La donna che si trasformò in asino

La donna che si trasformò in asino

La premessa Sono qui a narrarvi di una storia vera capitata a una donna che possedeva due asine. La donna si chiamava Antonia e soleva passeggiare con le proprie asine nei prati e nei boschi e quando una delle sue asine si fermava anche lei si fermava. Antonia sapeva infatti fin troppo bene che quando un asino si ferma è perché ha subodorato un pericolo per la propria incolumità e non si muoverà finché non…

Leggi tutto

Buongiorno un fico secco!

Buongiorno un fico secco!

Finalmente mi sento capita, mi ostino a non voler guardare la televisione che regala perle pubblicitarie imperdibili e di infinito supporto morale. Mi sento di invidiare un po’ la mamma del Buondì Motta! Beata lei che al mattino si mette lì sorridente e sistema i fiori sulla tavola mentre la sua bambina perfetta già polemizza sul tipo di colazione. Io, per come sono, l’asteroide glie lo facevo inzuppare nella tisana alla valeriana. Per me la…

Leggi tutto

Pütost che tö ‘na dona…

Pütost che tö ‘na dona…

Alzi la mano chi di voi non ha mai intonato o quanto meno sentito cantare almeno una volta le strofette da osteria “Chi è che dis che el vin el fa mal…” o “Pùtost che toeu ‘ na dona”. Forse però non a tutti è chiaro chi dobbiamo oggi ringraziare se quelle canzoni della tradizione popolare lombarda, insieme ad altre originalmente meno note sono giunte fino a noi. Il maestro Nanni Svampa, storico componente del…

Leggi tutto

L’Arte di raccontarla: episodi stravaganti nella storia dell’arte: La Tigre di Gualtieri

L’Arte di raccontarla: episodi stravaganti nella storia dell’arte: La Tigre di Gualtieri

Eccoci dunque all’ultima puntata di questa rubrica di arte domenicale, che ci ha condotti per tutta l’estate alla scoperta di grandi artisti e grandi opere spero in maniera originale e gradevole. Ci lasciamo con un piccolo aneddoto di un piccolo pittore vissuto il secolo scorso. Un matto,un visionario, uno dei tanti di cui la Storia dell’arte si è costellata nei secoli. Ma cosa accumuna cosi tanto arte e follia? È forse una sensibilità diversa, alterata…

Leggi tutto

L’Arte di raccontarla, episodi stravaganti nella storia dell’arte: La versione di Paul

L’Arte di raccontarla, episodi stravaganti nella storia dell’arte: La versione di Paul

È lunedi mattina, è la vigilia di Natale. Paul ha dormito male, malissimo. Malgrado la comoda stanza d’albergo, malgrado il profumo dei lauri che a dicembre sono in fiore, malgrado fosse al sicuro, aveva dormito male, agitato. Solo alle tre era riuscito ad addormentarsi, e alle 7 e trenta già era in piedi. Aveva dormito fuori casa. A casa sua non si sentiva più sicuro e quel giorno sarebbe ripartito dritto per Parigi, lasciando Arles…

Leggi tutto

Di terrorismo, di sogni e di viaggi

Di terrorismo, di sogni e di viaggi

Altra serata storta, altro pugno nello stomaco. L’ennesimo. Da Nizza, Bruxelles, Berlino, Parigi, Londra… ora è il turno di Barcellona. Ci sono stato pochi mesi fa nella capitale catalana. Con mio fratello e nostro padre, per il suo compleanno. Sai quando i tuoi figli ti dicono “Papà, andiamo a Barcellona?”, che fai dici di no? E allora ci siamo andati, i tre maschi della famiglia, un piccolo week-end spensierato di metà marzo. Abbiamo fatto i…

Leggi tutto

Tipi da spiaggia

Tipi da spiaggia

LO SPORTIVO Si sveglia quando gli esseri umani abbracciano ancora il cuscino e Morfeo. Entra in acqua solo per percorrere a nuoto 10 km, seguiti da un paio di corsette sul lungomare e una sessione di stretching. Smoothie, colazione sana e via… si ricomincia. Mentre tu sei ancora al primo caffè e ti chiedi come ti chiami. L’IPERATTIVO Non riesce proprio a stare fermo: corre tra una partita a racchettoni, calcio acquatico, beach volley, torneo…

Leggi tutto

L’arte di raccontarla, episodi stravaganti nella storia dell’arte: la statua psicanalizzata

L’arte di raccontarla, episodi stravaganti nella storia dell’arte: la statua psicanalizzata

“Dovresti fatti vedere da uno bravo”, così a volte parafrasiamo amici o meno amici quando sembra che le castronerie che il nostro interlocutore espropria dal proprio orifizio orale stanno raggiungendo vette altissime. Di solito quel “bravo” si riferisce a specialisti quali psicologi, psicoterapeuti o addirittura psicanalisti. Per psicanalizzare una persona per quello che dice, che fa, che sogna non è per niente facile, ci vogliono anni di studi e pratica, non è una scienza esatta….

Leggi tutto

I Bagni numero 24

I Bagni numero 24

Le vacanze al mare cominciavano dopo aver oltrepassato le uscite autostradali di Bologna San Lazzaro e Bologna Borgo Panigale, quasi fossero le colonne d’Ercole, che si lasciavano alle spalle il puzzo della pianura padana appena concimata puntellata di papaveri rossi, l’odore degli autogrill, e il gusto del panino con la mortadella. Il sole tiepido della prima mattina entrava dai finestrini abbassati – ma non troppo altrimenti l’aria fa male – del maggiolino VW che era…

Leggi tutto

L’amore per la Sardegna, amore per la natura

L’amore per la Sardegna, amore per la natura

Quando Corrado Mordasini mi ha chiesto di fare delle riflessioni per il Gas gli ho fatto subito  presente che non sarebbe stata mia intenzione alzare barricate o trattare tematiche con il taglio pungente che ci si aspetta, ed è congeniale, alla causa di chi accende la società. La reazione di Corrado è stata di assoluta apertura, con addirittura il suo invito a scrivere, senza censure di nessun genere, le mie sensazioni, così come mi suggerisce…

Leggi tutto
1 2 3 30