Dio esiste? La Svizzera di sicuro!

Dio esiste? La Svizzera di sicuro!

“Suiza no existe – La Suisse n’existe pas”: questa frase ha provocatoriamente accolto i visitatori del padiglione svizzero all’esposizione universale di Siviglia nel 1992. Delamuraz interpretò questa scelta come “una testimonianza della diversità linguistica, culturale e topografica della Confederazione“. Venticinque anni più tardi scopriamo che una simile affermazione, ovviamente inserita all’interno di un discorso più ampio, proposto da una parlamentare svizzera quale spunto di riflessione per il Primo agosto, suscita una reazione veemente e finanche…

Leggi tutto

Supponente ignoranza giovanile

Supponente ignoranza giovanile

In Ticino siamo abituati a vedere la sezione giovanile del PLR che approfitta dell’estate per rilassarsi con simpatici tornei di beachvolley e qualche birretta. I loro omologhi d’Oltralpe si sono invece lanciati in una spericolata impresa:  stabilire graduatorie e gerarchie di abominio tra le varie dittature del XX secolo. Ignari del rischio, si sono addirittura cimentati nell’acrobatico tentativo di dividerli in due categorie (“destra” e “sinistra”) sottintendendone un diverso grado di gravità per l’Umanità. Sono…

Leggi tutto

Autodenuncia

Autodenuncia

Oramai la moda è lanciata. Qualsiasi personaggio noto osi entrare in un negozio italiano parte il pubblico ludibrio sui social, puntualmente ripreso dalla stampa scritta. E lo scandalo è servito. Negli ultimi giorni Lorenzo Mammone è stato colto in flagrante a paspare un melone alla Bennet. Ora è addirittura il turno della Consigliera federale Doris Leuthard, in vacanza nel Gambarogno, sconfinata per una spesa a Maccagno. Strano che nessuno abbia avuto da ridire delle vacanze…

Leggi tutto

Savoir faire…

Savoir faire…

Il focoso vicepresidente UDC Alain Bühler non ha potuto trattenersi dal dire la sua anche sui disagi registrati in Val Verzasca a seguito di un aumento dei visitatori estivi provenienti dalla vicina Penisola, richiamati da un accattivante filmato sulla bellezza del fiume che ha fatto il giro del web. Non potendo bastare all’occasione il classico “Fö di ball a tücc ‘sti taglian!” ha dovuto cimentarsi con l’inusuale tecnica di attingere al personale vocabolario e mettere…

Leggi tutto

L’invito giunto da Nord

L’invito giunto da Nord

A pochi giorni dall’ostentazione di certezze e convinzioni granitiche da parte dei vertici del PLR ticinese, giungono da oltre Gottardo le voci di esponenti di spicco del partito nazionale. Ed ecco l’ex presidente del Consiglio Nazionale e rappresentante delle donne PLR Christa Markwalder dire chiaramente che, se dal Ticino arrivassero i due nomi di Cassis e Sadis, nessun candidato romando o tedescofono di peso oserebbe porsi seriamente in alternativa. La disponibilità a dare un seggio…

Leggi tutto

Candidata senza or… pelli

Candidata senza or… pelli

Fulvio Pelli, già presidente nazionale del partito e tutt’oggi pezzo da novanta del PLR in Ticino, ha prontamente stroncato Laura Sadis: intervistato dalla stampa d’Oltralpe ha usato a proposito espressioni pesanti come “candidata debole” e “candidata socialista”. Letto in chiave politica la scelta è evidente: o Ignazio Cassis o piuttosto nessun/a ticinese in Consiglio federale. Si è mai visto un partito eliminare a priori qualsiasi “piano B” in questo modo? Tanto più che l’elezione è…

Leggi tutto

Ma guarda un po’, a volte, la fortuna!

Ma guarda un po’, a volte, la fortuna!

Nell’attesa di ricevere risposte alle tante domande sorte sulla vicenda del mandato milionario alla Argo1, proviamo a porci una semplice domandina. Se fosse stato indetto un concorso (pubblico o anche solo su invito) per il mandato di sorveglianza in questione, la società Argo1 avrebbe potuto parteciparvi o sarebbe stata scartata a priori in assenza dei requisiti minimi per svolgere un simile compito (personale, referenze, garanzie, ecc.)? Così, tanto per essere rassicurati che l’incredibile serie di…

Leggi tutto

I migliori se ne vanno

I migliori se ne vanno

Claudio Baglioni cantava disperato “passerotto non andare via, senza i tuoi capricci che farò…”. E la tristezza malinconica del cantautore romano ci pervade al solo pensiero che Donatello Poggi possa dar seguito ai suoi preannunciati intenti: lasciare la Svizzera. Di essere condannato per razzismo lui non può accettarlo. Passino le lontane vicende giudiziarie per diffamazione e minaccia, ma discriminazione razziale proprio no. Ci preoccupa pensarlo all’estero, costretto all’esilio in un lontano paese. Dove ancora non lo…

Leggi tutto

Non conta se sei il migliore, ma dove abiti

Non conta se sei il migliore, ma dove abiti

Alla faccia delle libertà personali, una volta tanto care a chi seguiva il pensiero liberale, la deputata Polli chiede al Governo di istituire l’obbligo dei quadri medici e dei dirigenti dell’Ente ospedaliero di risiedere in Ticino e addirittura “nella regione in cui si trova l’ospedale in cui lavoreranno”. Follia allo stato puro, raggiunta nella spasmodica gara ad essere più leghisti della Lega. Il criterio di nomina non dovrebbe essere che uno solo: scegliere il migliore…

Leggi tutto

Salviamo le nostre targhe!

Salviamo le nostre targhe!

L’ambita targa TI 9 è stata assegnata all’asta ad un prezzo di 80 mila franchi! Un Norman Gobbi gongolante appare in foto a fianco del giovane che si è appena concesso il costoso sfizio. Il nostrano difensore dei confini elvetici avrebbe riso meno se solo si fosse reso conto che la preziosa targa ticinese era appena finita in mano ad un imprenditore varesotto. Sarà pure un ricco rampollo di una famiglia con alle spalle un…

Leggi tutto
1 2 3