Da che pulpito!

Da che pulpito!

Il buon Fabio Pontiggia, direttore del CdT per meriti politici e non certo giornalistici, si lancia, “lancia in resta”, contro Marco Jermini, consigliere comunale socialista, ”reo” di aver definito Marcello Foa “fuco residuo del cavaliere chitarrista sulle navi”. In un certo senso ha ragione: definire qualcuno residuo del Berlusca è certamente un insulto, non vorrei mai riceverlo, ma nel caso di Foa è la verità, pura verità… Ma il nostro Fabio non si ferma, è…

Leggi tutto

E se fosse la buona politica a mettere all’angolo l’UDC?

E se fosse la buona politica a mettere all’angolo l’UDC?

Quelli dell’UDC (Gobbi, Blocher e compagnia bella) prima lanciano l’orrenda iniziativa del 9 febbraio sull’immigrazione di massa, spendono milioni per la pubblicità, e la fanno vincere. Poi ci stracciano le palle dicendo che è ignobile che il parlamento non voglia applicarla. Stanno aggirando la volontà popolare, dicono. E ora i (cam)peones cosa fanno? Rinunciano al referendum! Questa la motivazione: il popolo vedrà che la legge non funziona e taaaac gli facciamo un’altra iniziativa per disdire…

Leggi tutto

Attentato a Beznau

Attentato a Beznau

Vi siete mai chiesti cosa accadrebbe se coloro che sventolano la bandiera nera prendessero di mira una centrale nucleare? Magari la più vecchia al mondo, con le sue quasi 1’000 fessure nel contenitore pressurizzato che contiene il reattore e deficit strutturali che nessuna aggiunta a posteriori può risolvere? No? Nemmeno noi sino a poche settimane fa… L’ipotetico obiettivo dell’ISIS dianzi citato si troverebbe proprio qui in Svizzera, a poco più di 100 km dal Ticino….

Leggi tutto

Un patto col diavolo

Un patto col diavolo

Una stalla derelitta con, rinchiusi, dei cavalli morti disidratati. Cani e gatti randagi, pelle e ossa, lasciati al loro destino. Dei villaggi, delle città una volta abitate e vissute, lasciate in fretta e furia dalla popolazione che ha dovuto, per forza (e a volte con la forza), essere allontanata dalle radiazioni nucleari. Un barbone che si è rifiutato all’ordine di evacuazione perché non voleva lasciare indietro il suo cane. Ora, in tutta solitudine, bazzica le…

Leggi tutto

Lo spettro del “too big to fail”

Lo spettro del “too big to fail”

Dal verbale di una seduta della Commissione dell’ambiente del Nazionale, su cui ha messo le mani la SonntagsZeitung, trapelano informazioni allarmanti. Il Presidente del CdA di Alpiq, Jens Alder, avrebbe dichiarato ai deputati che l’azienda ha tentato di vendere le centrali di Gösgen e Leibstadt. “Purtroppo – avrebbe raccontato disperato ai deputati – nessuna società europea è interessata a rilevare le nostre centrali nucleari, nemmeno per un prezzo stracciato”. Visto l’insuccesso ora il piano di…

Leggi tutto

Ma all’UDC interessa la vita delle persone?

Ma all’UDC interessa la vita delle persone?

Abbiamo letto il comunicato stampa dei giovani UDC su Lisa Bosia Mirra. Chiedono che si dimetta e lo motivano così: “Lei ha violato la nostra legge invece di difenderla”, “Ma che esempio da un politico se?”. Ed infine l’affondo democentrista: se un politico pensasse che uccidere è giusto, potrebbe fare come ha fatto lei? Noi non siamo in contatto con Bosia Mirra e vogliamo rimanere distanti, per potere proporre analisi politiche su questa faccenda. Le…

Leggi tutto

Gobbi, la smetta di prendersi in giro

Gobbi, la smetta di prendersi in giro

Norman Gobbi è stato dal Papa. Bene. Notizia assolutamente insignificante. Anche il peggior uomo del mondo può chiedere un’udienza, perché non Norman Gobbi? Quello che invece Gobbi non può fare è continuare a mentire a tutti, compreso se stesso. Se non altro almeno ora siamo tutti certi che l’indipendenza Lega dei Ticinesi – Mattino non è vera. Perché per rispondere alle critiche che gli sono state mosse, il Ministro, ha scelto proprio di rivolgersi alla…

Leggi tutto

Libertà

Libertà

La cosa peggiore che possa capitare ad un giornalista, strano a sentirsi, non è la censura. È l’autocensura. Ha un peso e conseguenze ben più gravi di quel che può causare la pressione del politico, dell’alto funzionario, del grosso inserzionista commerciale di turno. Alle pressioni esterne il giornalista può resistere, soprattutto se ha intorno una redazione e alle spalle una proprietà non disposte a piegarsi a logiche d’interessi di parte. L’autocensura è invece qualcosa di subdolo….

Leggi tutto

LAC, ecco perché è stata scelta Pesenti

LAC, ecco perché è stata scelta Pesenti

Cerchiamo di togliere gli occhiali del socialista imbufalito e mettiamo quelli dello spettatore allo stadio: la proposta di candidare Pesenti da parte della Lega è poesia politica. È stato un gesto comunicativo strategicamente perfetto. Hanno comunicato questo: “sacrifichiamo un leghista, mettiamo qualcuno di un altro partito, vedete come siamo ecumenici e sappiamo andare oltre gli steccati?”. Hanno fatto fuori i liberali, con un messaggio molto astuto: “non siete le uniche persone competenti di questa città,…

Leggi tutto

Di Pozzo Polenta ne abbiamo già vissuto uno

Di Pozzo Polenta ne abbiamo già vissuto uno

Grande classico ticinesismo, vedere la pagliuzza nell’occhio altrui senza accorgersi della trave nel proprio. Beh, in questo caso mi vien da dire che nell’occhio i locarnesi dell’UDC e Montagna Viva avessero un bosco intero! Eh già, perché dopo il grave caso di inquinamento di Cugnasco-Gerra, Lavertezzo e del quartiere Gerre di Sotto a Locarno chiaramente è inutile interrogarsi sul perché e il percome dello stesso. Molto meglio far polemicuccia sulla provenienza dell’acqua distribuita alla popolazione….

Leggi tutto
1 2 3