiche con il taglio pungente che ci si aspetta, ed è congeniale, alla causa di chi accende la società. La reazione di Corrado è stata di assoluta apertura, con addirittura il suo invito a scrivere, senza censure di nessun genere, le mie sensazioni, così come mi suggerisce…

Leggi tutto

Ho eliminato dal vocabolario la parola guerra

Ho eliminato dal vocabolario la parola guerra

L’angoscioso pensiero del terrorismo si annida in ogni angolo del mondo. Siamo come funamboli, senza rete di protezione perché globalmente non c’è molta rassicurazione sulle sorti dell’umanità ma al contrario si inneggia all’incertezza. È sufficiente lo scoppio di un petardo, al parco giochi, per imprecare contro Abu Bakr al-Baghdadi, gridando all’attentatore. Sui social, nel villaggio globale lo scemo è inflazionato e cosmico. L’assetto politico mondiale è nelle mani di presidenti pericolosi, i quali ci inculcano…

Leggi tutto