“L’Albania non è il nazismo”

“L’Albania non è il nazismo”

Dopo il triste episodio dei soldati svizzeri nazisti, qualcuno ha già cominciato a menzionare il caso delle reclute che esponevano la bandiera albanese, dicendo che è inaccettabile scandalizzarsi per i nazisti se non ci si è scandalizzati per i kosovari. Ora, io speravo tanto che l’idiozia di questo ragionamento fosse evidente, ma purtroppo non è così… Quindi lo spiego, per l’ultima volta: 1) l’Albania non è un’ideologia assassina, ma uno stato: esporre da soldato svizzero…

Leggi tutto

“La maldicenza come sistema”

“La maldicenza come sistema”

Quando in politica mancano gli argomenti, alcuni, pur di sostenere le proprie tesi, arrivano a mentire o raccontano solo la parte della verità che fa più comodo, immaginando che la gente sia pronta a credere a tutto. E’ accaduto anche in questi giorni, dove Mattinonline e Mattino della domenica hanno dovuto raccontare falsità su di una persona assunta al 60% al Centro di dialettologia e etnografia (CDE) con un contratto da ausiliario, rea di provenire…

Leggi tutto

“Emmanuel è stato ammazzato, e non per legittima difesa”

“Emmanuel è stato ammazzato, e non per legittima difesa”

E ora, a dirlo, anche la verità processuale: Amedeo Mancini ha ucciso Emmanuel, e non per legittima difesa. Amedeo Mancini è l’ultra di Fermo che uccise Emmanuel, il migrante nigeriano, ed è stato condannato a quattro anni, con l’aggravante del razzismo. Amedeo Mancini ha un fratello che cercando di scagionarlo disse: “Lui se vede un negro gli tira le noccioline, ma lo fa per scherzare, non è razzista”. Chenyere è la donna abbracciata a Emmanuel,…

Leggi tutto

“Le casse automatiche sono il progresso?”

“Le casse automatiche sono il progresso?”

Nel supermercato vicino casa mia – che, va detto, non era mai contraddistinto per particolari problemi di fila – hanno installato sei casse automatiche. Oggi ci sono otto casse col cassiere, di quelle classiche. E queste sei automatiche, in cui puoi presentarti se hai comprato massimo nove articoli. Le otto casse col cassiere vivono di vita propria, con un cassiere a testa. Nelle sei casse automatiche, invece, c’è un solo cassiere. Per far firmare gli…

Leggi tutto

“Caro Facebook, vogliamo eliminare ste pagine sì o no?”

“Caro Facebook, vogliamo eliminare ste pagine sì o no?”

Mentre noi discutiamo in modo compassato su anonimato e rischi di censure sui social ci sono interi gruppi che fanno strame di regole e civiltà, rispetto e dignità, e regrediscono a uno stadio davvero pre-umano. Branchi di allupati qui su Facebook mettono in pratica quella che credevo fosse solo una similitudine iperbolica, con il muro del gabinetto maschile degli autogrill. Carpiscono dalle pagine aperte del social innocentissime foto di ragazze e le riproducono come emblemi…

Leggi tutto

“Le gravi incognite che pesano sull’Europa”

“Le gravi incognite che pesano sull’Europa”

L’ex direttore dell’Economist, Bill Emmott, nell’editoriale de La Stampa di ieri, ha affrontato il tema dell’avvenire dell’Europa da un’angolazione politica molto interessante ma anche molto preoccupante, soprattutto per la sinistra. Dopo il voto sulla Brexit, che ha segnato anche un successo dei gruppi più conservatori dei Tories, Emmott dice che nelle prossime elezioni francesi non è da escludere una vittoria di Marie Le Pen. Dopo Trump anche in Francia tutto è possibile. Come è noto,…

Leggi tutto

“O il carcere ti forma, o peggiora la situazione”

“O il carcere ti forma, o peggiora la situazione”

Una cosa è certa: i terroristi si radicalizzano in carcere. E così chi entra per un reato quasi sempre esce e ne commette uno peggiore, o uguale. Poi ci sono i dati, sempre quelli, sempre uguali da Beccaria a oggi: la recidiva è minore dove il percorso di riabilitazione è concreto. In altre parole: o la pena è un percorso che forma, aiutando la persona detenuta ad acquisire competenze e pensiero, oppure non serve, e…

Leggi tutto

“Semina il vento”

“Semina il vento”

“Mi tornarono alla mente le teorie di un certo Anderson, che avevo studiato all’università per un esame di sociologia. Anderson parlava di “comunità immaginate”; non “immaginarie”, ma proprio “immaginate”, nel senso che certe comunità sono assolutamente reali, ma si basano su un’appartenenza creata a tavolino, su legami costruiti a partire da una proiezione dei propri desideri. I membri di una comunità immaginata rifiutano l’idea di esser un gruppo ristretto e pensano di essere l’avanguardia di…

Leggi tutto

“I collegamenti nel Ticino unicamente a misura di turista”

“I collegamenti nel Ticino unicamente a misura di turista”

Alptransit. Dice che i disagi in seguito all’apertura del tunnel siano insicurezze di gioventù, risolvibili con la sperimentazione pratica. Sarà. L’altra sera per tornare a casa da Zurigo la mezz’ora guadagnata (e già qui ci si potrebbe fare più di una domanda) l’ho persa dovendo tornare a casa a piedi dalla stazione. Infatti sia a Tenero che a Locarno non esistono più, per alcune fasce orarie, le coincidenze con i bus della rete urbana. Neanche…

Leggi tutto

“Tutto è successo l’ultima settimana di giugno”

“Tutto è successo l’ultima settimana di giugno”

Ricordate che tutto è successo nell’ultima settimana di giugno. Abbacinati dal referendum sulla Brexit, pochi hanno saputo valutare gli effetti dell’accordo firmato a Roma il 26, che poneva fine al contenzioso tra Turchia e Israele per il sanguinoso attacco alla nave turca che portava soccorsi (e altro) a Gaza isolata, e della lettera di scuse inviata il giorno dopo, il 27, da Erdoğan a Putin per la vicenda del caccia russo abbattuto nello spazio aereo…

Leggi tutto
1 2 3 6