Nientino e Qualcosa

Nientino e Qualcosa

C’erano una volta due amici: Nientino e Qualcosa. Nientino e Qualcosa si volevano bene, ma erano molto diversi: Qualcosa era il tipo di bambino che a scuola aiutava i compagni nella soluzione dei problemi, mentre Nientino stava sulle sue e, piuttosto, si girava in modo che i compagni non potessero sbirciare dai suoi quaderni. Qualcosa amava giocare con gli amici, nel campetto dietro casa: anche a Nientino piaceva, ma se non si faceva come diceva…

Leggi tutto

Se non ora, quando?

Se non ora, quando?

Nevia Elezovic è una ragazza come tante. Anzi, non è vero, è una ragazza colta, sensibile e riflessiva. Nevia ha deciso di fare una cosa strana l’altro giorno. In pochissimo tempo ha raccolto 5’000 fr. e siccome aveva vacanza di lunedì ha deciso di andare non in Toscana o in Liguria, ma in Serbia, a Belgrado, in un campo profughi. Nevia ci racconti l’epilogo di questa storia? Cosa ti è passato per quella testa bacata?…

Leggi tutto

Lettera ai miei figli

Lettera ai miei figli

Questa casa è prima di tutto una famiglia. La famiglia è la principale unità tribale dalla notte dei tempi. Nel buio dei millenni passati, 4 o 5 homo erectus si stringevano tra loro intorno a un fuoco. Così trovavano non solo calore ma anche conforto. Col passare del tempo, questa unione divenne più salda. Uomini “moderni”, come i Neanderthal o i Cro Magnon, seppellivano i propri cari per non farli mangiare dagli animali, mettevano dei…

Leggi tutto

Van Gogh e i social

Van Gogh e i social

Avete mai ascoltato la canzone di Caparezza “Mica Van Gogh”? No? Beh, allora fatelo. E ascoltatene bene il testo. Ammiriamo Van Gogh, abbiamo i suoi quadri come sfondo del PC, stampati sulle lenzuola, come riproduzione dozzinale rinchiusa dentro una cornice da quattro soldi presa al supermercato. Van Gogh è un mito. Piace a tutti. Basta andare a Parigi, nelle sale del Musée d’Orsay dedicate alle sue opere e contendersi a gomitate un posto davanti ad…

Leggi tutto

La dieta

La dieta

Parte prima. Inizio di dicembre. La gola, intesa come vizio capitale, si fa sempre viva nei luoghi meno opportuni, come per esempio al supermercato “Antonia cara, Natale è una volta all’anno, perciò compera pure tutto quello che vuoi e strafogati, comincia da subito, guarda che bei cioccolatini, guarda che bei panettoni, pandori, biscotti, datteri, arance candite, spagnolette, marzapane. Non vorrai farti mancare l’insalata russa e le terrine, vero? Ma goditela un po’ questa vita!”. E…

Leggi tutto

Battaglione 101

Battaglione 101

Felix è stanco stamattina. Ha le caccole negli occhi e un orzaiolo sotto la palpebra che lo infastidisce da giorni e gli annebbia la vista. Il campo riecheggia del clangore delle gamelle e del vociare dei soldati. L’aria è ancora fredda ma lui è abituato. Incede lento per la salitella che porta alla casa che funge da mensa cercando di passare sull’erba per evitare il fango. Più un’abitudine, che una necessità. I suoi pensieri scivolano…

Leggi tutto

La leggenda delle tre fate e della strega

La leggenda delle tre fate e della strega

Narra la leggenda che alla nascita dei propri figli, i genitori vengano svegliati nel cuore della notte da tre fate, che avvicinatesi alla culla e guardando il neonato con occhi d’amore, concedono tre doni alla nuova vita. “Io sono la Fata del sonno: il primo anno, o forse anche più, dormirai quando ne avrai voglia tu. Non ti importerà nulla del sole, della luna, del buio o della luce del giorno. Non ti importerà se…

Leggi tutto

Con uno sconosciuto in ascensore

Con uno sconosciuto in ascensore

Entro nell’ascensore dell’ospedale, c’è un uomo, mi chiede: “A che piano va?”, “Al secondo, grazie”, “Anch’io”. Si mette davanti a me, pigia il pulsante, la porta si chiude e si va su. Ok, mi trovo da sola in un ascensore con uno sconosciuto. Guardo di qua, guardo di là, guardo per terra, mi do un’occhiatina allo specchio, non so più dove sbattere gli occhi e allora gli faccio un sorrisetto di circostanza. Anche lui sorrisetto…

Leggi tutto

A volte ritorniamo

A volte ritorniamo

L’Epifania tutte le feste si è portata via, ci si sono messi anche il sabato e la domenica a rincoglionirci, e la settimana della ripresa sta facendo più paura di Donatella Versace in primo piano. Anche chi ha lavorato durante queste due ultime settimane ha vissuto in una sorta di bolla spazio-temporale, ma ora deve tornare a fare i conti con numeri, traffico, velocità consuete. Attenzione. Come eravamo partiti. 23 dicembre, weekend di Natale in…

Leggi tutto

Piccole gocce nel mare

Piccole gocce nel mare

C’è chi la chiama illusione, chi “non voler vedere la realtà”. Io invece la chiamo speranza. Sono perfettamente cosciente delle grandi difficoltà che questo 2016 ha portato nel mondo e nelle nostre vite. Credo che la maggior parte di noi non veda l’ora che finisca, sperando che l’anno nuovo ci porti più serenità e meno cattive notizie. Speranza, appunto. Quello che non voglio però è lasciare che i cattivi ricordi rendano l’anno appena trascorso un…

Leggi tutto
1 2 3 4 5 26