Un nuovo inizio

Un nuovo inizio

di Markus Zommerman Ieri, nelle elezioni per il rinnovo del Consiglio di Stato, il Partito Socialista ha perso circa l’1,5% e un po’ tutti parlano di sconfitta. Lo scrivono gli editorialisti dei quotidiani, lo sussurra la base e lo hanno detto chiaramente anche i vertici del partito. In realtà, visto come si erano messe le cose in agosto (ricordate il cecchino per Bertoli?), io mi aspettavo che la Sinistra perdesse il 3 o addirittura il…

Leggi tutto

Lettera alla Gioventù Socialista

Lettera alla Gioventù Socialista

di Corrado Mordasini Care ragazze e cari ragazzi, eccovi alla vostra prima sconfitta. Mica facile. Ma ci si fa l’abitudine. Io ho quasi 50 anni, da 30 voto socialista e conto sulle dita di una mano le vittorie. È un po’ come essere interisti (e non me ne vogliano eventuali tifosi): la fede è la fede e anche se perdi vai avanti e speri nel prossimo derby. In fondo noi della Sinistra la sconfitta ce…

Leggi tutto

Uno sputo rimane addosso

Uno sputo rimane addosso

di Corrado Mordasini Oggi voglio parlare di Chiara Orelli. Chiara era in Gran Consiglio per i Socialisti fino a quando decise di andarsene, stufa del clima degradato della politica ticinese, quando il pargolo del Nano, Boris, augurò la morte all’anziano padre di lei, Giovanni. Oggi Chiara vive serena col marito e la figlia, ma evidentemente non merita la sua serenità. Infatti nelle ultime settimane sul mattinonline è girata la notizia secondo cui la fuca sociali$ta…

Leggi tutto

Il razzismo lo si batte anche col pallone

Il razzismo lo si batte anche col pallone

di Santerre Djourou, Rodriguez, Behrami, Inler, Xhaka, Shaqiri, Seferovic, Drmic, allenati da Vlado Petkovic, di Sarajevo. Questi calciatori, questi uomini con le storie che hanno accompagnato i loro genitori o loro stessi in Svizzera, hanno calcato venerdì sera il prato dello stadio di Lucerna, per l’ennesima volta, con addosso la maglia rossocrociata. Tanti altri hanno assistito e sostenuto i propri compagni dalla panchina. Queste sono le risposte da dare ai signori dell’UDC, ai loro elettori,…

Leggi tutto

Populismo in casa, spesa in Germania: Borer e l’UDC

Populismo in casa, spesa in Germania: Borer e l’UDC

di Jacopo Scarinci Qualche giorno fa ci siamo occupati della “Edizione Straordinaria” dell’UDC: un fiorire di nazionalismo sfrenato, guerra allo straniero e rivendicazione della sovranità popolare che all’atto pratico, come quasi sempre accade quando si parla dell’UDC, non trova mai conferme. Questa volta il merito è della “Basler Zeitung”, che, grazie alle prove fotografiche fornite dai propri lettori, è riuscita a sputtanare nientemeno che un loro consigliere nazionale, tale Roland Borer, pizzicato a far spese…

Leggi tutto

Disertore, quindi rifugiato

Disertore, quindi rifugiato

di Giuseppe Z. A Losanna un gruppo di attivisti ha occupato assieme a sei richiedenti l’asilo eritrei una chiesa protestante. Il gesto è forte e rompe gli schemi del buonismo. Tipico del nostro tempo, il gesto non passa più attraverso uno scontro con lo Stato. L’occupazione tocca una chiesa, quindi un luogo privato. Ma che, come lo Stato, dice di sé di essere pubblica e di cercare il Bene pubblico. Molto di scandaloso? Nulla di…

Leggi tutto

La spesa d’oro

La spesa d’oro

di Marco Narzisi Abitando quasi a ridosso della frontiera, divido la mia spesa alimentare/casalinga fra la Svizzera e l’Italia (spese quotidiane di qua, spesona mensile di là), con dei precisi limiti su alcuni prodotti, da una parte e dall’altra, dovuti a motivazioni fondamentalmente diverse: non compro alcuni prodotti in Svizzera per motivi economici (e non sono tenuto ovviamente a lasciarmi fare i conti in tasca da voi), ma non ne compro altri in Italia perché…

Leggi tutto

Goku

Goku

di Artichoke Goku è un mio conoscente. Chiaramente non è il suo vero nome. E nemmeno il soprannome con il quale ha deciso di presentarsi al mondo. La mia scelta da voce narrante però ovviamente non è casuale: Goku qualche anno fa, inseguendo un sogno per il quale aveva le carte in regola, è volato in Giappone, dove ha frequentato scuole di lingua e artistiche con l’obiettivo di diventare mangaka, ovvero disegnatore di fumetti giapponesi….

Leggi tutto

Mai con Salvini

Mai con Salvini

di Filippo Contarini L’elicottero ha cominciato a girare presto sabato su Roma. Alle 7 il rumore metallico delle pale era implacabile. Rigorosamente della polizia, all’inizio era su Piazza del Popolo, dove si sarebbe tenuta la manifestazione della Lega Nord. Poi verso le due si è spostato su piazza Vittorio, a controllare il corteo dei “pericolosissimi” giovani dei centri sociali. Da una parte un partito di persone che fa della violenza, verbale e fisica, un metodo…

Leggi tutto

15 minuti

15 minuti

di Sarah F. La Banca della Svizzera Italiana licenzia, falce alla mano. 100 teste in meno. E in fretta. Ovvio: i proletari delle banche non sono sindacalizzati e nessuno se li fila. Allora perché difenderli? Alcuni però non se la passano molto bene: nervi che cedono, mobbing, vomitino prima di entrare in ufficio, perdita di peso. Clic, porta che si chiude, tre energumeni che ti guardano: “Buongiorno, lei ha 15 minuti per riordinare le sue…

Leggi tutto
1 21 22 23 24 25 30