“Dov’è finito Rabadan”

“Dov’è finito Rabadan”

Dopo essere arrivata ieri sera col treno da Friborgo (tanto per cambiare in ritardo) ed essere stata accolta da transenne, barricate, securini ovunque e dopo la tragedia del 20enne vorrei condividere con voi questo pensiero espresso da mio zio. È vero a tratti esagerato a tratti moralista ma con parti azzeccate e condivise. Questa sera “viviamo” il carnevale nel rispetto e nell’allegria. “La fine di Rabadan, lettera apparsa un anno fa sui giornali Quest’anno il…

Leggi tutto

“Boris e i fondi per i richiedenti l’asilo”

“Boris e i fondi per i richiedenti l’asilo”

Effettivamente (Bignasca NdR) ha scritto che una parte dei fondi sono versati dalla Confederazione. Si è però “dimenticato” di indicare a quanto ammontano i costi per il Cantone. Naturalmente i fondi della Confederazione provengono anche in gran parte dalle tasse. A parte questo, per quanto mi consta, le prestazioni assistenziali per i rifugiati sono più basse che per i residenti. A prescindere dal discorso finanziario sarebbe interessante una volta sapere cosa altrimenti dovremmo fare di tutte…

Leggi tutto

“Caccia all’uomo (nero)”

“Caccia all’uomo (nero)”

Nella giornata di lunedì la polizia di Como ha dato vita a un’autentica caccia all’uomo nelle strade della città, nei luoghi abitualmente frequentati dai migranti e in quelli che danno loro rifugio. Nello specifico: l’oratorio di San Rocco, il piazzale del centro diurno del Don Guanella, Piazza Vittoria, Piazza Camerlata e Giardini a Lago. Complessivamente sono state rastrellate una cinquantina di persone prive di documenti o presunte tali, di diversa età e nazionalità. Queste persone…

Leggi tutto

“Io sono innamorato”

“Io sono innamorato”

Sono innamorato di qualcosa di azzurro. Un pezzo di mare all’improvviso, dietro una curva. Un angolo di cielo in mezzo a due palazzoni, in cima a un vicolo urlante. Un riflesso in una finestra che si apre di mattina presto, una voce che canta da qualche parte qualcosa di antico. Una radio che rimanda una canzone giovane, che sa di vecchio. Sono innamorato dei rumori insostenibili, delle ragazze che ridono per strada senza una ragione,…

Leggi tutto

“”Spillo” che ci pungola la coscienza”

“”Spillo” che ci pungola la coscienza”

La corale reazione di stupore e di rincrescimento sui social per la scomparsa di Mauro, detto Spillo, di cui oggi a Lugano si sono svolti i funerali, mi spinge a riflettere sull’elevato prezzo della libertà, che al di là di ogni giudizio moralista, è un valore in via d’estinzione. La libertà ci affascina e allo stesso tempo temiamo che ci contamini, perciò celebriamo le personalità come Mauro quando non disturbano più il nostro conformismo. Quella…

Leggi tutto

“A Zurigo ci prendono per cazzoni”

“A Zurigo ci prendono per cazzoni”

Insomma, il Ticino non fa molto per farsi apprezzare. Qui a Zurigo ci prendono proprio per dei sempliciotti un po’ cazzoni. E questo non a causa della scrittrice “colonialista” Kathrin Ruegg che ha descritto la Verzasca e il Ticino come luoghi idilliaci con caprette e pecorelle e popolati da gente sempre un po’ brilla che canta lavorando. No, possiamo ringraziare la Lega (così come l’Italia può ringraziare Berlusconi) se l’immagine che si ha del sud…

Leggi tutto

“Svizzera di carta”

“Svizzera di carta”

Questa ve la devo raccontare! Lavoro in ufficio dove si parla prevalentemente tedesco e francese e ho a che fare con la clientela telefonica. Stamattina suona il telefono, un signore di una certa età inizia a parlarmi, chiaramente in schwizerdutsch, gentilmente gli chiedo se può parlarmi in tedesco così da capire bene la sua richiesta, e mi risponde chiedendomi se sono polacca o ungherese. Gli dico “no sono proprio svizzera”, e lui “sì una di quelle svizzere di…

Leggi tutto

“Io dico no”

“Io dico no”

In vent’anni di giornalismo non ho mai avuto bisogno di nascondermi e di fronte a denunce anonime mi sono sempre imposto di conoscere la vera identità dell’interlocutore, prima di approfondire. Credo che sia il minimo per rispetto dell’etica, del lettore e della propria coscienza. Esistono forme di giornalismo “anonimo”, inchieste mascherate che rispettano regole del gioco e norme ben precise. Se ne fa un uso limitato e solo quando non sarebbe possibile ottenere informazioni di…

Leggi tutto

“Non serve sapere tutto di una persona, anzi”

“Non serve sapere tutto di una persona, anzi”

Non serve sapere tutto di una persona, anzi. Più ne sai, oltre un certo limite, peggio è. D’accordo, magari dopo con l’affetto o la tensione sessuale si scavalcano anche siepi altissime, ma è meglio non sapere. Tutti hanno dolori e debolezze senza nome. Se diamo loro un nome, l’altra persona soffre. Per un breve attimo. Poi scopre che anche quel segreto poteva essere svelato senza gravi conseguenze, perché la sua coscienza di sé si ritira…

Leggi tutto

“Se la prendono con La Posta, ma a Bellinzona fanno uguale”

“Se la prendono con La Posta, ma a Bellinzona fanno uguale”

La Posta riduce personale e uffici e tutti – giustamente – insorgono. Anche il Governo ticinese si attiva e scrive indignato che non condivide questa strategia aziendale. Evidentemente sottoscrivo ogni atto che sostenga l’efficienza e la vicinanza del servizio pubblico all’utenza. MA le lamentele governative si infrangono miseramente sugli scogli delle contraddizioni: ci si lamenta del disservizio della Posta e nel contempo – con gli stessi precisi intenti e modalità, si “centralizzano” il Registro di…

Leggi tutto
1 2 3 7