Modenini: “Il mondo della gente comune lo conosco molto bene”

Modenini: “Il mondo della gente comune lo conosco molto bene”

Buongiorno Sono figlio di operai, che oltretutto hanno lottato per i loro diritti, quindi il mondo della gente comune lo conosco molto bene, a differenza di tanti altri, anche a sinistra, che lo descrivono senza averlo mai vissuto. Un salario minimo di 3’500 franchi mensili lordi non è evidentemente alto per chi lo percepisce ma per diversi artigiani, commercianti e aziende che devono fare quadrare i conti e fare fronte alla concorrenza si. Per aiutare…

Leggi tutto

“Perché il CdT non si concentra su attualità regionale e nazionale?”

“Perché il CdT non si concentra su attualità regionale e nazionale?”

Diamo per assunto che la Gazzetta di Parma non tenta ad ogni piè sospinto di proporre scoop a livello planetario. Infatti non ne ho mai sentito parlare, né della Gazzetta di Parma né tantomeno di presunti scoop emiliani di caratura internazionale. Presumo che gli scafati giornalisti parmensi evitino di cimentarsi in questo genere di impresa, per non incorrere nel rischio di dover ammettere a posteriori che le novità sensazionali pubblicate nient’altro siano che bufale ben…

Leggi tutto

Occhio per occhio, il mondo diventa cieco

Occhio per occhio, il mondo diventa cieco

Sabato sera, fuori da un locale di Gordola, c’è stata l’ennesima scena di violenza. Tutti i mesi si legge sui giornali che la vita notturna spesso si trasforma in risse, spintoni, quando va male in accoltellamenti. Purtroppo sabato è successo l’irreparabile. Un pugno, si è letto alla schiena. Le dinamiche ancora non sono chiare. Certa è la caduta, poi la morte di un padre di famiglia di 41 anni. Non si può morire così. Non…

Leggi tutto

“Perché quello sgombero?”

“Perché quello sgombero?”

“Bastardi! Ma cosa state facendo?! Quell’edificio era abbandonato e queste/i ragazze/i si stavano dando da fare, lavorando, facendo musica ed arte! Voi arrivate a fare questo teatro strappandoli fuori con la forza? Bloccando per giunta il traffico e terrorizzando il vicinato intero? Vergogna! È chiaro che si difendano!”. A gridare brandendo un bastone da passeggio è un anziano signore abitante del quartiere, decisamente scontento dell’operato della polizia. Parliamo dello sgombero del numero 29 della Effingerstrasse…

Leggi tutto

Quasi tre milioni di voti in meno non contano niente

Quasi tre milioni di voti in meno non contano niente

Cara redazione del GAS, l’8 novembre Donald J. Trump è stato eletto dalla maggioranza dei grandi elettori Presidente degli Stati Uniti. Un imprenditore misogino xenofobo favorevole alla tortura e contrario alla coerenza. E i difetti sono anche peggio (Piccolo riferimento a un grande comico). È importante sottolineare che è stata la maggioranza dei grandi elettori a eleggerlo, perché, a bene vedere, la maggioranza della popolazione americana ha votato per la candidata “democratica”. Infatti, dati alla…

Leggi tutto

De bufale referendarum

De bufale referendarum

Finalmente noi in Italia abbiamo messo alle spalle questo insidioso referendum che ci ha dimostrato ancora una volta come qualsiasi avvenimento politico abbia la grande dote di trasformare tutti in esperti. Questa volta tutti sono stati magicamente trasformati in Costituzionalisti di lungo corso. Gli stessi soggetti che fino al giorno prima non sapevano nemmeno quanti articoli avesse la Costituzione, si sono trasformati in paladini della nostra Carta, talmente tanto innamorati che in confronto Benigni è…

Leggi tutto

L’illusione di Scarinci

L’illusione di Scarinci

A me piace Jacopo Scarinci. È giovane, ottimista, speranzoso. Mette allegria leggere i suoi articoli. Fa sembrare il mondo non solo quasi meritevole di essere salvato, ma perfino… beh, sì, salvabile davvero. Fa tenerezza, Jacopo. Povero illuso. L’ultimo pensiero positivo di Scarinci è esposto nell’articolo “Fatti sotto, Donald” (clicca qui), la cui tesi può essere riassunta così: dopo le montagne di frottole raccontate in campagna elettorale, per smentire Trump basterà aspettarlo al varco quando dovrà…

Leggi tutto

Lettera aperta di una lettrice a Norman Gobbi

Lettera aperta di una lettrice a Norman Gobbi

Caro Norman Gobbi, lei è direttore delle Istituzioni ed è stato candidato al Consiglio federale. In caso di elezione, sarebbe stato uno dei sette rappresentanti di tutto il nostro Paese, la Svizzera, simbolo e patria di diritti, civiltà. Io da un ministro mi aspetto che rispetti le leggi, certo. Ma mi aspetto anche umanità, comprensione, la capacità di scendere dal proprio scranno e capire il dolore della gente. Lei è padre, signor Gobbi. Quando guarda…

Leggi tutto

Il Molino non si tocca

Il Molino non si tocca

di Michintosh Facciamo il punto della situazione: ci sono circa 200’000 maggiorenni svizzeri residenti in Ticino (l’ultimo censimento del 2000 ne contava 187’771, tenendo anche conto che son passati 16 anni arrotondo a 200’000 per comodità). Se i dati corrispondono, da quando il Macello non paga più le bollette c’è una fattura di 200’000 franchi per la corrente elettrica, se non mi ricordo male. Aggiungiamo anche un ipotetico affitto altrettanto costoso non pagato per un…

Leggi tutto

#safepassage, domani a Lugano in piazza Dante alle 14:00

#safepassage, domani a Lugano in piazza Dante alle 14:00

L’Associazione Firdaus segnala: 27 febbraio 2016, Europa unita per i rifugiati: i cittadini europei manifestano per i diritti umani dei rifugiati. Per creare #safepassage e garantire passaggi sicuri per tutti i rifugiati si chiede all’Europa e ai singoli Governi di agire adesso! #safepassage Significa vie legali e sicure: mai più morti alle nostre frontiere #safepassage Significa protezione per i rifugiati durante il loro viaggio attraverso l’Europa #safepassage Significa adeguati standard di accoglienza e di asilo…

Leggi tutto
1 2 3 6